DI MAIO-SALVINI, BORDATE FINALI PRIMA DELLE ELEZIONI - Borsa e Finanza

DI MAIO-SALVINI, BORDATE FINALI PRIMA DELLE ELEZIONI

Il primo a esultare in queste elezioni europee è il Partito Democratico. Nicola Zingaretti infatti ha colto come buon auspicio il risultato in Olanda (ieri al voto con la Gran Bretagna), stando agli exit poll. “Buone notizie, laburisti in testa e zero seggi per i sovranisti alleati di Salvini che vogliono distruggere l’Europa e affondare l’Italia” ha scritto su Twitter il segretario del Pd.  Ovviamente è ancora presto per cantare vittoria. Ma c’è ancora tempo per le ultime stoccate. Specie all’interno delle coalizione del governo tra Lega e Cinque Stelle.

DI MAIO-SALVINI, ULTIMI AFFONDI
Ieri la questione dell’abuso di ufficio: per Matteo Salvini, da eliminare come reato. Per Luigi Di Maio, non proprio una proposta sensata, soprattutto perché un esponente leghista è indagato proprio per abuso d’ufficio: “Basta stronzate, pensiamo al lavoro” ha chiosato il leader pentastellato, espressione che al ministro dell’Interno non è piaciuta: “Quando Di Maio ha usato quel linguaggio, io stavo parlando a nome del popolo italiano a Palermo per ricordare il sacrificio di Giovanni Falcone», ha risposto il leader del Carroccio ad Agorà, pur sviando l’argomento dell’abuso d’ufficio. Su cui successivamente, a quanto pare, avrebbe fatto una sorta di marcia indietro: “Non voglio abolirlo come reato, ma migliorarne la legge che lo punisce”.

“M5S PRIMO PARTITO IN ITALIA”. “DOPO LE EUROPEE LEGA IN TESTA” 
Non è finita. Oggi Di Maio è tornato all’attacco: “Non ho mai capito perché le elezioni europee dovrebbero cambiare il Parlamento italiano. M5S ha il 36%, ha la maggioranza assoluta in Consiglio dei ministri e così rimarrà, io non intenzione di parlare di poltrone da lunedì ma di chiedere abbassamento delle tasse per le imprese e per le famiglie” ha dichiarato in mattinata, rincarando la dose dopo l’intervista rilasciata oggi al Corriere della Sera (“nessuna messa in scena, il rapporto si è rotto, con lui comunico solo in Consiglio dei Ministri”). La risposta di Salvini è arrivata dal comizio di Verbania, sul lago Maggiore: “Fra due giorni la Lega sarà il primo partito italiano e cambierà la storia dell’Europa. Che bello!”. E poi al Gr1, sul tema immigrazione, l’ennesima pungolata:  “Non so se Di Maio ha nostalgia di Renzi e Gentiloni. Basta che lo dica”, commentando le parole dell’altro vicepremier, secondo il quale sui rimpatri avrebbe fatto meglio il governo Gentiloni. Per poi chiudere: “Continuo a ricevere insulti, ma vedrete che da lunedì si daranno una regolata”.

SCENDE LO SPREAD
I litigi gialloverde non hanno effetto sullo spread, complice il fatto che almeno fino a dopo le elezioni non si farà alcun accenno a eventuali modifiche sul deficit, specie dopo che il Commissario Europeo per gli Affari Economici e Monetari Pierre Moscovici ha indicato nei conti italiani i primi da tenere sotto controllo.

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo