Elezioni mid-term USA: ecco come l'America vota ed effettua il conteggio - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Elezioni mid-term USA: ecco come l’America vota ed effettua il conteggio

Elezioni mid-term USA: ecco come l'America vota ed effettua il conteggio

Manca ormai poco alle elezioni mid-term USA e restano vivi i sospetti e le polemiche su una questione che ha sempre tenuto banco negli Stati Uniti, ovvero il conteggio dei voti. Le ultime elezioni presidenziali sono sfociate nei tristi fatti dell’assalto a Capitol Hill, con il Presidente sconfitto alle urne, Donald Trump, che ha lanciato strali pesanti in merito a possibili brogli elettorali. Nel tempo gli Stati Uniti hanno cercato di perfezionare le modalità di conteggio abbinando le schede cartacee a sistemi elettronici. Tuttavia, non c’è stato fino ad ora un consenso unanime a considerare perfettamente chiare e trasparenti le risultanze delle votazioni; di conseguenza, non tutti gli Stati sono allineati nell’adozione di un metodo preciso.

 

Elezioni mid-term USA: il calo delle macchine

Già dal 2000 gli USA hanno investito molto nelle macchine per il voto elettronico, dopo che la fiducia nelle schede cartacee è stata pesantemente scossa dalle contestazioni sulle elezioni presidenziali che videro contrapposti il democratico Al Gore al repubblicano George W. Bush. Il problema di fondo nel tempo è stato però che il voto elettronico viene memorizzato nelle macchine, ma non essendoci un record fisico è necessario che le macchine funzionino correttamente, non perdano voti, non vengano alterate inavvertitamente e non siano sottoposte ad attacchi da parte degli hacker. Negli ultimi anni vi è stato un calo notevole delle giurisdizioni che usano macchine per il voto elettronico senza traccia cartacea. Infatti, nel 2016 il 22% degli elettori viveva in queste contee, oggi il dato è calato al 5%.

 

Elezioni mid-term USA: come si effettua il conteggio

In USA il conteggio dei voti avviene soprattutto attraverso le schede cartacee, con il 70% degli elettori che vive in Stati dove le schede vengono conteggiate a mano e il 23% in giurisdizioni che usano le macchine elettroniche per la marcatura. In questo secondo caso, gli elettori hanno la possibilità di votare in maniera elettronica, con la produzione di un record cartaceo che può essere scansionato da un altro dispositivo. In buona sostanza, la carta la fa ancora da padrona, in quanto viene ad oggi ritenuta il modo più sicuro per effettuare i controlli dei voti e rilevare eventuali manomissioni. Le macchine al più funzionano come parte integrante per le scansioni delle schede comunque in forma cartacea. Secondo gli esperti elettorali, le schede cartacee rappresentano il metodo migliore per gli elettori per verificare come si è votato e per i funzionari per controllare i risultati che emergono.

 

USA: gli americani non hanno fiducia sul sistema di conteggio dei voti

L’utilizzo più accentuato della carta negli ultimi anni non significa che le macchine non siano ancora in funzione. Sembrerebbe quasi un ritorno al passato, ma alla fine questo sistema ha aiutato a spegnere molte polemiche sulle questioni dei brogli elettorali. Dopo le elezioni del 2020, Trump e i suoi alleati hanno spinto affinché le schede fossero conteggiate esclusivamente a mano, ma a giudizio dei funzionari elettorali tutto questo non è possibile. Al di là di tutto, gli elettori americani nutrono ancora poca fiducia sul sistema elettorale. Un sondaggio effettuato quest’anno da ABC/Ipsos ha riportato che solo un quinto degli americani in proposito si è dichiarato molto fiducioso. E questo non è un buon proposito per le prossime elezioni mid-term USA.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *