Iccrea Banca: il Convegno a Roma per i 60 anni - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Iccrea Banca: il Convegno a Roma per i 60 anni

Assicurazioni: BCC Banca Iccrea sigla partnership con BNP Paribas Cardif

Iccrea Banca, capogruppo del Gruppo BCC Iccrea ha celebrato oggi a Roma i 60 anni di storia, con un Convegno dal titolo “Il gruppo bancario cooperativo: le opportunità e le sfide di un nuovo modello bancario”. A fare gli onori di casa, davanti a una platea di oltre 750 partecipanti, è stato il presidente Giuseppe Maino che ha ricordato: “Il 30 novembre 1963 nasceva a Roma Iccrea Banca, l’Istituto di Credito delle Casse Rurali e Artigiane, costituito con lo scopo di far crescere l’attività delle allora Casse Rurali e Artigiane, agevolandone e coordinandone l’azione attraverso lo svolgimento di funzioni creditizie, di intermediazione bancaria e di assistenza finanziaria. Si trattava della prima forma organizzativa di auto-gestione del Credito Cooperativo, lo strumento per rendere le Casse Rurali indipendenti dalle altre banche”.

Ricco il parterre di interventi dell’evento tenutosi alla Fiera di Roma, con la presenza di esponenti del mondo istituzionale, economico e finanziario nazionale e locale e con la partecipazione del governatore della Banca d’Italia, Fabio Panetta, alla sua uscita pubblica dopo il mandato ricevuto a inizio novembre.

“Gli stretti rapporti con la clientela e la conoscenza dell’economia locale conferiscono alle banche di credito cooperativo un vantaggio competitivo dal finanziamento delle imprese di minori dimensioni. La riforma che ha istituito i gruppi cooperativi non ha intaccato questo vantaggio: attualmente le BCC erogano un quinto dei crediti alle piccole imprese, a fronte di una quota sul credito complessivo di gran lunga inferiore” ha dichiarato Panetta.

 

Il Gruppo BCC Iccrea oggi

“Oggi, con le sue 116 BCC, il Gruppo BCC Iccrea è più competitivo e solido, dopo un percorso di evoluzione su più fronti tra cui la riduzione drastica di oltre 10 punti del NPL ratio lordo dal 14,4% di giugno 2019 al 4,1% di settembre 2023 e la crescita di oltre 5 punti del CET 1 dal 15,5% nel giugno 2019 al 20,8% di settembre 2023, soprattutto a confronto con gli impieghi netti realizzati – circa 90 miliardi di euro  a settembre 2023 – che danno il segno di quanto stiamo facendo per il sostegno allo sviluppo delle PMI e la spesa delle famiglie” ha spiegato Mauro Pastore, direttore generale del Gruppo BCC Iccrea.

A quattro anni dalla sua costituzione, il Gruppo è nato a giugno 2019, ha realizzato quasi 90 miliardi di finanziamenti netti alla clientela, il 7% in più rispetto al dato di giugno 2019, con una quota di mercato nazionale superiore al 6% (4,9% al 30 giugno 2019). In particolare, da dicembre 2019 a dicembre 2023 l’attenzione al sociale si è concretizzata in un ammontare delle erogazioni liberali sui territori di circa 200 milioni di euro e dei finanziamenti a impatto sociale e ambientale per oltre 24 miliardi di euro.

Il Gruppo BCC Iccrea oggi impiega oltre 22 mila dipendenti e opera con quasi 2.500 sportelli. Dalla sua costituzione il Gruppo ha incrementato il numero dei propri dipendenti in controtendenza rispetto al settore bancario e aumentato il numero dei comuni in cui è l’unica presenza bancaria (oltre 350 comuni oggi rispetto ai 283 comuni nel 2019), ad evidenza di un modello di business e di un’impostazione strategica diversi rispetto alla media di settore, che riflettono i tratti distintivi e lo spirito sotteso al credito cooperativo.

 

Pronti ad affrontare il rallentamento economico accanto alle imprese

Il direttore generale del Gruppo Banca Iccrea Mauro Pastore, a latere dell’evento ha ricordato come la nascita di Iccrea Banca “ha fatto sì che anche le banche di piccoli paesi potessero offrire la sicurezza e i servizi delle grandi banche”.

Questa vicinanza al territorio, sottolineata in diverse occasioni durante il Convegno, si conferma oggi in un periodo di difficoltà legato agli elevati tassi di interesse e al rallentamento economico. “Siamo vicini alle imprese – ha ripreso Pastore – che stanno soffrendo perché i tassi di interesse sono cresciuti oltre a quanto si aspettassero e noi vogliamo che siano pronte nel momento in cui questa fase terminerà”.

Ha poi preseguito: “Le imprese stanno registrando qualche difficoltà con il rallentamento del PIL. Il credito, per esempio, si è ridotto rispetto a un anno fa, anche se nel caso del gruppo cooperativo Iccrea questa riduzione è inferiore. Stiamo facendo ancora più attenzione perché le imprese meritevoli vanno accompagnate nei momenti di difficoltà, come abbiamo già fatto nel corso della pandemia”.

 

AUTORE

Picture of Alessandro Piu

Alessandro Piu

Giornalista, scrive di economia, finanza e risparmio dal 2004. Laureato in economia, ha lavorato dapprima per il sito Spystocks.com, poi per i portali del gruppo Brown Editore (finanza.com; finanzaonline.com; borse.it e wallstreetitalia.com). È stato caporedattore del mensile Wall Street Italia. Da giugno 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *