Apple: le novità presentate da Tim Cook, all’insegna di salute e benessere - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Apple: le novità presentate da Tim Cook, all’insegna di salute e benessere

Apple, tutte le novità presentate a Cupertino

Per i cultori di Apple e dei suoi prodotti l’evento annuale di Cupertino è imperdibile quanto la finale di Champions League per un tifoso. Lo sa bene l’amministratore delegato della big tech company Tim Cook che ha condotto ieri la presentazione delle ultime novità allo Steve Jobs Theatre, dopo due anni di interruzione a causa dell’emergenza sanitaria. Cook ha riassunto in una frase il filo conduttore dello show ma anche del nuovo concetto che Apple ha voluto mettere alla base dei prodotti presentati nel corso della convention:

 

“Questo posto è nato per stare insieme”.

 

E lo stare “insieme” è la nuova filosofia che si scorge dietro ai prodotti presentati nel corso dell’evento, la nuova serie di Apple Watch 8, la gamma di iPhone 14 e le nuove cuffie Air Pods Pro 2: insieme nelle situazioni di emergenza, insieme nell’attività sportiva, insieme nella tutela della salute e del benessere, come sottolinea Jacopo D’Alesio, in arte Jakidale, proprietario del canale YouTube TechDale che ha potuto assistere dal vivo all’Apple Day:

 

“Obiettivo di Apple è arrivare ai cosiddetti Prosumer, ovvero i consumatori pro – spiega D’Alesio a Borsa&Finanza – con importanti novità in particolare nel comparto salute e benessere. Continua infatti il miglioramento dei sensori per la misura dei parametri vitali”.

 

 

Apple Watch serie 8, star della presentazione

In particolare, spiega D’Alesio con riferimento all’Apple Watch serie 8, sarà possibile misurare la temperatura corporea grazie ai nuovi sensori. Si tratta di un parametro fondamentale da monitorare per stabilire lo stato di salute di una persona ma anche utile nel calcolo dei periodi di ovulazione delle donne. Ma le funzioni offerte dallo smartwatch di Apple vanno oltre e, anche se Cook si augura che non debbano mai servire, diventano fondamentali in caso di incidente. Quando i giroscopi registrano un incidente si attiva una chiamata automatica per i soccorsi, una funzione utilizzabile in tutto il mondo con messaggi preimpostati in lingua locale e la comunicazione della posizione della persona coinvolta, come spiega D’Alesio:

 

“Nel nuovo Apple Watch Ultra, a mio parere la vera star dell’evento, sono stati inseriti nuovi e più precisi giroscopi che permettono di capire se si è rimasti coinvolti in un incidente d’auto, una funzionalità che potrebbe essere collegata ai rumor sul possibile arrivo di una Apple Car. Inoltre si tratta di un prodotto che strizza l’occhio agli sport estremi e con le funzionalità di tracking credo che ci sia in corso un tentativo di superare Garmin che al momento è lo standard nel settore per gli atleti professionisti”.

 

Airpods Pro 2, cancellazione selettiva del rumore

Lo spostamento del focus verso i prosumer si replica anche per la nuova edizione delle cuffie Airpods, presentate da Tim Cook come “le più avanzate che abbiamo mai prodotto”. Le cuffie sono dotate di un chip che permette una cancellazione del rumore superiore a quella delle Pro 1. È stata migliorata anche la batteria che ha una durata fino a 6 ore. Secondo Jacopo D’Alesio si tratta di un prodotto particolarmente adatto agli ambienti di lavoro rumorosi in quanto

 

“il nuovo modello ha una funzionalità che permette di ridurre i rumori senza però impedire che si sentano le voci dei colleghi. Questa funzionalità potrà essere utile nelle fabbriche, piuttosto che al personale di staff dei concerti o che opera in altre situazioni rumorose. Anche in questo caso un prodotto che, come lo smartwatch, si orienta alla tutela della salute e del benessere dell’utente”.

 

iPhone 14, il re dei prodotti Apple

Nella convention di Cupertino è stata presentata infine la nuova linea di smartphone, il prodotto di punta di Apple, composta da iPhone 14, 14 Plus, Pro e Pro Max. I primi due modelli hanno apparenza simile all’edizione iPhone 13 con il medesimo processore mentre vi sono miglioramenti a livello ottico, fotocamera e video. Cambia invece il design delle versioni Pro e Pro Max. Tutta la serie è dotata della possibilità di inviare messaggi di emergenza anche via satellite in caso di scarsa o nulla copertura di rete, un servizio che al momento è attivo in Canada e Stati Uniti ma che verrà esteso anche ad altri Paesi grazie al partner Globalstar. L’accordo con la società specializzata in comunicazioni via satellite prevede tra l’altro la possibilità per Apple di ricevere warrants per l’acquisto del 2,64% dell’azienda al prezzo di 1,01 dollari per azione. Tutti gli smartphone della serie 14 sono prodotti con materiali riciclati, in linea con il perseguimento della dell’obiettivo di Apple di raggiungere la neutralità carbonica entro il 2030.

 

iPhone 14, quando arrivano e quanto costano

La gamma di nuovi iPhone sarà disponibile in date e prezzi differenti a seconda del modello. L’iPhone 14, il modello base, arriverà nei negozi il 16 settembre e avrà un prezzo di 1.029 euro per la versione a 128 gb di memoria o superiore per le versioni a 256 e 512 gb che costeranno rispettivamente 1.169 e 1.419 euro. Bisognerà attendere il 7 ottobre per l’iPhone 14 Plus che parte da un prezzo di 1.179 euro con 128 gb di memoria per salire a 1.309 e 1.569 euro per i due step successivi.
La versione Pro del melafonino arriverà il 16 settembre e costerà 1.339 euro nella versione a 128 gb, 1.469 euro in quella a 256 gb, 1.729 euro in quella da 1.729 euro e 1.989 euro in quella da 1 terabyte. Infine i prezzi della versione Pro Max sono, nell’ordine, 1.489 euro, 1.619 euro, 1.879 euro e 2.139 euro.
La data di uscita è fissata al 16 settembre anche per gli smartwatch che avranno un prezzo tra i 509 e i 909 euro a seconda della versione mentre le cuffie Air Pods Pro 2 usciranno il 23 settembre con un prezzo di 299 euro.

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *