Immobili commerciali: ecco quando terminerà il repricing - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Immobili commerciali: ecco quando terminerà il repricing

Nell'immagine, una donna in giacca rossa e camicia bianca, di cui non si vede il viso, tiene in mano il modellino di un palazzo.

L’asset class immobiliare è una delle più sensibili alle condizioni finanziarie. Non è un caso che abbia sofferto nel corso degli ultimi due anni in uno scenario di forte rialzo dei tassi di interesse. Nel 2024 dovrebbe arrivare l’inversione di rotta, anche se nella prima parte dell’anno il riprezzamento verso il basso delle valutazioni potrebbe continuare. Ad affermarlo è il “Real Estate Market Outlook 2024” realizzato dal team di ricerca di CBRE Group, leader globale nei servizi e investimenti in immobili commerciali, recentemente presentato a Milano.

“In attesa di un futuro taglio dei tassi d’interesse, il sentiment nei mercati dei capitali europei per il settore immobiliare sta iniziando a migliorare, un miglioramento che si tradurrà probabilmente in un aumento dell’attività di acquisto e vendita nell’ultima parte del 2024” ha dichiarato Jos Tromp, responsabile Business Development per l’Europa continentale di CBRE, che ha fissato tra il 5% e il 10% la possibile crescita di investimenti nel settore immobiliare nei prossimi dodici mesi.

 

Immobili commerciali: in cerca di nuovi equilibri rischio/rendimento

La svolta sui tassi di interesse ci sarà, prima o poi, e permetterà al mercato immobiliare di recuperare dopo un 2023 caratterizzato dalla frenata di tutti i settori del mercato immobiliare. “Le politiche monetarie restrittive della BCE avviate nella seconda metà del 2022 hanno provocato una forte riduzione dei capitali destinati al mercato immobiliare, in particolare a causa dell’incertezza sulla dinamica futura dei prezzi degli immobili e del deterioramento delle condizioni di accesso al finanziamento” ha fatto notare Giulia Ghiani, responsabile Research & Data intelligence di CBRE Italy.

“Nel 2024 – ha proseguito – gli investimenti dovrebbero recuperare in seguito al raggiungimento di un nuovo equilibrio sulle aspettative di prezzo degli investitori e di un miglioramento delle condizioni di accesso al credito”. Secondo il report di CBRE l’interesse maggiore del mercato si rivolgerà verso operazioni dal profilo di rischio più pronunciato – classi alternative e operational real estate, come hotels, healthcare, data center e infrastrutture – o in mercati regionali ancora poco esplorati.
Le strategie più difensive continueranno invece a concentrarsi su acquisizioni in mercati primari con comprovata capacità di conservare valore nel tempo e forte domanda da parte degli occupier.

 

I segmenti più ricercati in Italia

Per quanto riguarda il mercato degli immobili commerciali in Italia, in uno scenario che ricalca quello internazionale e dopo una significativa contrazione nel 2023 (-44% gli investimenti immobiliari nel Belpaese), “il 2024 dovrebbe vedere un recupero supportato da nuovi equilibri sulle aspettative di prezzo degli investitori e dal miglioramento delle condizioni di accesso al credito” ha commentato Ghiani.

L’Italy Investor Intentions Survey 2024, condotto da CBRE su 238 investitori domestici e internazionali, rivela un persistente interesse degli investitori per le asset class hotels (16% di intenzioni di investimento), residential (26%) e industrial & logistics (37%). Tra le asset class alternative, gli investitori mostrano un forte interesse per gli studentati, i data center e il senior living, tutti settori che registrano un aumento di richiesta. Nel primo caso legata all’aumento del numero di studenti fuori sede, cresciuti del 42% negli ultimi anni, nel secondo caso sulla spinta dell’intelligenza artificiale e nel terzo allo sviluppo demografico nella direzione dell’invecchiamento della popolazione.

“I risultati dello studio mostrano da un lato un atteggiamento ancora cauto degli investitori, dall’altro, un forte interesse a investire in settori con ottimi fondamentali in crescita e asset class alternative, adottando politiche di sostenibilità sempre più ambiziose” ha spiegato Silvia Gandellini, responsabile Capital markets & AT High Street di CBRE Italy.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *