EssilorLuxottica: trimestrale brillante, cosa fare in Borsa con l’azione?

EssilorLuxottica: trimestrale brillante, cosa fare in Borsa con l’azione?

EssilorLuxottica: trimestrale brillante, cosa fare in Borsa con l’azione?

EssilorLuxottica non risente della crisi delle materie prime e chiude il primo trimestre con ricavi a quota 5,607 miliardi, +33,1% su base annua a cambi costanti (+38,1% a cambi correnti). L’aumento a perimetro omogeneo è dell’11,5% a cambi costanti (+15,7% a cambi correnti). Il fatturato del primo trimestre 2021 era già tornato ai livelli pre-pandemia del 2019 (+2% a cambi costanti a 4,06 miliardi rispetto allo stesso periodo di due anni prima).

“Siamo molto soddisfatti di questo inizio d’anno che vede una solida performance in tutte le aree geografiche e in tutte le divisioni“, dichiarano Francesco Milleri e Paul du Saillant, rispettivamente amministratore delegato e vice amministratore delegato di EssilorLuxottica. È un bel momento per l’azienda, con una stagione “sole” importante alle porte, una domanda sostenuta di marchi di lusso e prodotti innovativi come Stellest, che stanno ridefinendo le possibilità nel campo della vista per tante persone. L’integrazione di GrandVision, che procede a passo spedito, rappresenta un’altra tappa significativa nella definizione di una network company verticalmente integrata e impegnata.

In dettaglio, il segmento Professional solutions nel primo trimestre dell’anno ha avuto un fatturato comparabile di 2,78 miliardi, in crescita del 9,6% a cambi costanti, rispetto allo stesso periodo del 2021 (+14% a cambi correnti). La performance è stata positiva in tutte le aree geografiche, con Emea e America Latina in aumento a doppia cifra, e Nord America e Asia-Pacifico che hanno registrato una crescita rispettivamente nella parte alta e media della singola cifra.

Invece la divisione Direct to consumer nel primo trimestre ha registrato ricavi per 2,827 miliardi, +13,5% a cambi costanti (+17,5% a cambi correnti) crescendo in tutte le aree geografiche a tassi di cambio costanti, ad eccezione dell’Asia-Pacifico (stabile a cambi correnti). Emea e America Latina hanno trainato la performance nel trimestre, entrambe con un +20% a cambi costanti, mentre il Nord America è cresciuto vicino al 10% supportato sia dai banner fisici sia dalle piattaforme online.

I ricavi dell’e-commerce sono cresciuti del 9% a cambi costanti nel trimestre, con Oakley.com e SunglassHut.com che si sono dimostrate le migliori piattaforme del gruppo. Ma per quanto riguarda le aree, infine, il gruppo presieduto da Leonardo Del Vecchio spiega che la Cina ha registrato vendite positive fino a febbraio, con una performance in peggioramento a marzo a causa del crescente numero di focolai di Covid-19 e delle successive restrizioni (con circa tre quarti dei negozi chiusi).

 

EssilorLuxottica: quotazioni si muovono dentro ampio trading range sostenute dall’indicatore Supertrend

Il titolo EssilorLuxottica sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di venerdì (+0,93%). Dopo un’apertura in gap up (subito ricoperto nell’intraday), però, le quotazioni hanno intrapreso un andamento moderatamente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 163,30, coincidente con il prezzo di chiusura.

Dopo avere completato la configurazione a V, definita dal minimo del 7 marzo scorso a quota 133,88 e suo successivo rimbalzo, nel mese di aprile i corsi non hanno trovato la forza di continuare nella stessa direzione rialzista. In particolare, si stanno mantenendo da diverse settimane all’interno di un ampio trading range che continua ad essere sostenuto dal supporto in area 158,30 (dove transita l’indicatore Supertrend), ma senza riuscire neppure a superare la resistenza presente nell’intorno dei 175 euro.

Quindi, se le azioni non scendono, in realtà neppure salgono, e questo nonostante i fondamentali societari invidiabili. E’ altrettanto vero che, prima o poi, le quotazioni usciranno da questa perdurante fase di congestione, già adesso insolitamente lunga, e probabilmente lo faranno al rialzo considerando quest’ultima solo un periodo di accumulazioni. I volumi, infatti, non mancano e qualche istituzionale si sta già muovendosi nell’ombra.

L’impostazione grafica, come detto, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 49. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 165,20 con target nell’intorno dei 175 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 160 con obiettivo molto vicino al livello 153,86.

 


L’andamento di medio termine del titolo ESSILORLUXOTTICA

Post correlati

Tiger Global: ecco quanto ha perso con il crollo delle azioni tech

Stablecoin: quali sono le 10 più importanti

Enel: 100 milioni di impatto da extraprofitti, cosa fare con le azioni?

Grano: ecco chi oltre l’India ha imposto divieto di export

Bitcoin: 3 grossi problemi nell’inserimento nei piani 401 (k)

Lascia un commento