Gli Over 50? Tra PC e Smartphone sempre più Tech

Dal 2020 quasi un 1 over 50 su 2 ha incrementato l’utilizzo di Smartphone e PC. La pandemia da Coronavirus ha dunque accelerato il processo di digitalizzazione della popolazione. E’ quanto emerge da una ricerca effettuata da ShopFully su circa 2.500 over 50 italiani. “La digitalizzazione post-pandemia ha coinvolto in maniera trasversale la popolazione italiana”, fanno sapere dalla tech company italiana che connette 30 milioni di consumatori online a 250 mila negozi, evidenziando come “oltre il 45% dei rispondenti alla ricerca ha dichiarato che in seguito alla pandemia è cambiato il suo rapporto con la tecnologia, aumentando l’utilizzo di smartphone, PC o di entrambi”. Un incremento dell’utilizzo della tecnologia dunque trasversale quello trainato dalla pandemia, che non ha interessato solo le generazioni più giovani e per stili di vita affini alla tecnologia e all’ambiente digitale.

 

Over 50: uno sguardo online per un acquisto fisico

L’analisi dei dati della ricerca fa emergere alcuni aspetti di particolare interesse. Ad esempio che a beneficiare di questa maggiore consuetudine alla tecnologia non sia stato in primo luogo l’e-commerce ma la ricerca online di informazioni sui prodotti per poi effettuare gli acquisti nei negozi fisici. Se il 23% degli over 50 ha dichiarato infatti di aver usufruito maggiormente di smartphone o PC per fare acquisti online, più del doppio (il 48%) ha detto di averli utilizzati proprio per prepararsi al meglio agli acquisti di persona.

Nei giorni scorsi Luca Maestri, numero due di Apple, aveva sottolineato come l’Italia stia colmando il divario digitale che la caratterizzava, per Marco Durante, VP Sales & Marketing Italia di ShopFully, la ricerca testimonia che “non solo il Paese è pronto, ma che in generale tutti gli italiani stanno già accogliendo l’innovazione nella vita quotidiana, anche quelle fasce di popolazione che siamo abituati a considerare più restie alle innovazioni tecnologiche”.

 

Digitalizzazione: le prossime sfide per un settore in crescita

La pandemia ha dunque avuto il ruolo di accelerare un processo già in atto, portando tutti i cittadini a familiarizzare sempre di più con il digitale e le sue potenzialità. Un cammino che non si può di certo dire concluso e che nel prossimo futuro dovrebbe trasformare e investire tutto il settore retail, portandolo ad essere più digitale, trasparente e sostenibile. “Ovvero pronto a raccogliere le sfide del futuro”, chiosa al termine del suo commento Durante .

E proprio guardando a quello che potrebbe essere il futuro, la ricerca evidenzia anche quelle che sono le aspettative degli over 50 per il negozio del futuro. Per il 65% dei rispondenti è importante poter conoscere in anticipo quali prodotti è possibile trovare in negozio e i relativi prezzi. Per il 23% invece è auspicabile aumentare le possibilità di fare acquisti dallo smartphone per poi ritirarli in negozio o farseli consegnare a casa. Quasi il 20% chiede una grande distribuzione più green e con meno sprechi.