Acea: al via nuovo progetto Smart Grid, in Borsa cosa fare con azioni?

Acea: al via nuovo progetto Smart Grid, in Borsa cosa fare con azioni?

Acea: al via nuovo progetto Smart Grid, in Borsa cosa fare con azioni?

Acea parte con un nuovo progetto. La multiutility italiana, tramite Areti, la società del gruppo che si occupa della distribuzione dell’energia elettrica a Roma, ha dato il via al progetto Smart Grid che, nell’ambito del più ampio piano di sviluppo della rete elettrica della Capitale, consentirà di avere un’infrastruttura più innovativa ed efficiente. La fase attuativa del progetto è stata affidata tramite gara a due partner tecnologici. Da una parte Sirti, hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete e dello sviluppo e integrazione di sistemi, dall’altra Nokia, leader globale per le soluzioni e tecnologie di comunicazione. Acea ha spiegato che grazie a questo progetto sarà fortemente potenziato il telecontrollo delle cabine primarie e secondarie, ottenendo una maggior automazione delle stesse, con un conseguente miglioramento dei livelli di servizio.

La nuova rete, di tipo “carrier grade” con tre livelli gerarchici, inoltre, garantirà elevati standard di sicurezza permettendo anche future evoluzioni della rete 5G. Una maggior velocità di comunicazione tra sala controllo e rete elettrica consentirà anche un miglior flusso delle informazioni, come le telemetrie degli apparati di cabina primaria e secondaria, i dati di misura dei contatori o le immagini delle videocamere di sorveglianza. Infine, le future implementazioni in ottica smart city daranno la possibilità di installare dei sensori, distribuiti in maniera capillare su tutto il territorio, attraverso i quali potranno essere raccolte importanti informazioni sul traffico o sull’inquinamento.

 

Azioni Acea: discesa prezzi si è arrestata su supporto area 17,50 euro, tentativo di rimbalzo in corso

Il titolo Acea è decisamente impostato al ribasso nel breve termine, nonostante la performance positiva registrata nella seduta di ieri. Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 17,69, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un minimo a quota 17,53 (area di supporto 17,50 euro). Nel corso del pomeriggio, poi, nonostante la chiusura per festività delle Borse americane (e conseguente mancanza di direzionalità di quella italiana), i corsi sono nuovamente rimbalzati con un rally intraday che li ha visti superare i precedenti massimi di giornata, fino a chiudere non lontano sul livello 17,72.

L’impostazione grafica, comunque, vede i prezzi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 38. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 17,75 con target nell’intorno dei 17,99 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 17,36 con obiettivo molto vicino al livello 17,10.

 


L’andamento di breve termine del titolo ACEA

Post correlati

Tiger Global: ecco quanto ha perso con il crollo delle azioni tech

Stablecoin: quali sono le 10 più importanti

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Grano: ecco chi oltre l’India ha imposto divieto di export

PayPlug: cos’è la soluzione di pagamento per le PMI