House of Trading 19 aprile 2022: come affrontare l’ondata di volatilità post pasquale

House of Trading 19 aprile 2022: come affrontare l’ondata di volatilità post pasquale

House of Trading 19 aprile 2022: come affrontare l’ondata di volatilità post pasquale

Dopo lo stop pasquale, gli occhi degli investitori sono puntati sugli sviluppi della guerra in Ucraina, dal momento che, nella notte tra lunedì 18 aprile e martedì 19 aprile, la Russia ha iniziato l’offensiva militare di larga scala contro l’est del Paese, alla conquista del Donbass. A sostegno della Russia sono arrivate le parole del ministero degli esteri cinese, che ha praticamente ribadito l’”amicizia senza confini” di Pechino con Mosca. Per contro, il Giappone ha inviato droni e tute contro attacchi nucleari, biologici e chimici al Paese colpito, l’Ucraina, mentre Janet Yellen, Segretario al Tesoro USA, esprimeva la volontà di chiedere un aumento della pressione finanziaria sulla Russia a Fondo Monetario Internazionale e Banca Mondiale.

A proposito di FMI, oggi è attesa la pubblicazione del Global Financial Stability Report (focalizzato sui rischi finanziari), oltre a quella del World Economic Outlook (dedicato alle prospettive di crescita e inflazione). In conseguenza a questo inasprimento di scenario bellico, non solo il prezzo del petrolio è tornato consistentemente sopra i 100 dollari al barile, ma i principali listini europei hanno aperto in rosso marcato. Sul listino italiano in particolare pesano gli stacchi dei dividendi di 8 big: Cnh Industrial, Ferrari, Stellantis, Banca Mediolanum, Unicredit, Banco Bpm, Campari e Prysmian. Sul fronte americano invece si entra nel vivo della stagione delle trimestrali per il primo trimestre di quest’anno, con Netflix e Tesla tra le sorvegliate di questa settimana. 

Nell’attesa, a smuovere i mercati ci ha pensato James Bullard, governatore della Fed di St.Louis e tra i membri più falco del Fomc, che ha suggerito che i Fed Fund potrebbero dover salire a un tasso “neutrale” del 3,50%, precisando che un aumento del tasso dello 0,75% “non è fuori questione”. Per capire come affrontare questa nuova ondata di volatilità sui mercati finanziari, torna oggi alle 17:30 l’appuntamento settimanale con “House of Trading – Le carte del mercato”. La quindicesima puntata del 2022 della trasmissione sarà visibile in diretta sul canale YouTube di BNP Paribas e vedrà sfidarsi il Campione del Mondo di Trading 2017 Stefano Serafini e Luca Discacciati in rappresentanza del team degli analisti.

 

House of Trading 12 aprile 2022: trader in vantaggio ma Lanati vola con l’uccellino Twitter

La puntata di martedì 12 aprile 2022 di House of Trading ha visto in sfida il trader Nicola Para e l’analista Enrico Lanati. Le strategie proposte dai due esperti hanno permesso di toccare 3 target in pochi giorni. Nell’ultimo aggiornamento effettuato come da regolamento alle 12:00 di oggi, la squadra degli analisti è ancora in vantaggio (18 a 15) nonostante i due target registrati da Para (contro un solo target di Lanati). Sia analisti che trader contano inoltre 4 strategie ancora aperte sul mercato. I trader due long su oro, una long su Enel e una short su Saipem. Gli analisti una long su Petrolio WTI, una long su Twitter, una long su Assicurazioni Generali e una short su Enel.

Andando ad approfondire le 10 strategie messe in sfida da Nicola Para ed Enrico Lanati nella tredicesima puntata del 2022 di House of Trading, non si sono attivate la strategia long messa in campo da Para sul petrolio WTI e quella short messa in campo da Lanati su Amazon. Sono invece andate a target le operazioni long su FTSE Mib e short su DAX del trader Para, operazioni che hanno fatto registrare una performance rispettivamente del 4,37% e del 4,09% grazie ai certificati FTSE MIB IDX Turbo Unlimited Long e DAX Turbo Unlimited Short di BNP Paribas con ISIN NLBNPIT1ANH9 e NLBNPIT125T0.

Dell’analista Lanati è invece andata a target l’operazione long su Twitter che, grazie al certificato Twitter Turbo Unlimited di BNP Paribas con ISIN NLBNPIT1AM30, fa guadagnare il 45,98%. Rimangono invece in sfida le carte long su oro del trader Para e long su Assicurazioni Generali dell’analista Lanati. Sia del trader Para che dell’analista Lanati è andata in stop loss la strategia lunga sul cambio euro/dollaro. Di Lanati è andata in stop loss anche la strategia corta sul FTSE Mib.

 

La diretta di martedì 19 aprile 2022: Serafini sfida Discacciati

Protagonisti della puntata odierna saranno invece Stefano Serafini per la squadra dei trader e Luca Discacciati per quella degli analisti. Qui è possibile vedere le 10 strategie di trading che verranno proposte durante la diretta di House of Trading del 19 aprile 2022.

 


House of Trading: come funziona il contest e squadre

Il format di “House of Trading – Le carte del mercato” prevede la sfida tra due squadre. Quella dei trader è formata da Nicola Para, Giovanni Picone e Stefano Serafini; quella degli analisti vede la presenza del team dell’Ufficio Studi di Investire.biz, con in gara Luca Discacciati, Enrico Lanati e Paolo D’Ambra.

Nel corso di ogni puntata il rappresentante delle due squadre mette sul mercato 5 strategie operative long/short sui sottostanti preferiti tra indici di Borsa, materie prime, valute, azioni italiane o estere. Le 10 strategie, 5 per i trader e 5 per gli analisti, prevedono un livello di entrata, stop e target.

Le operazioni long e short proposte dai trader e dagli analisti iniziano a essere monitorate dall’apertura dei mercati del mercoledì, giorno successivo alla diretta. Le strategie possono attivarsi da quel momento e fino alle ore 12 del martedì successivo. Le carte che non sono state eseguite vengono tolte dalla sfida. Le strategie che, al contrario, si attivano, vedono realizzarsi due scenari: o target o stop. Se si centra l’obiettivo viene assegnata una carta, in caso contrario no.

 

Post correlati

Investv: la Fed conferma la stretta con 2 aumenti

Investv: nuovi segnali di un rallentamento dell’economia?

Investv: Snap riporta le vendite sui listini azionari

Investv: dividend day a Piazza Affari

Investv: focus sulla banca centrale cinese

Lascia un commento