Azioni Finecobank: cosa fare dopo i risultati e l'aumento del dividendo - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Azioni Finecobank: cosa fare dopo i risultati e l’aumento del dividendo

Nell'immagine la vetrina di un negozio di consulenti finanziari di Fineco

Nel corso del 2023 i ricavi di Finecobank hanno sfiorato gli 1,24 miliardi di euro, meglio delle attese a 1,22 miliardi e in crescita annua del 30,5%. A trainare i conti dell’istituto sono stati il segmento investing (+6,8%) grazie al contributo della piattaforma di risparmio gestito – Fineco Asset Management – e il margine finanziario, cresciuto del 75,4%. Le commissioni nette, pari a 490 milioni, hanno anch’esse superato le attese, ferme a 484 milioni.

L’utile netto di Finecobank è arrivato a un passo da 610 milioni di euro e ha mostrato un incremento annuo del 42%, battendo le attese di consenso pari a 602 milioni. Si tratta di un risultato record per la banca. A fine anno infine le masse di Finecobank hanno superato i 122 miliardi di euro, in rialzo del 15% – a fronte di una raccolta che nel 2023 è stata di 8,8 miliardi – e meglio delle stime, che prevedevano poco meno di 117 miliardi. In seguito a questi risultati la banca ha annunciato un aumento del dividendo da 49 a 69 centesimi (il consenso prevedeva 66), in rialzo del 40%, confermando tutte le previsioni per il 2024.

 

Azioni Finecobank: quotazioni alle prese con l’indicatore Supertrend

Le azioni Finecobank sembrano essere impostate al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance leggermente positiva registrata nella seduta di ieri (+0,11%). Dopo un’apertura al di sotto della chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 13,105, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un massimo a quota 13,370, andando a chiudere sul finale non distante a 13,280 euro.

Dopo il doppio massimo realizzato a metà gennaio in area 14,140, l’azione è scesa piuttosto violentemente fino ad arrestarsi sul supporto presente sul livello 12,750. Da quel momento vi è stato un pronto rimbalzo che però non è andato oltre la soglia dei 13,500 euro, per poi vedere una nuova fase ribassista che ancora una volta ha trovato un ostacolo nel già citato supporto a quota 12,750. A quel punto, e riguarda le ultime quattro sedute, si è assistito a un nuovo recupero dei corsi che però vede ora l’incontro con la resistenza rappresentata dall’importante indicatore Supertrend. Sarà proprio quest’ultimo il livello fondamentale per capire se Finecobank avrà la forza di superarlo e proseguire nel recente rialzo derivante da un evidente doppio minimo, oppure se verrà respinta.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 13,370 con target nell’intorno dei 13,750 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 13,105 con obiettivo molto vicino al livello 12,750. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra sia dell’indicatore Parabolic Sar che della media mobile a 25. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 55.


L’andamento di breve termine del titolo FINECOBANK

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *