Generali: dopo la cessione di Gdpk in Germania, cosa fare con l’azione? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Generali: dopo la cessione di Gdpk in Germania, cosa fare con l’azione?

La sede di Assirucazioni Generali ad Amburgo, in Germania

Generali ha raggiunto a inizio mese un accordo con Frankfurter Leben per la cessione di Generali Deutschland Pensionskasse (Gdpk). L’operazione è in linea con il piano strategico Lifetime Partner 24: Driving Growth del gruppo, che prevede di migliorare il profilo e la profittabilità del business Vita proseguendo il processo di ottimizzazione dei portafogli esistenti per ridurre l’assorbimento di capitale e migliorare il risultato operativo, ha sottolineato Generali in un comunicato. La transazione incrementerà di circa 10 punti il Solvency Ratio in Germania e di 1 punto quello a livello di gruppo.

Nel 2019 Generali è stata il primo player del settore assicurativo ad avviare un processo di derisking nel business risparmio, attraverso la storica cessione della partecipazione di maggioranza in Generali Leben, che ha migliorato il rendimento del capitale di rischio e mitigato l’esposizione del gruppo al rischio di tasso di interesse, ha specificato Generali.

Gdpk, con circa 2,8 miliardi di euro di riserve di capitale e 150mila polizze, nasce nel 2002 come compagnia specializzata nell’offerta previdenziale. Il portafoglio è stato principalmente sottoscritto negli anni 2003-2005. La nuova produzione di Gdpk è cessata a fine del 2016.

Il perfezionamento dell’operazione è previsto entro la fine del 2023 e rimane soggetto all’ottenimento dell’approvazione da parte dell’Autorità federale di vigilanza finanziaria tedesca (BaFin) e delle competenti autorità locali garanti della concorrenza.

 

Generali: le quotazioni si stanno muovendo in laterale

Il titolo Generali sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, anche grazie alla performance positiva registrata nella seduta di ieri (+0,27%). Dopo un’apertura in gap up (rimasto aperto nell’intraday a quota 18,715) le quotazioni si sono mantenute tutta la giornata all’interno di uno stretto trading range compreso tra i livelli 18,725 e 18,865.

Anche ampliando l’orizzonte temporale la situazione non cambia. Pur rimanendo stabilmente al di sopra dell’importante indicatore Supertrend, che rappresenta un supporto, i corsi non riescono a manifestare la propria positività ma continuano a oscillare con un’ampia lateralità compresa tra 18,500 e 19,000. Se da un lato questo andamento incerto non permette di formulare una strategia per l’immediato, in realtà mette in chiara evidenza quelli che saranno i prossimi segnali decisivi, che con il loro breakout dovrebbero generare (finalmente) un movimento esplosivo di prezzo. In pratica, si tratta solo di attendere.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 19,000 con target nell’intorno dei 19,250 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 18,500 con obiettivo molto vicino al livello 18,250. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Parabolic Sar mentre la media mobile a 25 è diventata ribassista martedì scorso. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 51.


L’andamento di breve termine del titolo GENERALI

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *