Azioni STM: cosa fare in Borsa con incertezza mercato iPhone?
Cerca
Close this search box.

Azioni STM: cosa fare in Borsa con incertezza mercato iPhone?

Azioni STM: cosa fare in Borsa con incertezza mercato iPhone?

Cosa fare con le azioni STM? Date le alte aspettative sul prossimo modello in uscita, nel 2022 la società di Cupertino potrebbe anche aumentare la produzione fino a 300 milioni di smartphone. In tal caso, Banca Akros prevede implicazioni abbastanza positive per il business di Stm, ma resta neutrale in attesa di ulteriori sviluppi del mercato.

Come sempre accade, iPhone è al centro delle indiscrezioni e speculazioni del mercato. Il quotidiano taiwanese DigiTimes, specializzato in semiconduttori, elettronica, informatica e comunicazioni, ha riportato indiscrezioni secondo cui Cupertino prevederebbe di aumentare del 30% la produzione di iPhone entro il primo semestre del 2022. Notizia, a sua volta citata anche dalla Cnbc, che farebbe presupporre un aumento rilevante della domanda di mercato.

A dicembre, invece, Bloomberg aveva riportato altre indiscrezioni secondo cui la domanda di iPhone 13, ultimo modello commercializzato da Apple a partire da ottobre, starebbe attualmente rallentando e che l’azienda avrebbe chiesto ai propri fornitori di tagliare la produzione di componenti per gli smartphone. D’altra parte, come riporta Banca Akros, rispetto a Apple, Digitimes avrebbe uno storico di previsioni quantomeno “discutibile”, mentre è ritenuta più affidabile quando si tratta di ricostruire la catena del valore.

Bloomberg ha riferito, inoltre, che la riduzione del potere d’acquisto dei consumatori e il limitato grado di aggiornamento tecnologico di iPhone 13 rispetto alla versione precedente sono due fattori che indurrebbero i clienti a non sostituire nel breve termine il modello che già hanno per quello più recente. Altri produttori di componenti per gli smartphone avevano in precedenza segnalato che la domanda si stesse indebolendo, mentre per tutto il mese il mercato azionario ha registrato performance sofferenti per l’intero ecosistema di fornitori Apple.

Un insider della società ha anche suggerito che, sulla base di un simile scenario e delle alte aspettative sull’iPhone successivo (che comunque non vedrà la luce prima del prossimo autunno), Apple potrebbe anche decidere di produrre fino a 300 milioni di smartphone nel 2022, in aumento rispetto alle 230-240 milioni di unità previste entro fine anno. Stando a Banca Akros, questo avrebbe implicazioni abbastanza positive per Stm, le cui entrate registrate nell’esercizio dello scorso anno finanziario provenivano per il 24% proprio dalla società di Cupertino. Per il momento, quindi, gli analisti mantengono il rating neutral e il target price a 46 euro, ma tengono sott’occhio la parabola di crescita inarrestabile del mercato degli smartphone, su cui al momento sta aleggiando qualche dubbio.

 

Azioni Stm: quotazioni potrebbero rimbalzare sul supporto in area 38,300

Le azioni Stm sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance leggermente positiva registrata nella seduta di ieri (+0,24%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 38,210, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un massimo a quota 39,335 (dove era presente una resistenza rappresentata dall’indicatore Supertrend intraday), fino a chiudere non lontano sul livello 38,935.

Il fatto che le quotazioni delle azioni Stm abbiamo recuperato sul finale buona parte delle perdite della mattinata è un buon segno. Significa che sono tornati i compratori sul mercato, dopo un periodo non particolarmente felice per il titolo (-6,33% in 3 sedute). La loro presenza potrebbe essere il preludio ad un movimento di rimbalzo per questa settimana, allontanandosi dall’area di supporto posizionata nell’intorno di 38,300. Anche il grafico evidenzia un pattern candlestick denominato “hammer”, indicante una generalizzata tendenza rialzista e di inversione.

L’impostazione grafica, comunque, vede i prezzi stazionare ancora al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 39. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 39,335 con target nell’intorno dei 40,130 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 38,210 con obiettivo molto vicino al livello 37,830.

 


L’andamento di breve termine del titolo STM MICROELECTRONICS

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *