House of Trading: i venti di guerra spaventano le Borse europee - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

House of Trading: i venti di guerra spaventano le Borse europee

Il cartello di presentazione della puntata di House of Trading del 16 aprile 2024, con i protagonisti Vincenzo Penna, Nicola Duranti, Luca Fiore e Riccardo Designori

La quindicesima puntata di “House of Trading – Le carte del mercato”, il format di BNP Paribas che mette a confronto una squadra di trader con una squadra di analisti, coincide con un aumento della volatilità nei mercati azionari. Fin da inizio aprile le Borse hanno iniziato a zoppicare, soprattutto quelle europee nonostante l’epicentro del terremoto sia il rinvio del rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. La BCE dovrebbe invece agire da sola con una prima riduzione confermata a giugno. Tuttavia sono altri in questo momento i pensieri che angustiano gli investitori del Vecchio continente, che vedono il rischio che un nuovo conflitto si apra stavolta a sud del Continente.

Dopo l’attacco missilistico, in gran parte fallito, dell’Iran a Israele, ora si attende la risposta e non sembrano sortire alcun effetto le pressioni delle diplomazie internazionali sul presidente israeliano Benjamin Netanyahu. Lo sguardo degli investitori in particolare corre ai due stretti Bab el Mandeb e Hormuz) che rappresentano due punti di passaggio nevralgici per i commerci internazionali. Il loro blocco potrebbe risollevare l’inflazione globale.

Gli ospiti della puntata odierna chiamati ad affrontarsi su questi temi sono Vincenzo Penna e Nicola Duranti per i trader, Luca Fiore e Riccardo Designori per gli analisti. La puntata verrà trasmessa in diretta streaming sul canale YouTube di BNP Paribas a partire dalle ore 17:30. Come sempre anche il pubblico potrà intervenire direttamente in trasmissione utilizzando l’apposita chat.

Puntata del 9 aprile: Lanati impatta, Marini firma il controsorpasso degli analisti

Nuovo ribaltone al comando di House of Trading 2024, una stagione finora molto combattuta. Nella quattordicesima puntata della trasmissione è stato Enrico Lanati ad andare a segno con uno short sull’indice Dax aperto a 18.150 punti e chiuso a 17.900 con una performance positiva del 6,12%. Lanati ha lasciato aperto a mercato anche un long su Nike da 90,68 dollari con obiettivo a 95,50 e stop loss a 86,50 che alla rilevazione intermedia di oggi alle 12:00 segnava un guadagno del 10,3%.

Il punto di Enrico Lanati ha permesso agli analisti di raggiungere i trader, poi sorpassati grazie allo short di Jacopo Marini sull’S&P500 aperto nella puntata del 2 aprile e arrivato a target il 12 con un guadagno del 17,24%. Gli analisti passano quindi a condurre per 15 a 14. Per il capitano della squadra degli analisti, Riccardo Designori, una strategia a mercato, uno short su Enel avviato a 5,87 euro con obiettivo a 5,76 e stop loss a 5,94 euro che registra un parziale positivo del 2,63%, e un’operatività non attivata, uno short su S&P500.

Magro il bottino dei trader. Giancarlo Prisco ha lasciato aperta a mercato un’operatività long su Barrick Gold da 18,09 dollari con target a 25 e stop loss a 13 che alla rilevazione intermedia segnava un passivo dell’8,64%. È finita in stop loss, con una perdita del3,34% la seconda proposta di Prisco, un long su Dow Jones Industrial che era stato avviato da 38.800 punti con stop a 38.500.

Uno stop loss anche per Stefano Serafini, incassato su un long su T-bond da 117 euro con target a 121 e stop a 116,5 concluso con una perdita dell’1,86%, mentre la seconda operatività, un long su S&P500 non si è attivata.

 

House of Trading: le regole del nuovo format

Nel 2024 l’edizione di House of Trading conferma il regolamento dell’anno precedente nonché l’interattività con il pubblico che ha registrato un elevato gradimento. Anche quest’anno, grazie alla chat presente nella diretta, gli spettatori potranno chiedere ai partecipanti della trasmissione il quadro tecnico e la view macroeconomica sulle diverse asset class.

Nel corso di ogni episodio i componenti dei due team propongono 4 strategie operative long/short sui sottostanti preferiti tra indici di Borsa, materie prime, valute, azioni italiane o estere. Le 8 strategie, 4 per i trader e 4 per gli analisti, prevedono un livello di entrata, stop e target.

Le operazioni long e short proposte dai trader e dagli analisti iniziano a essere monitorate l’apertura dei mercati di mercoledì. Le strategie potranno attivarsi da quel momento e fino alle ore 12 del martedì successivo. A quel punto si osserverà le carte che non sono state eseguite e quelle verranno tolte dalla sfida. Se invece la strategia si sarà attivata, gli scenari saranno due: o target o stop. Se l’obiettivo dovesse venire centrato verrà assegnata una carta, in caso contrario no.

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *