Assicurazioni auto online: le migliori e le più economiche - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Assicurazioni auto online: le migliori e le più economiche

Un autista mentre guida

Difficile dire con esattezza quali siano le migliori assicurazioni auto online e le più economiche. Fino a qualche anno fa, contratti del genere erano appannaggio esclusivo delle agenzie fisiche che dominavano il mercato offrendo a prezzi non sempre bassi un servizio tutto incluso. Poi, sono arrivati il web e i concorrenti digitali, l’esplosione dell’e-commerce e i comparatori online e lo scenario è cambiato, si è fatto estremamente vivace ma pure parecchio più complesso da dominare, specie per i consumatori. Gli utenti si trovano infatti davanti a un’offerta enorme, un’abbondanza sì positiva eppure soverchiante. Allora il problema cruciale rimane sempre lo stesso: i costi e le condizioni.

 

Assicurazioni auto online migliori: quali davvero?

Oltre al dato quantitativo, è importante sempre riflettere su quello qualitativo: la migliore assicurazione auto online che una persona può stipulare è quella più adatta alle proprie esigenze e al proprio profilo di rischio. È quindi fondamentale considerare sempre il tipo di coperture offerte e le garanzie accessorie e leggere con estrema attenzione le clausole del piano scelto, le condizioni di contratto e la nota informativa. I primi due parametri da tenere a mente per l’RC Auto (obbligatoria per legge) sono le clausole di esclusione e rivalsa e il massimale: più alta è la soglia massima che una compagnia copre per un eventuale danno, migliore sarà l’assicurazione scelta.

Il terzo criterio da valutare, come già accennato, sono le garanzie accessorie: nel caso delle assicurazioni auto, le coperture facoltative che si possono aggiungere al piano base come l’incendio e furto, la Kasko, i cristalli, l’assistenza stradale, la rinuncia alla rivalsa, la protezione satellitare. Inoltre, va considerato se il piano per la RC annuale contempla la sospendibilità: un automobilista o un motociclista che non usa il suo veicolo tutto l’anno, ha convenienza a interrompere l’assicurazione durante i 12 mesi, allungando la validità del contratto fino a quando non decide di riattivarlo.

Un ultimo aspetto da tenere d’occhio è se il servizio online di assicurazioni che si sceglie prevede di poter usufruire del decreto Bersani, diventato successivamente la legge n. 40 del 2 aprile 2007. In base a questa norma, chiunque acquista un veicolo (nuovo o usato che sia) può ereditare la classe assicurativa di merito più favorevole di un mezzo già di sua proprietà oppure intestato a un familiare del proprio nucleo. Questo sistema è stato poi ampliato dall’RC familiare, per cui chi acquista per la prima volta un’auto e fa un’assicurazione parte dalla classe di ingresso CU 14. Va ricordato che, nel sistema bonus-malus, più bassa è la classe e minore sarà il premio assicurativo da corrispondere su base annuale. Infine, a scanso di equivoci, bisogna anche riconoscere che la maggior parte delle volte cambiando compagnia si risparmia.

 

Le assicurazioni auto online migliori più economiche

Non esiste un costo uguale per tutti né una tipologia di RC più conveniente in assoluto: ogni compagnia applica una tariffa in preventivo a seconda di alcune caratteristiche essenziali come lo “storico” dell’assicurato (in che zona vive, che uso fa del mezzo, l’anzianità di patente, quanti incidenti ha fatto in passato) e il tipo di veicolo. L’online consente però di consultare i comparatori, ovvero i siti web di confronto dei prezzi che permettono di fare un preventivo gratuito per raffrontare le proposte di più compagnie. Ovviamente l’utente deve inserire dei dati fondamentali per procedere come la targa del veicolo, l’utilizzo principale che se ne fa (lavoro o tempo libero), l’anno d’acquisto o di passaggio di proprietà, i km annui, la CU di assegnazione, la zona di residenza e gli eventuali sinistri avuti (se avuti) in precedenza.

L’IVASS è l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, presieduto dal direttore generale della Banca d’Italia. Nato nel 2012, l’IVASS vigila sul mercato assicurativo italiano per la tutela dei consumatori. Tra le sue funzioni, insieme alla lotta alle frodi, c’è proprio lo strumento del Preventivatore pubblico: una piattaforma realizzata con il Ministero dello Sviluppo Economico che confronta i costi delle RC Auto offerte dalle imprese assicurative operanti in Italia. A differenza dei comparatori commerciali, quello dell’IVASS include tutte le compagnie regolarmente operanti sul territorio nazionale e soprattutto non percepisce provvigioni dalle società in caso di sottoscrizione della polizza.

Facciamo un esempio di comparazione usando questo strumento. Ad un utente alla prima assicurazione personale, proprietario di una Fiat Panda 1.2 Pop 3° serie, che usa l’auto per tempo libero e lavoro con una percorrenza annua di 5.000 km, è patentato da 10 anni e non vuole clausole aggiuntive, conviene l’assicurazione UnipolSai con risarcimento diretto che gli farà pagare un totale di 589 euro. Tutti gli altri preventivi minimi (da Cattolica e iptiQ a BCC Assicurazioni e Vera Assicurazioni) si aggirano attorno alle 800 euro. Con l’online, i costi si abbassano drasticamente.

A gennaio 2023, secondo i dati riportati da diversi comparatori commerciali, le assicurazioni auto online migliori ed economiche sono Autofit di Bene Assicurazioni (da 127 euro) e Prima (da 134,83 euro), entrambe con un massimale di 6,45 milioni di euro per danni a persone e di 1,3 milioni per danni a cose. A seguire ci sono ConTe.it di Admiral (da 141,63 euro, con un massimale per le persone da 10 milioni di euro), wefox (da 152,35 euro), l’italiana Genertel (da 164,59 euro), Verti (da 166,51 euro) e GenialClick di Allianz Direct da 168 euro e con un massimale per cose da 6,5 milioni. Ma, come detto, il mercato assicurativo è in continua evoluzione, quindi meglio non anticipare troppo i tempi e controllare online al momento opportuno, ovvero quello in cui si deve procedere con la stipula.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *