Autogrill: fatturato verso livelli pre-Covid, cosa fare con l’azione in Borsa? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Autogrill: fatturato verso livelli pre-Covid, cosa fare con l’azione in Borsa?

Un ristorante Autogrill in autostrada

L’uscita dalla pandemia è arrivata anche per Autogrill, società specializzata nella ristorazione stradale e aeroportuale, che ha sofferto più di altre i periodi di limitazione agli spostamenti. I ricavi dei primi 8 mesi del 2022 sono aumentati del 73,3% (+63,3% a cambi costanti) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un giro d’affari che si è attestato a 2.599 miliardi di euro. La cifra è ancora inferiore a quanto registrato nei primi 8 mesi del 2019 ma in accelerazione rispetto ai primi sei mesi del 2022. I ricavi risultano infatti l’87% del totale di tre anni fa, a cambi costanti e al netto delle cessioni effettuate nel periodo.

Anche il risultato operativo (ebit) è in recupero e pari a 112 milioni di euro. Lo scorso anno l’indicatore era negativo per 28 milioni. Positiva la generazione di cassa: il free cash flow si è attestato a 232 milioni contro i 63 milioni nello stesso periodo del 2021. In particolare i mesi di luglio e agosto, quest’anno caratterizzati da un boom turistico, hanno generato da soli 128 milioni di flussi. La posizione finanziaria netta, escluse le attività e le passività per beni in leasing è di 19 milioni al 31 agosto 2022 (131 milioni al 30 giugno 2022).

Questi dati hanno permesso al gruppo di confermare la guidance 2022, alla luce dei buoni risultati raggiunti nei primi otto mesi dell’anno, pur tenendo conto della stagionalità del business in un contesto economico atteso in peggioramento per l’ultimo trimestre dell’anno. Il target dei ricavi è di circa 3,8 miliardi con un free cash flow di 200 milioni di euro. Invariati gli obiettivi al 2024.

 

Autogrill, le quotazioni hanno arrestato la discesa ma la tendenza resta ribassista

Seduta poco mossa ieri per il titolo Autogrill. A seguito di un’apertura in linea con la chiusura del giorno precedente infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 6,374 euro, per poi invertire drasticamente la rotta fino ad annullare tutti i guadagni, assestandosi sul finale a quota 6,324, corrispondente alla chiusura di mercoledì. La discesa che sta caratterizzando l’azione dalla metà di agosto potrebbe essersi arrestata in area 6,300 ma mancano decisamente spunti per intravedere segnali di inversione o rimbalzi. Basterebbe un pattern o il breakout di qualche indicatore. Invece no. Al contrario, quasi tutte le giornate sembrano identiche con un inizio brillante che inevitabilmente viene ritracciato nel corso del pomeriggio, con il risultato di mostrare grafici pieni di fuorvianti spike rialzisti e una forte pressione ribassista. In pratica, giornalmente sono i venditori ad avere l’ultima parola e, quindi, a comandare, impedendo al titolo di risalire ma senza riuscire neppure ad affossarlo del tutto.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 6,374 con target nell’intorno dei 6,500 euro, mentre le posizioni ribassiste sono da evitare visto che il già citato supporto di quota 6,300 è piuttosto solido e potrebbe generare falsi segnali. L’impostazione algoritmica, comunque, vede i prezzi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono ribassisti da agosto. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 38.


L’andamento di breve termine del titolo AUTOGRILL

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *