Bonus trasporti: ecco come ottenere incentivo per abbonamento mezzi pubblici - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Bonus trasporti: ecco come ottenere incentivo per abbonamento mezzi pubblici

I trasporti pubblici diventano sempre più cari da Nord a Sud. Dal 1° agosto 2022 parte a Napoli la variazione tariffaria dei biglietti di ANM ed EAV, un incremento pari a 10 centesimi: è il primo introdotto dal 2017. A Torino, nel settore extraurbano, i nuovi prezzi – aumenti di 70 e di 80 centesimi per i due principali biglietti a minutaggio – sono scattati il 1° luglio, “conseguenza dell’aggiornamento automatico all’inflazione”, fanno sapere da GTT. Per contrastare questo fenomeno, dal prossimo mese di settembre in concomitanza con la riapertura delle scuole e la partenza delle attività didattiche e curriculari delle università, arriva il bonus trasporti.

 

Bonus trasporti 2022 per studenti, lavoratori, pensionati

Il bonus trasporti è un incentivo pensato per studentesse e studenti, lavoratrici e lavoratori, pensionate e pensionati. La misura è stata annunciata in una conferenza stampa congiunta da Andrea Orlando, ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, e dal ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Enrico Giovannini. I destinatari di questo aiuto per la mobilità sono tutte le persone fisiche utenti del trasporto pubblico su gomma e su ferro che hanno un reddito fino a 35.000 euro. L’incentivo è stato introdotto con il Decreto Legge n. 50 del 17 maggio 2022, il cosiddetto Decreto Aiuti, e l’intenzione dei due dicasteri è di rendere strutturale questo sostegno.

 

Una persona in bici scende dalla metro
Metro, tram, treni locali: in arrivo 60 euro per gli abbonamenti (foto: Mika Baumeister su Unsplash)

La dotazione finanziaria dell’incentivo è di 79 milioni di euro. Il bonus sarà pari al 100% di quanto speso e il suo limite massimo sarà di 60 euro per ciascun beneficiario. Il voucher si potrà utilizzare a partire da settembre per l’acquisto di abbonamenti annuali, mensili o relativi a più mensilità ad autobus e metro, pullman extraurbani, trasporto ferroviario regionale e nazionale. Sono escluse le fasce più alte del trasporto ferroviario: i servizi di prima classe, executive e club executive, business, salotto e business salottino, premium e working area. Il bonus sarà spendibile esclusivamente presso un solo gestore del trasporto pubblico locale e dovrà essere sfruttato entro il mese di emissione. Presentando il buono alle biglietterie del gestore selezionato, gli addetti dell’azienda di mobilità accederanno ad uno specifico portale dedicato per verificarne la validità.

 

Bonus trasporti di 60 euro: come richiederlo

Per ottenere il bonus trasporti occorre presentare la domanda sul portale www.bonustrasporti.lavoro.gov.it del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. La piattaforma è in fase di perfezionamento: tutti gli operatori del trasporto pubblico locale stanno contribuendo alla sua realizzazione. Prima del suo lancio online verrà fornita al pubblico un’apposita comunicazione.

La richiesta dovrà avvenire tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) o CIE (Carta d’Identità Elettronica). Il potenziale beneficiario dovrà fornire le dichiarazioni sostitutive di autocertificazione e indicare il gestore del servizio di trasporto pubblico e l’importo del bonus richiesto a fronte della spesa prevista. Si potrà fare richiesta (fino a esaurimento delle risorse stanziate) entro e non oltre il 31 dicembre 2022.

Per il ministro Giovannini questo bonus è “una misura sperimentale, perché vogliamo verificare l’elasticità della domanda dei mezzi pubblici a una variazione del prezzo”.

 

Questa misura, pensata per sostenere le persone economicamente più fragili in un momento difficile come quello attuale, è un’occasione per incentivare l’uso del trasporto pubblico locale ed è un esempio di provvedimento che, come auspichiamo, produrrà ricadute positive anche dal punto di vista della sostenibilità sociale e ambientale.

 

Già presente in altre realtà europee come Germania e Spagna, il bonus punta a generare oltre un milione di abbonamenti scontati. Orlando ha spiegato che il fondo necessario era previsto nel DL Aiuti e i due Ministeri hanno “attivato procedure e meccanismi per spendere queste risorse”.

 

La misura ha una doppia valenza: il sostegno al reddito, in particolar modo di lavoratori, studenti e chi è in difficoltà a causa dell’inflazione, e come incentivo all’utilizzo del trasporto pubblico, che è un obiettivo che corrisponde all’affermazione di un principio di sostenibilità.

 

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *