Barclays: volano gli utili nel 2021. Cosa fare con il titolo? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Barclays: volano gli utili nel 2021. Cosa fare con il titolo?

Barclays: volano gli utili nel 2021. Cosa fare con il titolo?

Rally in corso a Londra per il titolo Barclays in scia ai solidi dati riguardanti il 2021 raggiunti grazie alla divisione corporate and investment bank.  Per il nuovo ceo Venkatakrishnan “Il 2021 è stato l’anno in cui la strategia della banca definita nel 2016 è stata realizzata, con un ritorno a due cifre sul capitale proprio, un bilancio ben capitalizzato e una forte performance degli utili nonostante la pandemia”.

Nello specifico la banca ha chiuso l’anno appena passato con un utile netto a 6,38 miliardi di sterline rispetto ad attese di 5,75 miliardi e che si confrontano con gli 1,53 miliardi che erano stati contabilizzati nel 2020. Tutto ciò nonostante nel IV trimestre ci sia stato un calo del 23% rispetto al trimestre precedente a causa del rallentamento delle attività di negoziazione e di investment banking. Per quanto riguarda i ricavi questi si sono attestati nel IV trimestre a 5,16 miliardi di sterline rispetto alle attese che erano a 5,12 miliardi. Per quanto riguarda il Common equity tier one capital (Cet1) ratio si è attestato al 15,1%, in calo dai massimi storici che erano stati toccati a fine settembre al 15,4%. Il consiglio ha approvato sia un dividendo annuale di 6 pence ad azione, alzando la cedola di 1 pence rispetto 2020, che il lancio di un nuovo programma di buyback fino a 1 miliardo di sterline.

 

Barclays: analisi tecnica e strategie operative

Dopo aver toccato all’inizio del 2022 i suoi top di periodo in area 219 sterline il titolo, complice anche la debolezza dei mercati azionari, ha innescato una fase correttiva che si è spinta nella seduta di ieri a riportare i prezzi in direzione delle 185 sterline. Da questi livelli abbiamo assistito ad un importante recupero che sta proseguendo anche nella giornata odierna con i prezzi che si stanno spingendo in direzione delle prime resistenze poste sulle 200 sterline. L’eventuale break di questi livelli tornerebbe a rafforzare la struttura grafica del titolo che a quel punto dovrebbe spingersi in direzione dei prossimi target posti nei pressi delle 209-210 sterline. Al contrario il ritorno sotto le 190 sterline andrebbe ad indebolire il titolo aprendosi la strada per un ritorno sui minimi di ieri e a seguire verso le 174-176,50 sterline che rappresentano anche i minimi degli ultimi 6 mesi.

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *