Investv: i mercati azionari snobbano i dati sull'inflazione Usa - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Investv: i mercati azionari snobbano i dati sull’inflazione Usa

Investv: i mercati azionari snobbano i dati sull'inflazione Usa

Nell’ultima puntata della settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e Pietro Origlia, Riccardo Zago per la squadra gialla andrà a sfidare il capitano della squadra azzurra. Inoltre, dalla sede di Francoforte per Vontobel ci sarà Jacopo Fiaschini, a capo del desk italiano dell’emittente, che illustrerà la prima emissione di Memory Maxi Cash Collect con Maxi Coupon, prevista per i mesi di novembre e dicembre, con premi tra il 10% e il 26% e possibilità di rimborso anticipato entro l’anno. Ricordiamo che l’appuntamento con Investv, come di consueto, è visibile in diretta streaming dalle ore 10 sul canale YouTube di Vontobel certificati.

 

Il riassunto del 13 ottobre 2022

Nella giornata di ieri sono stati Sante Pellegrino e Alessandro Aldrovandi i due trader che si sono confrontati e che hanno scelto il FTSE Mib per operare. Nello specifico, Sante Pellegrino per la squadra azzurra ha proposto una strategia rialzista che, con un ingresso in area 20.525 punti, prevedeva uno stop a 20.195 punti e un target a 20.730 punti. L’operazione andando a target ha registrato una performance positiva del 3,99%. Anche Alessandro Aldrovandi, trader della squadra gialla, ha illustrato un’operazione rialzista che, con un’entrata in area 20.400 punti, aveva uno stop posto sui 20.300 punti e un target sulla soglia dei 20.500 punti. La strategia è andata a target segnando una performance positiva dell’1,77%.

 

I temi della puntata odierna di Investv

A dispetto di un’inflazione che negli Stati Uniti è risultata oltre le attese degli analisti, in particolar modo nella sua componente core, arrivata sui massimi degli ultimi 40 anni, i principali mercati azionari del Vecchio continente proseguono il rimbalzo innescatosi nella seduta di ieri. In questo contesto il focus è rivolto anche alle trimestrali statunitensi con i conti di Citigroup, Jp Morgan e Morgan Stanley in uscita nel pomeriggio.

Un ulteriore driver a cui guarderanno i mercato è il Regno Unito, con la premier Liz Truss che si accinge a cambiare quella manovra finanziaria basata sui debiti che ha messo in crisi il sistema finanziario spingendo i rendimenti sui gilt a livello esorbitanti. Infine, come di consuete, uno sguardo al nostro indice principale che in caso di conferma oltre i 21.000 punti, invierebbe un primo segnale di positività.

AUTORE

Picture of Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *