Italgas: accordo con Veolia per gli acqudotti, la reazione dell'azione - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Italgas: accordo con Veolia per gli acqudotti, la reazione dell’azione

La sede di Italgas in via Carlo Bò a Milano

Italgas e Veolia hanno siglato il contratto di vendita delle partecipazioni detenute dal gruppo francese negli acquedotti nel Lazio, Campania e Sicilia. L’operazione si inquadra nella più ampia strategia tracciata da Italgas nel settore idrico. Per l’acquisto delle partecipazioni, in particolare, verranno riconosciuti al Gruppo Veolia complessivamente 115 milioni di euro (in termini di equity value), in parte subordinati al raggiungimento di alcuni obiettivi delle società operative.

Nel dettaglio, l’operazione prevede l’acquisizione da parte di Italgas del 100% del capitale sociale di Acqua, che a sua volta detiene direttamente il 98,7% del capitale sociale di Idrosicilia e, indirettamente, il 75% del capitale sociale di Siciliacque, cui fanno capo le attività dell’Eas (Ente acquedotti siciliani). Inoltre, l’acquisizione del 100% di Idrolatina, che a sua volta detiene il 49% di Acqualatina e l’acquisizione del 47,9% di Acqua Campania. Le holding Acqua, Idrosicilia e Idrolatina detengono esclusivamente le partecipazioni nelle società operative Siciliacque e Acqualatina.

“Abbiamo compiuto un passo importante per diventare un player di riferimento anche nel settore idrico. Un obiettivo strategico a cui puntiamo con convinzione, nella consapevolezza di poter creare valore per il paese mutuando le competenze e le tecnologie all’avanguardia sviluppate nel settore del gas”, ha detto l’amministratore delegato di Italgas, Paolo Gallo, sottolineando che “la trasformazione digitale delle reti e l’efficienza energetica in chiave sostenibile sono  driver in grado di ridurre in maniera significativa le perdite idriche, rendere più efficiente il servizio e restituire ricchezza alle comunità e ai territori”.

Il perfezionamento dell’operazione è subordinato ad alcune condizioni, come il coinvolgimento o il gradimento degli enti che hanno assegnato la concessione del servizio idrico.
“Veolia rimarrà attiva nel mercato idrico attraverso servizi tecnologici e soluzioni avanzate contribuendo altresì alla sicurezza energetica e alla decarbonizzazione per soddisfare la significativa domanda del paese di efficientamento energetico e di accelerazione di produzione di energia locale e decarbonizzata”, ha aggiunto Emanuela Trentin, amministratrice delegata di Siram (Gruppo Veolia).

 

Azioni Italgas: attenzione al doppio minimo a 5,335 euro

Il titolo Italgas sembra essere impostato al ribasso nel breve termine, anche grazie alla performance negativa registrata nella seduta di ieri (-0,28%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 5,335, per poi recuperare buona parte del terreno perso nel corso del pomeriggio fino a chiudere in prossimità dell’apertura a quota 5,360 euro.

Tale movimento ha permesso all’azione di creare un pattern di analisi candlestick assimilabile al “Doji”, indicante una generalizzata indecisione da parte degli operatori. Incertezza ben comprensibile dato che proprio ieri è stato realizzato un doppio minimo daily (l’altro è quello dello scorso 22 giugno) sul livello 5,335. Tale situazione è molto delicata. Da un lato potrebbe essere considerata una figura di inversione che porterebbe i corsi a effettuare un rimbalzo almeno di corto respiro. Dall’altro è anche vero che le quotazioni sono in piena fase ribassista (a partire dal recente massimo del 12 giugno a quota 5,715) al di sotto di una netta trendline discendente che potrebbe continuare. Oggi e nelle prossime giornate sarà di fondamentale importanza monitorare questo supporto a 5,335 euro e tenersi pronti per qualsiasi eventualità, rialzista o ribassista che sia.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 5,390 con target nell’intorno dei 5,510 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 5,335 con obiettivo molto vicino al livello 5,285. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sotto dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati ribassisti due settimane fa. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 39.


L’andamento di breve termine del titolo ITALGAS

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *