Leonardo: contratto da 690 milioni in Canada, azioni verso i top di novembre?

Leonardo: contratto da 690 milioni in Canada, azioni verso i top di novembre?

Leonardo: contratto da 690 milioni in Canada. Azione attesa sui top di novembre?

A Piazza Affari è una giornata in deciso territorio positivo per le azioni Leonardo, che prosegue in questo modo il recupero delle ultime sedute anche in scia al nuovo contratto stipulato con il Dipartimento della Difesa Nazionale Canadese e comunicato poco prima dell’apertura del mercato. Nello specifico l’azienda italiana si è aggiudicata un contratto da 690 milioni di euro, riguardante il programma di ammodernamento ed espansione della flotta di elicotteri AW101/CH-149 SAR Cormorant. Nel dettaglio agli attuali 13 Cormorant già in servizio, che si occupano di ricerca e soccorso,  se ne aggiungeranno altre tre unità che estenderanno l’operatività dell’intera flotta fino ad oltre il 2042.

Grazie a questo accordo la flotta di CH-149 Cormorant beneficerà di un progetto di ammodernamento proposto dal Team Cormorant, che è una partnership tra Leonardo ed il suo principale subcontractor canadese IMP Aerospace and Defence. Tutto questo porterà la flotta di elicotteri a raggiungere i più elevati standard di capacità operativa, gli stessi che sono presenti sugli AW101 SAR norvegesi, che sono al momento i migliori elicotteri per ricerca e soccorso presenti al mondo. Il programma includerà l’avionica di ultima generazione, motori più potenti, comunicazioni wireless in cabina e anche l’ultimo standard di sensori per ricerca e soccorso, tra i quali un sistema elettro-ottico ed uno per la localizzazione di telefoni cellulari. Tutte queste novità dovrebbero consentire di ridurre il tempo necessario alla ricerca e aumentare la capacità di soccorso.

 

Azioni Leonardo: analisi tecnica e strategie operative

Andiamo ora a vedere l’impostazione grafica dell’azione a Piazza Affari. L’engulfing rialzista disegnato nella giornata del 20 dicembre 2022 continua ad avere effetti positivi sul titolo Leonardo, con i prezzi che in queste ore si portano oltre la soglia degli 8 euro. Nel breve termine una conferma sopra queste aree resistenziali, dove transita anche l’indicatore giornaliero del Supertrend, dovrebbe aprire le porte ad ulteriori allunghi verso i massimi di novembre 2022 situati sugli 8,35-8,40 euro. Nel caso in cui anche queste forti aree resistenziali dovessero essere superati, si avrebbe un ulteriore rafforzamento della struttura grafica del titolo con possibili estensioni degli acquisti fin verso gli 8,80 euro, dove transita la media mobile di lungo periodo.

Al contrario sarà solo con discese sotto i supporti e minimi delle ultime ottave in area 7,5 che si avrebbe un nuovo indebolimento del titolo, con possibili test sui 7 euro. Fondamentale nel caso sarà la tenuta di questi sostegni, per evitare ulteriori vendite verso i 6,7 euro e successivamente i minimi annuali situati sulla soglia dei 6 euro.

 

 

AUTORE

Pietro Origlia

Pietro Origlia

Pietro Origlia, trader indipendente, ha iniziato ad interessarsi dei mercati finanziari all'inizio del 2000, facendone poi una professione tra il 2005-2006. Specializzato nel trading multiday (azioni, valute e materie prime) opera essenzialmente sul mercato italiano. Ha partecipato a vari eventi e manifestazioni in qualità di relatore. Dal 2017 è anche Giornalista Pubblicista. Da gennaio 2022 è entrato a far parte della redazione di Borsa&Finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *