Meta: nel 2023 sarà più piccola, e l’azione? - Borsa&Finanza

Meta: nel 2023 sarà più piccola, e l’azione?

Marck Zuckerberg sul palco di un evento organizzato da Meta Platforms

In attesa che il Metaverso prenda piede, ma potrebbe volerci ancora qualche anno perché diventi mainstream e ancora in molti dubitano della possibilità di un suo pieno successo, Facebook (anzi Meta) deve fare i conti con la realtà. E la realtà è che il core business della società, Facebook, è invecchiato e stenta a tenere il passo dei concorrenti più agguerriti, come TikTok, che “rubano” allo storico social network la parte più pregiata del mercato, i giovani.

Zuckerberg lo sa e lo ha ammesso davanti ai suoi collaboratori durante una sessione di Q&A affermando che “Meta sarà più piccola nel 2023 rispetto alle dimensioni attuali”. È una prima volta per Facebook (Meta). Finora la società aveva conosciuto una sola direzione, quella dell’espansione e dell’assunzione di nuova forza lavoro. Ora invece il numero uno vuole “pianificare con più prudenza” riducendo i budget delle singole divisioni, ristrutturando alcuni team e bloccando le nuove assunzioni, a fronte di un’economia che “non si è ancora stabilizzata” come lui stesso sperava e prevedeva.

I segnali di affaticamento della creatura di Mark Zuckerberg erano visibili già nella trimestrale pubblicata lo scorso luglio che segnalava ricavi in calo per la prima volta nella storia di Meta, rispetto al 2021. Le entrate dei quattro principali social controllati da Meta (Facebook, Instagram, Whatsapp e Messenger) sono diminuite dell’1% nel secondo trimestre dell’anno, attestandosi a 28,8 miliardi di dollari con utili a 6,7 miliardi (-36%).

Di soddisfazioni è per il momento amaro anche il Metaverso, fronte sul quale Meta ha incassato un primo fallimento. Quello del gioco Horizon Worlds, accolto con ironia dal pubblico per la sua grafica che alcuni hanno definito, esagerando, peggio di quella di Second Life.

 

L’analisi tecnica e le strategie operative sul titolo Meta

In Borsa non va meglio, anzi. Il titolo Meta, quotato al Nasdaq, ha subito le incertezze relative all’andamento del fatturato della società, oltre a quelle provenienti da fattori esterni, come il rialzo dei tassi di interesse che penalizza in particolare le società tecnologiche, caratterizzate da un utilizzo intensivo di capitale. Da inizio anno Meta ha più che dimezzato la sua capitalizzazione in Borsa. L’azione è passata da 338,71 dollari al minimo di 132,09 dollari della chiusura di seduta di mercoledì 28 settembre trascinando con sé il patrimonio di Zuckerberg, precipitato al ventesimo posto nella classifica delle persone più ricche del pianeta.

L’azione Meta si trova ora vicina ai minimi del dicembre 2018 a 122 dollari. Su questo livello potrebbe mettere a segno un tentativo di rimbalzo che non cambierebbe, tuttavia, il quadro grafico deficitario dell’azione. Una stabilizzazione dello scenario si potrà avere, infatti, solo con un recupero di quota 155 dollari da dove diverrebbero possibili estensioni in direzione di 171 e 183 dollari. Il test dei minimi del 24 dicembre 2018 a 122,87 dollari, arriverebbe invece su caduta di quota 132.

 

Grafico Meta Platforms
Grafico Meta Platforms

 

Meta: le strategie operative con i Certificati Turbo24 di IG

Per quanto riguarda l’operatività, si potrebbero valutare strategie short a partire da 131,90 dollari con target a 123 e stop loss a 140. Per questo tipo di operatività può essere utilizzato un Certificato Turbo24 di IG con facoltà short su Meta che abbia il livello di Knock-Out (KO) superiore alla zona scelta per lo stop loss indicato.
Nel dettaglio, il Certificato Turbo24 Long con ISIN DE000A23AV22 propone un livello di KO a 163,2896 dollari e leva 5. Per trovare la corretta size di ingresso a mercato, ricordiamo di controllare il moltiplicatore, sotto la voce info. L’ammontare massimo che si potrà perdere non supererà in ogni caso l’investimento iniziale: perché ciò accada le quotazioni di Meta dovranno raggiungere il livello di KO del Certificato.

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *