House of Trading: la Fed farà primavera? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

House of Trading: la Fed farà primavera?

Il cartello di presentazione della puntata di oggi di House of Trading con i protagonisti: Nicola Para, Giancarlo Prisco, Giovanni Picone e Riccardo Designori

La Bank of Japan ha cantato. L’Istituto centrale giapponese ha alzato i tassi di interesse riportandoli in territorio positivo dopo 8 anni, allo 0,1%. Non sarà tuttavia Kazuo Ueda a determinare i destini della settimana borsistica in corso e con tutta probabilità anche di quelle successive. La Federal Reserve si prenderà la scena mercoledì, quando dovrebbe mantenere i tassi di interesse invariati ma potrebbe dare conferme o smentite sulla data di giugno. Su questo tema si affronteranno oggi gli analisti e i trader ospiti di “House of Trading – Le carte del mercato” il format di BNP Paribas che ogni settimana mette a confronto la squadra degli analisti contro quella dei trader.

L’undicesima puntata andrà in onda oggi alle 17:30 e vedrà confrontarsi Nicola Para e Giancarlo Prisco per i trader, Ricardo Designori e Giovanni Picone per gli analisti. La diretta streaming verrà trasmessa sul canale YouTube Investimenti di BNP Paribas.

Come sempre anche il pubblico potrà intervenire direttamente in trasmissione utilizzando la chat e rispondere al sondaggio che oggi verte proprio sulla riunione della Federal Reserve: arriva la Fed, chi farà meglio in Borsa con decisione tassi USA?

Le risposte possibili sono quattro:

  1. Dow Jones Industrial Average;
  2. EUR/USD;
  3. Nasdaq;
  4. Oro

Puntata del 12 marzo: nessuno a punti

Nella puntata numero dieci di House of Trading andata in onda lo scorso 12 marzo, nessuno dei protagonisti è riuscito a centrare il bersaglio. Due punti sono arrivati comunque, uno per ciascuna squadra, dalle strategie aperte a mercato nelle puntate precedenti.

In particolare, sono arrivati a target un long di Riccardo Designori su Intesa Sanpaolo aperto il 6 febbraio e che ha realizzato una performance del 32,41%, e uno short di Vincenzo Penna sul natural gas avviato il 5 marzo 2024 che ha portato a casa un guadagno del 31,32%.

Tornando alle operazioni proposte nella puntata passata di House of Trading, per gli analisti Riccardo Designori ha lasciato aperte a mercato un long su Italgas da 5,35 euro con target a 5,66 e stop loss a 5,15 che, alla rilevazione intermedia delle 12:00 di oggi segnava una perdita del 6,38% e un long su A2A aperto a 1,693 euro con obiettivo a 1,812 e stop loss a 1,629 che registra una perdita del 10,21%.

Il compagno di squadra di Designori, Jacopo Marini, ha lasciato aperto sul mercato un long su oro con ingresso a 2,172,20 dollari, target a 2.203,30 e stop loss a 2.172,20. La performance intermedia è negativa per 8,67 punti percentuali. Non si è attivata invece la seconda strategia di Marini, uno short su FTSE Mib.

Per i trader, due strategie a mercato per Tony Ciioli Puviani, un long su Enel da 6,04 euro con obiettivo a 6,22 e stop loss a 6,04 che segna una performance parziale dello 0,83% e uno short su Dax da 17,990 con target a 17.860 e stop a 18.102 in calo parziale dello 0,1%.

Il compagno di squadra di Puviani, Nicola Duranti, ha lasciato sul mercato uno short su oro con ingresso da 2.165 dollari con target a 2.100 e stop loss a 2.202 che alle 12:00 era in rialzo parziale dell’1,68% mentre non si è attivato un lo short su petrolio WTI.

 

House of Trading: le regole del nuovo format

Nel 2024 l’edizione di House of Trading conferma il regolamento dell’anno precedente nonché l’interattività con il pubblico che ha registrato un elevato gradimento. Anche quest’anno, grazie alla chat presente nella diretta, gli spettatori potranno chiedere ai partecipanti della trasmissione il quadro tecnico e la view macroeconomica sulle diverse asset class.

Nel corso di ogni episodio i componenti dei due team propongono 4 strategie operative long/short sui sottostanti preferiti tra indici di Borsa, materie prime, valute, azioni italiane o estere. Le 8 strategie, 4 per i trader e 4 per gli analisti, prevedono un livello di entrata, stop e target.

Le operazioni long e short proposte dai trader e dagli analisti iniziano a essere monitorate l’apertura dei mercati di mercoledì. Le strategie potranno attivarsi da quel momento e fino alle ore 12 del martedì successivo. A quel punto si osserverà le carte che non sono state eseguite e quelle verranno tolte dalla sfida. Se invece la strategia si sarà attivata, gli scenari saranno due: o target o stop. Se l’obiettivo dovesse venire centrato verrà assegnata una carta, in caso contrario no.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *