Banca Profilo: target piano industriale raggiunti, cosa fare ora in Borsa con le azioni?
Cerca
Close this search box.

Banca Profilo: target piano industriale raggiunti, cosa fare ora in Borsa con le azioni?

Banca Profilo: target piano industriale raggiunti, cosa fare ora in Borsa con le azioni?

Banca Profilo supera gli obiettivi previsti dal piano industriale nel primo semestre 2022. Alla luce dei risultati conseguiti lo scorso anno e all’evoluzione dei mercati in cui è attiva, la banca ha approvato il budget per l’esercizio 2022 in linea con i target dello scenario “best” per quest’anno.

Oltre gli obiettivi del piano. Nel primo semestre dell’anno il gruppo ha registrato una raccolta totale della clientela pari a 5,5 miliardi di euro, in aumento del 2,2% anno su anno. I ricavi netti consolidati hanno raggiunto 35,1 milioni, in crescita del 7,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021, mentre il risultato operativo è cresciuto dell’11,5% a 11,2 milioni con un cost income in miglioramento al 68%. L’utile netto semestrale è stato pari a 6,8 milioni, in calo dell’8,8% anno su anno. Tuttavia, escludendo la plusvalenza dalla cessione della controllata svizzera BPdG nel 2021, il risultato netto risulta in crescita del 31,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La forza patrimoniale è dimostrata anche dal Cet1 ratio al 20,6%, tra i più alti del mercato. Il gruppo ha commentato che i risultati del primo semestre hanno battuto le aspettative previste dal piano industriale 2022-2023.

Nessun effetto diretto dalla guerra. Con riferimento al conflitto in corso alle porte dell’Europa, la banca ha dichiarato di non avere esposizioni dirette sia in Ucraina che in Russia e che quindi la guerra continua a non intaccare i risultati finanziari del gruppo. Tuttavia, ha ricordato che gli effetti sul sistema produttivo italiano potrebbero avere conseguenze negative di medio-lungo termine sulla capacità di alcune aziende di ripagare i finanziamenti offerti dalla banca.

L’investment bank traina i ricavi. Guardando ai diversi settori, la banca ha rafforzato le attività di private banking grazie soprattutto al potenziamento dell’offerta assicurativa, il focus sui prodotti esg e l’ulteriore sviluppo dei club deal industriali, finanziari e immobiliari. Nell’investment banking, in particolare, le opportunità offerte dal mercato dei finanziamenti garantiti dal fondo centrale e il proseguimento nell’acquisto di crediti fiscali hanno consentito il potenziamento delle attività di lending, sostenendo la crescita dei ricavi. Infine, la banca ha riportato buoni risultati anche nei settori finanza e digital bank dove il gruppo prevede di sviluppare ulteriormente la customer base.

 

Banca Profilo: quotazioni lateralizzano sostenute dalla media mobile a 25

A Piazza Affari il titolo Banca Profilo sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+0,51%). Dopo un’apertura molto al di sopra della chiusura precedente, però, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 0,1970, per poi chiudere non distante a quota 0,1980.

Giornata strana quella di ieri: risultato in rialzo con candela intraday negativa. Considerando la decisa negatività di mercoledì scorso, quindi, il movimento a cui si è assistito ha permesso all’azione di creare un pattern grafico di analisi candlestick assimilabile ad un “Harami”, indicante un mercato che non ha intenzione di scendere. In effetti, da due settimane i corsi si trovano all’interno di una perdurante fase di congestione compresa tra i livelli 0,1970 e 0,2015, oltretutto sempre al di sopra della propria media mobile a 25 daily.

Al momento il titolo non appare particolarmente interessante per l’operatività, a meno che non venga superato al rialzo l’indicatore Supertrend a quota 0,2016, da cui potrebbe iniziare un movimento esplosivo di prezzo. Si sa, dopo una prolungata lateralità, arriva sempre il momento della spiccata direzionalità.

 


L’andamento di breve termine del titolo BANCA PROFILO

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *