Dogs of the Dow 2023: ecco il portafoglio per azioni USA e italiane
Cerca
Close this search box.

Dogs of the Dow 2023: ecco il portafoglio per azioni USA e italiane

Dogs of the Dow 2023: ecco il portafoglio per azioni USA e italiane

Il 2023 è iniziato da pochi giorni e, come ogni anno, si rinnova la tradizione di aggiornare la rinomata strategia Dogs of the Dow, ossia “i cani dell’indice Dow Jones”. Si tratta di un metodo operativo diffuso da Michael O’Higgin, tanto datato (risale agli anni ’30) quanto praticato, per selezionare i titoli di Wall Street con le maggiori probabilità di guadagnare o, almeno, sovraperformare l’indice per l’anno in corso. La caratteristica di questa strategia consiste nella sua semplicità di replica e dai buoni risultati ottenuti nel passato.

Sinteticamente, vediamo come procedere per comporre il portafoglio annuale:

 

  1. L’ultimo giorno dell’anno si rapporta il prezzo di ogni titolo azionario del paniere Dow Jones con il relativo dividendo staccato, in modo tale da calcolare il “dividend yield” offerto da ciascuna società;
  2. Si elencano in ordine decrescente (dal maggiore al minore) i valori del rapporto dividendo-prezzo, ossia del dividend yield;
  3.  Si acquistano i primi dieci titoli della classifica in modo equipesato, ossia assegnando lo stesso ammontare monetario ad ogni titolo;

 

La logica di questa strategia è quella di selezionare, all’interno del paniere Dow Jones, i titoli che esprimono il maggiore valore “dividend yield”, presupponendo che possano essere quelli maggiormente sottovalutati e a maggior potenziale di crescita.
Per quanto riguarda la gestione della posizione, il meccanismo è ancora più facile: le azioni, infatti, devono essere mantenute in portafoglio ininterrottamente per l’intero anno. In pratica una gestione passiva che non richiede neppure l’utilizzo di uno stop loss (anche se riteniamo sia più saggio adottare qualche forma di “copertura” nelle fasi più volatili dei mercati azionari).

Alla fine di ogni anno si effettuerà nuovamente il conteggio dei rendimenti, si stilerà la nuova classifica e si procederà con le modifiche del portafoglio, ossia vendendo i titoli che sono usciti dalla graduatoria e contemporaneamente acquistando quelli che vi sono entrati.

 

Dogs of the Dow 2023: il portafoglio tradizionale

L’elenco dei dieci titoli che compongono il portafoglio “Dogs of the Dow” per l’anno 2023 (fino al 31 dicembre), è il seguente:

 

– VERIZON
– DOW
– INTEL
– WALGREENS
– 3M
– IBM
– AMGEN
– CISCO
– CHEVRON
– JP MORGAN CHASE

 

Infine, un’avvertenza. Per chi fosse interessato ad investire seguendo questa strategia, è necessario prestare attenzione a due criticità: la doppia tassazione sui dividendi esteri e il rischio valutario (cambio EUR/USD).

 

Dogs of the Dow 2023: il portafoglio italiano

Per ovviare a questi inconvenienti da alcuni anni il sito www.investireneimegatrend.it elabora la stessa metodologia operativa vista sopra applicandola però alle sole azioni italiane facenti parte dell’indice FTSE Mib. Secondo la recente revisione della classifica domestica, in particolare, le azioni del paniere da tenere in portafoglio per il nuovo anno sono:

 

– A2A
– INTESA SANPAOLO
– UNIPOL
– ENEL
– BANCA MEDIOLANUM
– MEDIOBANCA
– POSTE ITALIANE
– STELLANTIS
– GENERALI
– AZIMUT

 

Buon anno e buoni investimenti per questo 2023!

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *