Di nuovo Guardiola dopo il ko di Verona: e Juventus rimbalza

ANCORA GUARDIOLA DOPO IL KO DI VERONA: JUVENTUS RIMBALZA

juventus

Titolo ai massimi del mese dopo i minimi del 2019 a fine gennaio. Fatal Verona anche per Sarri? Il Sun e una tv spagnola rilanciano Guardiola a giugno

 

Il rimbalzo di Juventus arriva in scia all’andamento generale delle borse europee. Ma anche in scia ai nuovi rumors. Che rimettono al centro nuovamente un nome. L’unico possibile quando si parla di mercato e della panchina bianconera. Pep Guardiola. L’attuale allenatore del Manchester City sarebbe tornato al centro delle attenzioni della dirigenza juventina dopo i rumors di quest’estate, quando le dimissioni di Massimiliano Allegri avevano portato tutti i riflettori sul tecnico spagnolo. Sul piatto, addirittura carta bianca, secondo il Sun inglese e El Cherenguito Tv, televisione vicina al Real Madrid: e cioè totale libertà di scelta sul fronte del mercato, oltre che dei collaboratori.


Grafico Juventus by TradingView

 

Recuperati in una seduta quasi il 4%

E così il titolo, come detto, rimbalza e chiude con un +2,39% raggiungendo un massimo di giornata a 1,1760, il massimo di febbraio e recuperando così il terreno perduto nel corso del mese, quasi 4 punti percentuali, complice la sconfitta di sabato contro il Verona per 2-1 che aveva avvicinato il titolo ai minimi dell’anno a 1,1220. Proprio il ko contro gli scaligeri avrebbe rimesso in discussione la posizione di Maurizio Sarri, scelto da Andrea Agnelli e il resto dei dirigenti per rilanciarsi dopo il ciclo aperto e chiuso da Allegri, con 5 scudetti e una finale di Champions League persa contro il Real Madrid ma troppe critiche, forse in modo eccessivo, nei confronti del gioco espresso dalla squadra e impostato proprio dall’ex tecnico di Milan e Cagliari. 

 

 

Guardiola-Juve, operazione difficile ma non impossibile

L’operazione Guardiola è molto complicata, oltre che molto onerosa: Sarri ha firmato un triennale quest’estate, mentre il contratto dello spagnolo con il Man City scade nel 2021. La Juventus, al momento, è prima in classifica a pari merito con l’Inter ed è in corsa per la Champions League dopo aver superato i gironi di qualificazione.  Le preoccupazioni per gli investitori che hanno portato a fine gennaio il titolo ai minimi del 2019 sono dovute proprio alle incertezze in Europa: il monte ingaggi della società bianconera è tra i più alti del vecchio continente. L’impegno del 26 febbraio contro il Lione è abbordabile per Ronaldo e compagni, ma stando al rendimento recente in campionato, i timori iniziano ad aumentare.

 

 
La squadra dei sogni che vorrebbe Pep Guardiola alla Juventus secondo
El Cheringuito Tv, vicina al Real Madrid

 

Post correlati

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Liquidità: nei fondi mai così alta da attacco a Torri Gemelle

Bitcoin: 3 grossi problemi nell’inserimento nei piani 401 (k)

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

Lascia un commento