Gerhard Comper, chi è e cosa fa il presidente del Südtirol - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Gerhard Comper, chi è e cosa fa il presidente del Südtirol

Un primo piano di Gerhard Comper

Il calcio di provincia che tenta la difficile scalata alla Serie A ha il volto di Gerhard Comper, il presidente del Südtirol. Alla fine del 2021, subentrando a Walter Baumgartner, il manager ha assunto la direzione del club, diventando il sesto patron nella singolare storia dei biancorossi. L’FCS, infatti, è l’unica società di calcio professionistico tra Innsbruck e Trento e quindi ambasciatore in Italia per l’intero Alto Adige.

 

Gerhard Comper, chi è il presidente del Südtirol

Classe 1978, Gerhard Comper è il direttore amministrativo della Forst, storica azienda italiana e una delle pochissime ancora di proprietà familiare. Solida formazione economico-amministrativa, Comper arriva alla presidenza del Südtirol dopo un lungo percorso in Forst e due anni passati nel Consiglio d’amministrazione come amministratore delegato, ruolo oggi assegnato a Dietmar Pfeifer.

Ad indicare il manager come presidente è l’imprenditrice Margherita Fuchs in persona, l’erede di Josef proprietaria di Forst (un fatturato da 140 milioni di euro nel 2022) e di Menabrea di Biella, marchio acquisito nei primi anni Novanta. Oltre che dirigente del gruppo Forst, Comper fa parte del Comitato comprensoriale Burgraviato del Südtiroler Wirtschaftsring, composto dai rappresentanti delle associazioni di categoria delle imprese altoatesine.

Il modello societario del Südtirol è anomalo nel calcio italiano. Ricorda piuttosto quello della Bundesliga: una public company senza una persona sola al comando. Il 90% del club biancorosso è in mano a 30 soci, tutti legati al territorio, con 170 partner (tra cui Duka, Alperia, Südtirol, TopHaus, Ci gusta e Arpinge) che sponsorizzano la squadra. Il restante 10% è dell’AFC Südtirol, un’associazione sportiva dilettantistica aperta alle iscrizioni dei comuni cittadini: una sorta di azionariato popolare, con una sua rappresentazione anche nel Cda.

 

Forst, un patrimonio prezioso

Tra i 30 soci spiccano il re altoatesino delle docce Johann Krapf (il patron di Duka è il principale azionista con il 36%), l’avvocata Elisa Amato (figlia del presidente della Corte costituzionale ed ex premier Giuliano) e Margherita Fuchs, la donna che porta avanti Forst insieme alle figlie Margaretha e Cordula von Mannstein, quinta generazione della famiglia. Una delle principali aziende produttrici di birra in Italia, l’azienda ha alzato dal 5 al 30% le quote societarie negli ultimi due anni. L’approdo di Comper alla presidenza è un segnale forte dell’interesse e dell’impegno sempre più massiccio del marchio di birre nella società biancorossa.

Il patrimonio netto di Forst si aggira sui 200 milioni di euro, inclusi 50 milioni di utili accantonati negli anni che non sono stati distribuiti tra i soci come dividendi. Il gruppo è forte, ha Mediobanca e Intesa Sanpaolo come istituti di riferimento, ha aperto le porte dei birrifici alle visite guidate abbracciando il turismo brassicolo e ha vinto la medaglia d’oro ai World Beer Awards 2023 con la Forst 0.0%, la sua prima birra chiara senza alcol.

 

Da quanto tempo gravita nel calcio

Comper non ha un’esperienza dirigenziale nel settore sportivo, anche se è stato calciatore in gioventù. Debutta ai vertici del Südtirol il 29 ottobre 2021, quando l’assemblea elettiva dei soci, a seguito delle scadenze statutarie degli organi associativi, Consiglio d’amministrazione e Collegio sindacale, rinnova le cariche e lo nomina presidente ricevendo il testimone da Baumgartner, all’addio dopo 13 anni.

“Assumo l’incarico con l’intenzione di dare continuità a quanto è stato fatto fino ad oggi e con il desiderio di cercare di crescere ulteriormente”, sono le prime significative parole di Comper da presidente. Nel Cda rimangono figure chiave come i vicepresidenti Federico Merola (manager napoletano che si occupa degli investimenti nelle infrastrutture e dei rapporti con le autorità federali) e Walter Pardatscher, direttore del Consorzio delle cooperative ortofrutticole altoatesine VOG ed ex amministratore delegato di Autostrada del Brennero.

 

Quanto ha investito nel Südtirol

La dirigenza del Südtirol punta alla solidità dei bilanci e ad un’oculata gestione finanziaria: niente spese pazze, nessun debito con le banche, tetto agli ingaggi dei giocatori, zero emolumenti a dirigenti e soci. Stando ai numeri di Transfermarkt, l’acquisto più costoso della presidenza Comper è quello dell’attaccante albanese Silvio Merkaj, preso dall’Entella per 400.000 euro.

Senza avere il blasone e la storia di altre provinciali importanti, dal Parma di Kyle Krause alla Cremonese di Giovanni Arvedi, l’FCS è un’outsider in rampa di lancio: la parola d’ordine è valorizzare i giovani e il talento. Ma gli investimenti non mancano. Un terzo del budget annuale è destinato al settore giovanile e 18 milioni di euro (di cui 13,2 finanziati dalla Provincia Autonoma di Bolzano) sono stati spesi per il restyling dello stadio Druso, reso compatibile agli standard richiesti dalla Lega B e trasformato in un gioiello da 5.520 posti.

Progettato dalla Dejaco + Partner e costruito dalla Mak Costruzioni di Lavis e dalla Mader di Vipiteno, il Druso ha un manto in erba naturale con impianto di riscaldamento, tribuna, spogliatoi e sala stampa nuovi di zecca. Non è da meno l’FCS Center, il nuovo centro sportivo di Maso Ronco, nella zona di Appiano sulla Strada del Vino. Un impianto all’avanguardia con cinque campi (due in erba naturale e tre sintetici) immersi nel verde, uffici e spogliatoi, magazzino con zona lavanderia, bar e ristorante, saletta relax, il centro fisioterapico e riabilitativo Rehafit e piscine aperte a tutti gli atleti dell’Alto Adige iscritti alle federazioni.

 

I risultati sportivi nel corso della sua presidenza

La presidenza Comper si apre con la prima storica promozione in Serie B nella stagione 2021-2022, conquistata con una irresistibile cavalcata nel girone A della C. La squadra allenata dal tecnico croato Ivan Javorčić chiude il campionato con 90 punti, 27 vittorie e appena 9 gol subiti, miglior difesa d’Europa.

La stagione 2022-2023 è quella dell’esordio nel torneo cadetto per l’FCS. A campionato non ancora cominciato, la società allontana “in seguito a visioni sportive diverse” l’allenatore Lamberto Zauli, subentrato a Javorčić che ha deciso di andare ad allenare il Venezia. La guida tecnica viene temporaneamente affidata al vice Leandro Greco, ma dalla quarta giornata arriva in panchina l’esperto Pierpaolo Bisoli.

Grazie al navigato mister emiliano e ad una rosa che mescola sapientemente promesse e veterani, il Südtirol centra con largo anticipo l’obiettivo della salvezza, aggancia la zona promozione e chiude la regular season al sesto posto. Ai play-off (ad oggi il miglior risultato sportivo del Südtirol) l’Alto elimina la Reggina nel turno preliminare, ma viene eliminato in semifinale dal Bari: è una beffa perché i bolzanini perdono 1-0 all’andata in casa e ribaltano il risultato fuori sempre per 1-0, ma il migliore piazzamento nella stagione regolare premia i galletti.

L’FCS conta cinque squadre femminili all’interno della propria società. Nella stagione 2022-2023, la maggiore allenata da Marco Castellaneta domina il campionato di Eccellenza regionale (con record di imbattibilità) e conquista la storica promozione in Serie C. Ma è straordinaria tutta l’annata del settore femminile biancorosso: l’Under 17 vince il campionato del Triveneto battendo il Padova in finale; l’Under 15 è prima nel campionato regionale; l’Under 12 arriva tra le migliori dieci squadre in Italia alla Danone Cup. Ciliegina sulla torta è la nascita di una seconda squadra, iscritta all’Eccellenza e allenata da Joachim Schmuck, per dare spazio alle promesse del settore giovanile.

Crescere nel segno della continuità e progredire con logica e razionalità: è la visione di Gerhard Comper per la stagione 2023-2024, dove il Südtirol non si presenta per fare da semplice comparsa. “Il punto di forza della società – spiega il presidente – è sempre stato e sarà quello di sposare progetti importanti all’insegna di alcuni principi: essere espressione del territorio e in contatto stretto e costante con il territorio e proseguire step by step, facendo un passo dopo l’altro, ponderando ogni cosa, prefissandoci comunque obiettivi importanti”.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *