Intesa Sanpaolo: come investirvi con i nuovi Equity Premium di Banca Akros - Borsa e Finanza

Intesa Sanpaolo: come investirvi con i nuovi Equity Premium di Banca Akros

Certificato di Banca Akros su Intesa Sanpaolo su Intesa Sanpaolo

Banca Akros ha portato in quotazione diretta sul mercato Cert-X di Borsa Italiana dodici nuovi certificati Equity Premium Autocallable. L’emissione ha come sottostanti singole azioni italiane ed estere: AXA, Credit Agricole, ENI, ENEL, Intesa Sanpaolo, Mercedes, Repsol, Stellantis, STMicroelectronics, Tenaris, Unicredit e Volkswagen. Una scelta, quella dei singoli sottostanti, che distingue il lancio di Banca Akros da quello di altri emittenti che hanno preferito invece costruire i loro certificati su panieri worst of, che legano l’esito dell’investimento all’andamento del sottostante con la performance peggiore.

Tra i certificati quotati l’attenzione di Borsa&Finanza si è concentrata sull’Isin IT0005499469 su Intesa Sanpaolo che unisce un sottostante solido con un rendimento interessante. I premi trimestrali sono infatti di 3,25 euro, terza posizione per grandezza all’interno della gamma lanciata in quotazione da Banca Akros. Inoltre, la barriera è posizionata a 1,0351 euro, su valori che l’azione non vede da quasi dieci anni.

 

L’approfondimento sul sottostante: Intesa Sanpaolo

Il settore bancario non ha potuto sottrarsi alle vendite che si sono abbattute sui listini azionari a partire dal 24 febbraio, nelle settimane successive all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Il ribasso che ne è seguito ha cancellato tutti i guadagni realizzati nei mesi finali del 2021 e nella prima parte del 2022, determinati dal movimento al rialzo dei tassi di interesse. I due driver sono ancora ben presenti e al momento agiscono quasi bilanciandosi sullo scenario di Borsa del settore bancario.

Gli effetti sulle quotazioni di Intesa Sanpaolo sono ben visibili nelle variazioni percentuali dell’azione. Dalla fine del mese di novembre fino ai massimi segnati il 10 febbraio il rialzo è stato del 38%. Da quel momento e fino ai minimi del 7 marzo 2022 a 1,6816 il calo è ammontato al 42%. Lo scenario si è poi stabilizzato, con un tentativo di ripartenza di Intesa Sanpaolo fermato in corrispondenza di importanti resistenze in area 2,10/20 euro e un ritorno vicino ai minimi dove ancora le quotazioni si trovano a stazionare. Il consensus degli analisti sul titolo rimane in larga misura positivo. Il 75,9% dei giudizi raccolti da Bloomberg è “buy”, il 20,7% “hold” con un target price medio che si attesta a 2,61 euro.

Intesa Sanpaolo pubblicherà i risultati relativi al secondo trimestre il prossimo 29 luglio. Nei primi tre mesi dell’anno il gruppo bancario guidato dall’AD Carlo Messina ha incamerato ricavi per 5,414 miliardi di euro, in calo da 5,490 dello stesso periodo del 2021. L’utile netto si è attestato a 1,670 miliardi di euro in aumento del 10,2% rispetto al primo trimestre del 2021. Al netto delle rettifiche di valore per lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina l’utile netto di Intesa Sanpaolo nel primo trimestre dell’anno è stato pari a 1,024 miliardi di euro. Per il 2022 nel suo complesso Intesa Sanpaolo stima utili superiori a 4 miliardi di euro “se non interverranno cambiamenti critici nell’offerta di materie prime ed energia” con un obiettivo più conservativo a 3 miliardi di euro.

 

Il funzionamento del certificato

L’Equity Premium Autocallable Certificate con Effetto Memoria (Isin: IT0005499469) quotato su Cert-X di Borsa Italiana da Banca Akros ha rilevato il valore iniziale del sottostante a 1,7252 euro. Di conseguenza la barriera, collocata al 60% del valore iniziale, è stata posta a 1,0351 euro.

Al termine del terzo e quarto trimestre dell’anno, precisamente il 30 settembre 2021 e il 30 dicembre 2021, il certificato paga due premi incondizionati di 3,25 euro l’uno (3,25% del valore nominale del certificato pari a 100 euro).
Per i premi trimestrali successivi, sempre del valore di 3,25 euro, il pagamento è invece legato al rispetto della barriera che, come visto, si colloca a 1,0351 euro ossia su livelli che il sottostante Intesa Sanpaolo non vede dall’agosto 2012. Pertanto, se alle date di valutazione intermedie (23/3/2023; 23/6/2023; 22/9/2023; 20/12/2023; 21/3/2024) l’azione Intesa Sanpaolo quota a un valore superiore o pari alla barriera, verrà pagato il premio di 3,25 euro.

Il certificato prevede anche l’opzione autocall, ossia la possibilità di scadere anticipatamente, disponibile in occasione delle date di valutazione intermedie. Se in tali date il valore del sottostante supera o eguaglia quello iniziale, il certificato restituisce il valore nominale, il premio relativo al trimestre e i premi eventualmente non incassati nei trimestri precedenti, grazie alla presenza dell’effetto Memoria.

Se non si verificano le condizioni per la scadenza anticipata, il certificato arriva alla scadenza naturale del giugno 2024 dove si possono verificare due scenari:

  • Se Intesa Sanpaolo quota a un valore superiore o pari alla barriera, l’investitore riceve il valore nominale di 100 euro, un premio di 3,25 euro e gli eventuali premi non incassati nei trimestri precedenti;
  • Se il sottostante quota al di sotto del livello barriera l’investitore percepisce un importo commisurato alla perdita registrata dal sottostante come se avesse investito direttamente nell’azione Intesa Sanpaolo al prezzo di 1,752 euro (valore di riferimento iniziale).

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.