OVS: Intesa Sanpaolo alza target price, titolo rimbalza da supporto

OVS: Intesa Sanpaolo alza target price, titolo rimbalza da supporto

OVS: cosa fare con le azioni in Borsa?

Il management di OVS vede la guidance 2021 nella parte alta del range. Equita (buy) vede i ricavi 2021 in crescita dell’1% e l’Ebitda in aumento a 145 milioni. Intesa Sanpaolo alza le stime e il prezzo obiettivo da 3,2 a 3,3 euro (buy). Ecco cosa fare con le azioni

 

 

Dall’ultima conference call di OVS sono emerse indicazioni price-sensitive piuttosto interessanti. In particolare, il brand di abbigliamento ha sottolineato che le vendite a novembre sono state allineate a quelle registrate nel periodo pre-pandemia e che il mese di dicembre sembra essere partito bene. Durante la riunione il management ha detto di essere confidente di poter definire la guidance 2021 nella parte alta del range dove la società è già posizionata, nonostante le attese di un mercato meno promozionale data anche la minor disponibilità della merce. Secondo il gruppo, inoltre, il posizionamento del brand non è mai stato così forte, considerando la performance del terzo trimestre superiore a quella di tutti gli altri player, inclusi quelli che traggono fatturato unicamente dall’online.

L’attenzione anche per OVS ricadrà sull’inflazione e sui costi relativi all’energia e ai trasporti, sui cui il management sta operando per trovare spazi di mitigazione (trasporti via nave, incremento del sourcing dal Pakistan, razionalizzazione delle forniture). Meno visibile al momento l’effetto dell’inflazione sul costo del lavoro, che sembra poter rimanere al momento gestibile. Secondo Equita, in particolare, OVS è posizionata meglio rispetto ai concorrenti, a parte Inditex e H&M, per cui potrà avere un vantaggio competitivo. In prospettiva, il gruppo prevede circa 70/80 milioni di capex al 2022, principalmente per il rinnovo dei negozi, l’upgrade della logistica e le aperture (limitati capex perché per lo più in franchising), insieme a diverse opportunità di m&a già esaminate, anche se al momento la società non è ancora riuscita a identificare un target interessante.

Su queste basi gli analisti di Equita Sim hanno alzato leggermente la stima sui ricavi 2021 (+1%) e 2022 (+6% per incorporare gli impatti inflazionistici e il maggior contributo da nuove aperture) e in modo più contenuto l’ebitda 2021 (+0,2% a 145 milioni) e 2022 (+3% a 157 milioni). Confermati sia il rating buy sia il prezzo obiettivo a 3,2 euro.
Invece, Intesa Sanpaolo ha alzato il prezzo obiettivo da 3,2 a 3,3 euro, confermando la raccomandazione buy. Gli analisti della banca citano un ebitda trimestrale migliore delle attese, che li ha portati ad aumentare le loro stime sull’intero esercizio.

 

Analisi grafica: prezzi azioni pronti per un rimbalzo

Il titolo OVS sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, nonostante la performance negativa registrata nella seduta di ieri. Dopo un’apertura in gap down, infatti, le quotazioni si sono mantenute tutta la mattinata all’interno di uno stretto trading range compreso tra i livelli 2,502 e 2,562, per poi realizzare un movimento esplosivo al rialzo che le ha portate a toccare un massimo a quota 2,612, chiudendo non lontano sul livello 2,580.

Dopo la fase discendente delle ultime sedute, sembra arrivato il momento del rimbalzo. I fondamentali ci sono tutti, così come sembra confermata la tenuta dell’importante supporto di medio termine presente in area 2,500 euro. Per l’ottava appena iniziata è attesa la prosecuzione del trend positivo in corso, anche in controtendenza all’impostazione generale del mercato azionario italiano.

L’impostazione grafica, comunque, vede i prezzi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 41. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 2,612 con target nell’intorno dei 2,718 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 2,502 con obiettivo molto vicino al livello 2,400.

 


L’andamento di breve termine del titolo OVS

Post correlati

Le regole per la flat tax nel regime forfettario (anche al 5%)

IPO: FCA propone nuove regole per attrarre fintech e startup

Nvidia: delude l’outlook dei prossimi mesi. Nuovi target al ribasso?

Apple: la produzione di iPhone verrà ridotta quest’anno

Terra: avviato un nuovo piano per rilanciare la cripto Luna