Apple vale quasi $ 3.000 miliardi, ma gli investitori continuano a comprare - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Apple vale quasi $ 3.000 miliardi, ma gli investitori continuano a comprare

Apple vale quasi $ 3.000 miliardi, ma gli investitori continuano a comprare

Apple continua ad avere grande appeal tra gli investitori e la sua capitalizzazione di mercato è ormai prossima a tornare nei pressi di 3.000 miliardi di dollari. La seduta di inizio settimana a Wall Street si è chiusa con un leggero calo dello 0,51% a 174,26 dollari per il titolo, che sta rifiatando dopo un rally del 34,07% da inizio anno, a un passo dal record storico di gennaio 2022 a 183 dollari.

Il colosso di Cupertino ha sfruttato il rimbalzo delle azioni tecnologiche dopo un 2022 disastroso, beneficiando dell’avvicinamento alla fine del percorso di rialzo dei tassi della Federal Reserve. Gli investitori hanno acquistato le azioni del produttore di iPhone per via della sua forza economica e finanziaria. L’azienda produce ricavi costanti dalle vendite ed è in grado di generare in un anno oltre 100 miliardi di dollari di free cash flow. Ciò gli permette di superare i numerosi ostacoli che si frappongono tra l’attività produttiva e il mercato in termini di vincoli alla catena di approvvigionamento, calo della domanda e timori recessivi.

Forte dei risultati che sistematicamente battono le attese, Apple ha anche aumentato il dividendo e ha annunciato un piano di 90 miliardi di dollari di riacquisto di azioni proprie attirando una pletora di investitori tra i quali spicca il leggendario Warren Buffett.

 

Apple: ecco perché comprare le azioni in Borsa

Comprare le azioni Apple è una tentazione forte vanno fatte alcune considerazioni. Il titolo quota oggi praticamente ai massimi storici, una soglia da cui i prezzi potrebbero essere respinti nel breve termine, almeno fino a quando non si delineano meglio alcuni punti critici che riguardano l’economia e la politica americane. I multipli dell’azienda sono inoltre al di sopra della media storica: 28 volte gli utili previsti. Tenuto conto delle entrate che quest’anno dovrebbero ridursi, le quotazioni attuali potrebbero essere difficili da superare.

I grandi investitori però confidano nella forza di Apple. Patrick Burton, gestore di portafoglio del MainStay Winslow Large Cap Growth Fund, che possiede quasi 4,5 milioni di azioni Apple, ritiene che osservando le metriche sottostanti all’azienda si capisce perché quest’ultima abbia fatto così bene: “Nella mia carriera non ho mai immaginato un’azienda di queste dimensioni”.

Dello stesso avviso è Sylvia Jablonski, amministratore delegato di Defiance ETFs, che ha affermato che “Apple ha la stessa probabilità di ottenere buoni risultati in un ambiente di propensione al rischio come in uno di avversione al rischio”. Sui pericoli di acquistare a un prezzo troppo alto, l’esperta è molto chiara: “Non ci si possono attendere rendimenti del 20-30% dai livelli attuali, ma io preferisco parcheggiare i miei soldi qui piuttosto che in un Treasury. Ci sono molte opportunità di crescita anche in un mercato difficile, inoltre viene pagato un dividendo, un ampio buyback in corso e ha un bilancio incredibilmente forte”.

Una voce fuori dal coro è quella dell’analista di Loop Capital, Ananda Baruah, che ha declassato il rating delle azioni Apple da Buy a Hold, con obiettivo di prezzo a 180 dollari. A suo avviso, il rischio sta sulla guidance dei ricavi, in quanto l’azienda ha ridotto le spedizioni di iPhone per il trimestre di giugno.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *