Danieli & C. corre in Borsa grazie alla maxi commessa. Cosa fare col titolo? - Borsa e Finanza

Danieli & C. corre in Borsa grazie alla maxi commessa. Cosa fare col titolo?

Interno delle fabbriche Danieli & C

Danieli & C. è in pieno rally dopo il maxi ordine da oltre 650 milioni di dollari annunciato la scorsa settimana a mercato chiuso. Il gruppo siderurgico americano Nucor Corporation ha assegnato a quello italiano una maxi commessa relativa a un nuovo impianto di laminazione Qsp-Due Danieli Universal Endless per la produzione di nastri di acciaio di qualità laminati a caldo.

La società di Bruttio, in Friuli Venezia Giulia, fornirà, inoltre, per lo stesso impianto una linea di decapaggio con laminatoio a freddo tandem e un laminatoio temper autonomo, una nuova linea di zincatura e una nuova linea di verniciatura da installare nell’impianto esistente di Nucor Steel Crawfordville in Indiana per servire i mercati delle costruzioni in acciaio e degli elettrodomestici.

In relazione al valore complessivo dell’ordine, Danieli & C. ha sottolineato che si tratta della maggior commessa a livello mondiale per macchinari e automazione degli ultimi 20 anni:

“Notizia particolarmente positiva per Danieli & C. sia per la dimensione dell’ordine, che rappresenta il 44% della raccolta ordini attesa da noi nel secondo semestre 2022 (20% sul 2022), sia per l’elevato contenuto tecnologico, che supporta il percorso di espansione dei margini della divisione plant-making incluso nelle nostre stime: da 8,3% del 2021 a 9,5% nel 2024. Inoltre, la commessa conferma ancora una volta il forte posizionamento competitivo di Danieli & C. nel settore”, hanno spiegato a Equita Sim, osservando anche che Danieli & C. tratta a valutazioni attraenti: 10-8 volte il rapporto p/e 2022-2023 che non scontano adeguatamente il profilo di rischio e di rendimento della società. Da qui la conferma del rating buy con un target price a 32 euro.

Per Banca Akros questa nuova commessa valorizza il portafoglio ordini del gruppo e sostiene la sua visibilità nello scenario attuale. Infatti, dimostra che l’assunzione continua di ordini robusti da parte del gruppo è in grado di compensare eventuali ritardi nei progetti a causa del conflitto in Ucraina. “Sulla base di questo significativo ordine aumentiamo le nostre stime sul tasso di crescita medio annuo delle vendite per il periodo 2021-2024 da +5% a +6,5%”, hanno spiegato gli analisti di Banca Akros, che su Danieli & C. hanno alzato il target price da 21,30 euro a 22,50 euro, confermando il rating accumulate.

Anche secondo Intesa Sanpaolo il contratto appena annunciato per la divisione plant making negli Stati Uniti è una buona notizia per l’azienda, soprattutto considerando l’attuale contesto geopolitico. Le sue previsioni e il suo rating sul titolo sono attualmente in fase di revisione.

 

Danieli & C., l’analisi grafica

Il titolo Danieli & C. sembra essere impostato al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance negativa registrata nella seduta di ieri (-2,51%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 19,82, chiudendo non lontano a quota 19,84.

Le quotazioni trovano un ostacolo in area 20,90: pullback in vista

Dopo il rialzo avvenuto nell’ultimo mese, le quotazioni si sono recentemente scontrate con la resistenza posta in area 20,90 e rappresentata dall’indicatore Supertrend daily. In realtà, per ben due volte consecutive (29 e 30 marzo scorsi) vi è stato un tentativo di superarla, ma purtroppo solo nell’intraday, senza la conferma di una vero e proprio breakout rialzista. “Se non sale, prima o poi scende”: per quanto brutale e semplicistico, questo motto di Borsa si avvera spesso. E la discesa di ieri potrebbe essere solo l’inizio di un ritracciamento importante che potrebbe portare i corsi in prossimità della propria media mobile a 25 sotto il livello 19 euro. Per gli acquisti, pertanto, meglio aspettare il completamento del pullback in corso.

L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 48. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 20,90 con target nell’intorno dei 21,42 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 19,82 con obiettivo molto vicino al livello 19,34.


L’andamento di breve termine del titolo DANIELI & C.

Post correlati

Tiger Global: ecco quanto ha perso con il crollo delle azioni tech

Stablecoin: quali sono le 10 più importanti

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Grano: ecco chi oltre l’India ha imposto divieto di export

Bitcoin: 3 grossi problemi nell’inserimento nei piani 401 (k)

Lascia un commento