Fincantieri: dopo aumento capitale di Virgin Voyages, cosa fare con le azioni?
Cerca
Close this search box.

Fincantieri: dopo aumento capitale di Virgin Voyages, cosa fare con le azioni?

Fincantieri: dopo aumento capitale di Virgin Voyages, cosa fare con le azioni?

Meno pressione sul debito di Fincantieri dopo che si è chiuso con successo l’aumento di capitale di Virgin Voyages

. La compagnia di navigazione statunitense ha annunciato la scorsa settimana di aver chiuso un nuovo aumento di capitale da 550 milioni di dollari “per sostenere la sua crescita”. Il finanziamento comprende nuovi prestiti esterni e capitale aggiuntivo da parte di investitori esistenti, tra cui Bain Capital Private Equity e Virgin Group. Si è chiuso con successo l’aumento di capitale da 550 milioni di dollari di Virgin Voyages. “Il nuovo finanziamento consentirà a Virgin Voyages di proseguire nell’esecuzione della sua strategia di crescita e di rafforzare ulteriormente la posizione finanziaria, mentre la domanda di crociere continua a guadagnare slancio”, ha sottolineato Virgin Voyages, aggiungendo di aver registrato una crescita esponenziale delle prenotazioni negli ultimi sei mesi, con i viaggi che tornano ad assestarsi verso i livelli pre-pandemici. In effetti, dopo due anni di restrizioni, il 96% dei consumatori ha dichiarato di voler fare una crociera quest’anno.

Ritardato di un anno il lancio della terza nave da crociera, la “Resilient Lady”. Virgin Voyages gestisce attualmente due navi costruite da Fincantieri: “Scarlet Lady” e “Valiant Lady”. A giugno di quest’anno Virgin Voyages ha annunciato che avrebbe ritardato di un anno il lancio della sua terza nave da crociera, “Resilient Lady”, a causa delle sfide che l’industria dei viaggi sta affrontando; la nave non debutterà prima del secondo trimestre del 2023. A fine giugno l’indebitamento finanziario netto di Fincantieri si è attestato a circa 3,3 miliardi di euro (2,2 miliardi di euro a fine 2021); è peggiorato a seguito dell’aumento di 0,9 miliardi di euro del capitale circolante/contratti di costruzione e anticipi a clienti “attribuibile ai volumi di produzione generati nel periodo, in particolare dal segmento Crociere”.

Implicazioni positive sul capitale circolante e il free cash flow di Fincantieri. Quindi, sempre per Banca Akros, la notizia del successo dell’aumento di capitale di Virgin Voyages è positiva in quanto aiuterà la società a ritirare la “Resilient Lady” con implicazioni positive sul capitale circolante e il free cash flow di Fincantieri. L’unico punto interrogativo è la tempistica, in quanto la notizia si ritiene già scontata sul mercato.

 

Fincantieri: giornata fortemente ribassista che conferma la violazione del supporto sul livello 0,5000

Le azioni Fincantieri sono decisamente impostate al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance molto negativa registrata nella seduta di ieri (-3,61%). Dopo un’apertura in gap up (subito ricoperto nell’intraday), infatti, le quotazioni hanno intrapreso un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 0,4508, andando poi a chiudere non lontano a 0,4590 euro.

E’ vero che l’azione scendeva già da qualche giorno dopo la violazione dell’importante supporto posizionato sul livello 0,5000 (che ha tenuto con fermezza per tutto quest’anno) ma l’impressione era che si trattasse di un falso segnale pronto per essere smentito e dare la possibilità ai corsi di rimbalzare. Invece, la buona notizia di cui sopra è risultata effimera, permettendo al titolo di riagguantare la già citata quota 0,5000 solo in apertura di seduta per poi cedere pesantemente durante tutto il prosieguo della giornata.

Ora le quotazioni sono in picchiata e ciò che era supporto diventa resistenza, quindi difficile da superare. Dal punto di vista operativo, pertanto, si sconsiglia l’apertura di eventuali posizioni, sia long che short: da un lato, dopo il recente cedimento è meglio attendere la formazione di un minimo con una concreta figura di inversione; dall’altro lato, i fondamentali della società sono buoni (nella media del settore), anche grazie all’annuncio periodico di nuove commesse, per cui gli ulteriori spazi di discesa delle quotazioni non dovrebbero essere ampi.

L’impostazione grafica, comunque, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono ribassisti da fine luglio. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “ipervenduto” vicino al livello 22.

 


L’andamento di breve termine del titolo FINCANTIERI

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *