Istat: in lieve calo la fiducia di imprese e consumatori

ISTAT: IN CALO LA FIDUCIA DI IMPRESE E CONSUMATORI

istat

Ad agosto il clima di opinione segna una flessione che segue il forte incremento rilevato a luglio

L’indice di fiducia dei consumatori in Italia è sceso a 111,9 ad agosto, da un 113,3 rivisto al ribasso nel mese precedente e al di sopra delle aspettative del mercato, attestate a quota 109,6. Lo rileva l’Istat. Tutti i componenti principali sono peggiorati: sentimento economico (127,8, da 129,6 di luglio), situazione personale (107 rispetto ai 108 del mese precedente), condizioni attuali (110 da 111,1), e clima futuro (115,4 da 117,4). Dal 1982 al 2019 la media della fiducia dei consumatori in Italia è di 104,38 punti indice. Il massimo storico è a quota 121,23, raggiunto a novembre 1988. Il minimo record è di 82,40 punti indice,  gennaio 2013.

I livelli degli indici di fiducia destagionalizzati tornano così in linea con quelli medi rilevati da inizio anno, seppur in lieve calo, mantenendosi leggermente al di sopra del livello registrato a maggio. Discorso simile vale per i dati riguardanti le imprese, su cui permane un quadro di elevata incertezza, soprattutto per quanto riguarda i livelli di fiducia della manifattura e nei servizi di mercato, i più bassi da inizio anno.

FIDUCIA DELLE IMPRESE
Anche per l’indice composito del clima di fiducia delle imprese si registra un calo: dal 101,2 di luglio al 98,9 del mese di agosto secondo l’Istat. Come per le imprese, si registrano flessioni in tutti i comparti, con l’unica eccezione rappresentata dal commercio al dettaglio dove rimane sostanzialmente stabile (da 110 a 109,9). La contrazione più marcata si registra nei settori delle costruzioni e dei servizi: rispettivamente da 142,8 a 140,4 e da 100 a 97,4, mentre il deterioramento è ben più contenuto nella manifattura, da 100,1 a 99,7 (vedi grafico sotto), il più basso da dicembre 2014 e leggermente inferiore alle aspettative del mercato (99,8).

 

In questo settore, le aspettative sono peggiorate per tutti i componenti principali: nuovi ordini (4,8 da 6,9 a luglio); produzione (5.1 da 6.3) e occupazione (-1.3 da -0.3). Dal 1991 al 2019, la media delle imprese in Italia è di 102,28 punti. Il massimo storico è 121,52 punti, raggiunto a febbraio nel 1995. Il minimo record è 71,5 punti, marzo 2009.

 

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

La seconda puntata della nuova settimana di Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo