Fusione Tiscali-Linkem: dopo euforia iniziale, titolo sprofonda in Borsa

Fusione Tiscali-Linkem: dopo euforia iniziale, titolo sprofonda in Borsa

Fusione Tiscali-Linkem: dopo euforia iniziale, titolo sprofonda in Borsa

La fusione tra Tiscali e Linkem, che diventerà azionista di controllo, porterà alla nascita del quinto operatore di telecomunicazioni nel mercato fisso italiano e primo nel segmento degli accessi ultrabroadband nelle tecnologie FWA (fixed wireless access) e FTTH (fiber to the home) con una quota di mercato complessiva pari al 19,4 per cento. La strada era già tracciata da tempo e a fine 2021 i cda della società nata a Cagliari e di Linkem Retail, interamente posseduta da Linkem, hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Linkem Retail in Tiscali. Il completamento del progetto, sottoposto a condizioni sospensive, è previsto entro il primo semestre 2022.

L’operazione permetterà di cogliere le opportunità di mercato e di sviluppo connesse all’implementazione del PNRR grazie all’offerta di servizi fissi, mobili, 5G, cloud e smart city dedicati a famiglie, imprese e pubbliche amministrazioni. Il rapporto di cambio è stato fissato in 5,0975 azioni Tiscali per ogni euro di quota del capitale sociale di Linkem Retail detenuta da Linkem. All’esito della fusione, Linkem diventerà titolare di una partecipazione pari al 62 per cento di Tiscali mentre Amsicora deterrà circa il 3,7 per cento e Renato Soru il 2,09 per cento. I tre azionisti hanno sottoscritto un patto parasociale in relazione a impegni di lock-up e di voto a carico di Amsicora e Soru, nonché alla governance di Tiscali.

La fusione, che verrà sottoposta alle assemblee di Tiscali e Linkem Retail che saranno convocate entro il mese di marzo 2022, è subordinata all’avveramento, entro il 31 luglio 2022, di una lunga serie di condizioni sospensive, in aggiunta alle consuete autorizzazioni, incluse quelle antitrust e Golden Power. Tra queste figura l’approvazione della fusione da parte dell’assemblea straordinaria di Tiscali con il meccanismo del cosiddetto whitewash ai sensi dell’art. 49, comma 1, lett. g), del Regolamento Emittenti, con la conseguente assenza di obblighi di offerta pubblica di acquisto su Tiscali come pure l’ottenimento dei consensi da parte delle rispettive controparti finanziarie e il reperimento da parte di Tiscali delle risorse necessarie alla copertura del fabbisogno finanziario previsto dal piano industriale per almeno i 12 mesi successivi alla fusione. Advisor di Tiscali è stata Equita Sim mentre Linkem è stata assistita da Banca Akros.

“Tiscali, dopo aver contribuito in modo fondamentale alla diffusione dei servizi internet nel nostro Paese, in questi ultimi due anni ha ridefinito il suo business e creato i presupposti per ben posizionarsi nell’offerta dei servizi in Cloud e contribuire così alla sfida della transizione digitale che nei prossimi anni vedrà impegnate la PA e l’intera economia italiana. L’integrazione con Linkem Retail costituisce un passo importante per l’ulteriore sviluppo di servizi dedicati sia alle famiglie, con particolare attenzione a quelle in aree di digital divide, che alle imprese ed alla PA”. Sono le parole di Renato Soru, amministratore delegato e fondatore di Tiscali, che prosegue: “Insieme raddoppiamo la nostra dimensione aziendale, ma soprattutto avremo la possibilità di portare avanti con maggior forza il nostro comune progetto di crescita. Con questa integrazione e con i nuovi e importanti soci, Tiscali può decisamente guardare fiduciosa al futuro con rinnovate prospettive di crescita”.

Davide Rota, invece, presidente e amministratore delegato di Linkem, ha commentato così l’operazione di integrazione con Tiscali: “Linkem e Tiscali rappresentano due importanti realtà imprenditoriali che hanno puntato sin dall’inizio sull’innovazione, sulla centralità del cliente e sulla specializzazione della propria organizzazione. L’operazione di integrazione che ci vede protagonisti è basata sulla condivisione di questi valori e di asset unici nel panorama italiano delle telecomunicazioni, che ci consentiranno di cogliere al meglio tutte le opportunità legate allo sviluppo dei servizi 5G e alla trasformazione digitale di imprese e pubbliche amministrazioni”.

 

Tiscali: doppio minimo sul livello 0,0154 ma meglio attendere rimbalzo prima di andare buy

Il titolo Tiscali è decisamente impostato al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance molto negativa registrata nella seduta di ieri (-3,73%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 0,0154, per poi chiudere non distante a quota 0,0155.

L’euforia della fusione con Linkem è durata solo un giorno (3 gennaio, con addirittura la presenza di un importante gap up), tant’è che da quel momento le quotazioni sono crollate con una successione incessante di sedute negative fino a ieri, perdendo complessivamente più del 20% in un mese. L’unico aspetto positivo è che forse la discesa potrebbe essersi arrestata grazie al doppio minimo presente sul livello 0,0154. Ma è uno scenario tutto da verificare e sarà proprio questa settimana a svelarci se ci sarà una reazione, anche solo con un timido rimbalzo. In ogni caso è ancora presto per prendere posizione, meglio monitorare il titolo aspettando un’eventuale conferma.

L’impostazione grafica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti da poco. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “ipervenduto” vicino al livello 30. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 0,0163 con target nell’intorno di 0,0170 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 0,0154 con obiettivo molto vicino al livello 0,0147.

 


L’andamento di breve termine del titolo TISCALI

Post correlati

Vodafone: balza l’utile netto, azioni pronte a volare?

Azioni value: ecco come hanno preso il sopravvento sui titoli growth

DiaSorin: analisti apprezzano accordo con Brahms, cosa fare con azioni?

Coinbase: Cathie Wood non perde la fiducia e accumula azioni

Stripe: cos’è e come funziona la piattaforma per inviare e ricevere pagamenti

Lascia un commento