Banco BPM: 4 miliardi ad azionisti nel nuovo piano, che fare con l’azione? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Banco BPM: 4 miliardi ad azionisti nel nuovo piano, che fare con l’azione?

La sede del Banco BPM vista di tre quarti, in Piazza Meda a Milano.

Banco BPM prevede di realizzare un utile netto cumulato di circa 6 miliardi nel periodo 2023-2026, con “4 miliardi di remunerazione degli azionisti nell’orizzonte del Piano”. Sono alcuni degli obiettivi del nuovo piano strategicoA Solid Success Story” dell’istituto milanese guidato dall’amministratore delegato Giuseppe Castagna.
Sul fronte della remunerazione dei soci il documento spiega che si tratta di “cinque volte rispetto alla distribuzione degli ultimi quattro anni e di oltre il 50% dell’attuale capitalizzazione di mercato”. Nel 2024, in particolare, è prevista una distribuzione complessiva di dividendi per circa 1,3 miliardi, di cui circa 750 milioni “a valere sull’utile 2023”. Dal 2024 “le modalità di remunerazione (dividendi/share buyback) saranno definite anno per anno”. Il tutto, promette la banca, mantenendo una “solida posizione di capitale, con un Cet 1 Ratio a circa il 14% nel 2026″. Banco Bpm introdurrà il pagamento di acconto sul dividendo nel 2024. La banca valuterà inoltre “un ulteriore incremento della remunerazione degli azionisti usando il capitale in eccesso” in caso di “pieno raggiungimento degli obiettivi di piano”.

Nel 2023 i ricavi sono visti a 5,25 miliardi, l’utile netto a oltre 1,2 miliardi e il Rote (rendimento del patrimonio netto tangibile) al 12%. Nella crescita dei ricavi, la performance di commissioni, utili delle partecipate a patrimonio netto e risultato dell’attività assicurativa (in aumento a 2,4 miliardi dai 2 del 2023) più che compenserà la discesa del margine di interesse (a 3,05 miliardi da 3,25), secondo le attese della banca.

L’amministratore delegato Castagna ha dichiarato che “l’impegno profuso da tutte le colleghe e i colleghi, ci ha permesso di raggiungere con un anno di anticipo risultati brillanti e di superare i target del Piano 2021-2024. Il nuovo Piano Strategico 2023-2026, costruito in una logica stand alone, si fonda su solidi pilastri e intende definire in maniera chiara strategie, azioni e strumenti che puntano a una crescita reddituale sostenibile, accompagnata dalla creazione di valore per tutti gli stakeholder e da un importante incremento delle politiche di remunerazione in grado di premiare gli azionisti”.

 

Azioni Banco BPM: le quotazioni rimbalzano sul supporto a 4,750

Le azioni Banco BPM sembrano essere impostate al rialzo nel breve termine anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+0,57%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente rialzista che le ha portate a realizzare un massimo sul livello 4,848, per poi ritracciare leggermente nel corso del pomeriggio fino a chiudere a quota 4,805.

Dopo la violazione ribassista dell’importante indicatore Supertrend, avvenuta giovedì corso, l’azione ha arrestato quasi subito la propria discesa incontrando il supporto presente in area 4,750. Da quel momento si sono susseguite alcune giornate laterali che hanno rappresentato una fase di accumulazione, tant’è che ieri si è assistito a un primo timido rimbalzo. È da tenere presente, comunque, che la struttura grafica di Banco BPM è compromessa e difficilmente si dovrebbe verificare nell’immediato una inversione di tendenza. Più probabile, invece, la prosecuzione della negatività anche in considerazione della necessità di uno storno da parte dell’indice di riferimento FTSE Mib.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 4,848 con target nell’intorno dei 4,987 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 4,748 con obiettivo molto vicino al livello 4,625. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto sia dell’indicatore Parabolic Sar che della media mobile a 25. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 40.


L’andamento di breve termine del titolo BANCO BPM

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *