WIIT: SOLO 20% DELLE SOCIETÀ HA CLOUD, IL BUSINESS CRESCE - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

WIIT: SOLO 20% DELLE SOCIETÀ HA CLOUD, IL BUSINESS CRESCE

Volete investire in una società con business che cresce del 30% all’anno, con un margine operativo del 40% e offre anche un rendimento del dividendo ai prezzi attuali del 2%.? Il titolo c’è ed è Wiit

Si tratta di una società con sede e quartier generale a Milano, dove ha anche il data center principale, e un data center secondario a Castelfranco Veneto in provincia di Treviso. L’impresa è attiva nell’erogazione di servizi di Hosted Private and Hybrid Cloud per la gestione di Applicazioni Critiche e Business Continuity.

La società è stata fondata nel 2001, nel 2013 è entrata nel circuito Elite (una sorta di acclimatamento alla Borsa), poi nel 2017 la quotazione sull’Aim e ad Aprile 2019 il passaggio allo Star.

L’outlook

Numeri del passato che non valgono per il futuro? “Sono ottimista per il secondo semestre del 2019 e per il 2020”, ha spiegato in un’intervista a Le Fonti Tv Alessandro Cozzi amministratore delegato della società It. Stanno entrando a pieno regime i benefici dell’acquisizione fatta a luglio, ci sarebbe poi un importante spazio di sviluppo per la società visto che solo il 20% delle aziende oggi si avvale di servizi in cloud.

Le società preferiscono investire in strutture relative al loro core business più che impegnare risorse in hardware e software e così l’outsourcing dei server per i dati diventa un’opportunità.

E non è finita qui, perché sempre per Cozzi, avvalersi di servizi di questo tipo consente dei risparmi di costi. Molte aziende infatti hanno server con data base esclusivamente residenti nelle strutture messe a disposizione da Wiit.

La società è attraente per Cozzi anche per un altro motivo, il fatturato è legato alla crescita delle aziende clienti. L’aumento dei loro volumi di attività o le espansioni geografiche rendono necessarie infrastrutture informatiche più grandi e cosi aumentano le opportunità per Wiit.

E la concorrenza dei giganti internazionali del Cloud? “Non impatta sul nostro business”, ha spiegato Cozzi, “noi ci occupiamo di applicazioni critiche”.

I target price di Websim

Il titolo è cresciuto molto a Piazza Affari con un valore più che raddoppiato da fine 2018 quando scambiava intorno a 30 euro. Nel momento in cui si scrive quota 58. “Il target price è pari a 70 euro”, hanno spiegato da Websim. Più ambiziosi sono invece i livelli sulla base di aggiuntive considerazioni di carattere fondamentale, “quota 73 appare abbordabile perché la società viaggia su multipli più bassi rispetto alle società americane attive in questo settore”.

Un fondo americano è già entrato nella compagine azionaria, ha ricordato Cozzi a questo proposito.

Questi i numeri

Ma diamo qualche dettaglio in più. La società ha realizzato un fatturato di 25 milioni di euro nel corso del 2018, i ricavi attesi dal mercato per il 2019 sono pari a 31,5 milioni di euro, mentre per il 2020 si sale fino a 36,9.

Come detto l’Ebitda (Margine Operativo Lordo) è del 40%. Il dividendo distribuito per il 2018 è stato pari a 0,90 euro, per il 2019 le attese sono di 1,15 euro. La società è impegnata in una politica di distribuzione dei dividendi molto generosa pari al 60% di payout. Il rendimento del dividendo come detto ai prezzi attuali è pari al 1,58% mentre, il P/e atteso per il 2019 gira 25,2 e l’earning price al 3,9%.

Il flottante sul mercato è di circa il 35%.

Fatturato e diversificazione

Quanto alla diversificazione, per quanto riguarda quella geografica il fatturato è quasi tutto tricolore ma indirettamente siamo ben diversificati ha spiegato Cozzi, visto che le nostre prime 20 società clienti sono attive in 60 paesi. La struttura commerciale è diretta con 12 persone attive e tra le società clienti ci sono fra l’altro: Fila, Alcantara ed molte altre aziende di moda.

Espansioni e acquisizioni

La società vuole crescere anche per linee esterne attraverso M&A fusioni ed acquisizioni. Gli acquisti sono finanziati, fra l’altro, da un magazzino di titoli costruito nel tempo.     

L’intervista dell’Amministratore delegato Alessandro Cozzi a Le Fonti Tv (4 settembre 2019)

https://www.youtube.com/watch?v=dqZ92FMS1IA

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *