Cathie Wood non compra le azioni Arm, società sopravvalutata - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Cathie Wood non compra le azioni Arm, società sopravvalutata

Cathie Wood non compra le azioni Arm, società sopravvalutata

Cathie Wood non ha comprato le azioni di Arm Holdings. L’amministratore delegato di ARK Invest ha affermato di essersi defilata nell’offerta pubblica iniziale del progettista di chip britannico in quanto, a suo avviso, la società è sopravvaluta in rapporto alla sua posizione competitiva nel mercato. “L’innovazione è sottovalutata date le enormi opportunità che presenta, catalizzate in modo molto importante dall’intelligenza artificiale. Ma per quanto riguarda Arm, penso che ci sia troppa enfasi sull’AI (Artificial Intelligence) che la riguarda e poca attenzione alle dinamiche competitive“, ha affermato in un’intervista. Insomma, Cathie Wood non crede che l’intelligenza artificiale apporterà grandi vantaggi all’azienda di proprietà di SoftBank.

Arm è sbarcata in Borsa la scorsa settimana con un prezzo IPO di 51 dollari e ha segnato subito un rialzo di quasi  25 punti percentuali a 63,59 dollari nel primo giorno di quotazione. L’euforia però si è spenta nelle sedute successive durante le quali le azioni sono scivolate di oltre dieci punti percentuali. “Non abbiamo partecipato all’IPO perché riteniamo di avere all’interno dei nostri portafogli nomi molto più economici e con molta più esposizione all’AI” ha affermato la stock picker di Wall Street.

 

Cathie Wood: no ad Arm, ecco dove investe

Gli ETF ARK sono reduci da una grande batosta subita lo scorso anno a seguito dell’aumento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve. I fondi gestiti da Cathie Wood investono soprattutto in aziende ad alta componente tecnologica che quindi risentono particolarmente delle dinamiche dei rendimenti sul mercato. Quest’anno c’è stata una ripresa, grazie alle prospettive di cambiamento della politica monetaria e perché gli investitori si sono riversati verso le azioni più esposte all’intelligenza artificiale. ”

L’appetito per l’innovazione sta aumentando e penso che uno dei motivi sia che investitori e analisti stanno iniziando a guardare oltre i movimenti al rialzo dei tassi di interesse che abbiamo visto” ha detto Cathie Wood. Ora, con l’inflazione che si sta raffreddando nelle principali economie e con le Banche centrali che nel corso del prossimo anno allenteranno la loro politica monetaria, Wood vede un “ambiente ideale per l’innovazione e le strategie globali di megatrend”.

L’investitrice di Los Angeles ritiene che un ruolo importante possa recitarlo l’Europa in tema di nuove tecnologie: “Il costo della tecnologia, specialmente grazie all’intelligenza artificiale, sta crollando, e quindi sarà molto più facile costruire e scalare aziende tecnologiche in qualsiasi parte del mondo. Questo non è più solo di competenza della Silicon Valley. Siamo molto aperti alle tecnologie che prosperano in tutto il mondo, compresa l’Europa” ha affermato. Attualmente le principali partecipazioni di ARK Invest riguardano le seguenti società: Tesla, Shopify, UiPath, Unity Software, Twilio, Coinbase, Block, Roku e DraftKings.

AUTORE

Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *