Meta Platforms delude: utile dimezzato nel terzo trimestre
Cerca
Close this search box.

Meta Platforms delude: utile dimezzato nel terzo trimestre

Una delle sedi di Meta

Meta Platforms, la società che controlla Facebook, ha registrato una flessione dei ricavi del 4% nel terzo trimestre 2022: 27,71 miliardi di dollari contro i 29,01 miliardi di dollari dello stesso periodo di esercizio del 2021. All’opposto sono aumentati del 19% i costi operativi a 20,05 miliardi di dollari. Il terzo trimestre dell’anno si è chiuso con un utile netto di 4,4 miliardi di dollari,  in flessione (-52%) rispetto ai 9,19 miliardi registrati nel corso del terzo trimestre 2021. In calo anche l’utile per azione, che è passato da 3,22 dollari a 1,64 dollari. Gli analisti avevano stimato un utile per azione di 1,9 dollari per azione con ricavi che si sarebbero dovuti attestare intorno ai 27,4 miliardi di dollari.

I vertici di Facebook hanno, comunque, precisato che gli utenti mensili sono cresciuti del 2%, arrivando a quota 2,96 miliardi. Il management di Meta Platforms, per il quarto trimestre 2022, stima che i ricavi possano essere compresi tra i 30 ed i 32,5 miliardi di dollari, mentre per l’intero esercizio gli investimenti potrebbero arrivare a 33 miliardi di dollari. Presentando i risultati di Meta, Mark Zuckerberg ha affermato: “La nostra comunità continua a crescere. Anche se nel breve termine ci troviamo davanti a sfide sui ricavi, i fondamentali puntano al ritorno di una forte crescita. Ci avviciniamo al 2023 concentrati sull’efficienza che ci aiuterà a navigare l’attuale contesto ed emergere come una società ancora più forte”.

 

Meta Platforms, le sfide da affrontare

I numeri di Meta Platforms risentono delle sfide che il colosso dei social network sta affrontando nel corso dell’ultimo anno. Tra queste rientrano il difficile clima macroeconomico e la crescente concorrenza di Tik Tok. Da non dimenticare, inoltre, che i cambiamenti di tracciamento degli annunci apportati da Apple hanno messo a dura prova l’attività pubblicitaria. Alcuni di questi problemi coinvolgono anche altri colossi della Silicon Valley. Youtube (che fa capo a Google) ha registrato un pesante calo delle entrate pubblicitarie mentre Snap ha presentato dei risultati deludenti

Da sottolineare che Meta Platforms ha lanciato un programma di investimenti molto ambizioso e costoso, lontano dai suoi prodotti di punta (Facebook e Instagram), scommettendo sul metaverso, dove gli utenti hanno la possibilità di vivere, giocare e lavorare in un’esperienza online a 360 gradi. Reality Labs, l’unità di Meta Platforms che investe nella realtà virtuale, sta guidando gli investimenti e gli sforzi del gruppo per sviluppare il metaverso. L’unità ha registrato un fatturato pari a 285 milioni di dollari nel terzo trimestre, registrando un calo del 49% rispetto allo scorso anno. Il risultato è stato determinato dalle minori vendite dei visori per la realtà virtuale. L’unità ha registrato una perdita operativa di 3,7 miliardi di dollari: la società prevede che la cifra aumenterà in modo significativo il prossimo anno.

AUTORE

Picture of Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo

Pierpaolo Molinengo, giornalista, ha una laurea in materie letterarie ed ha iniziato ad occuparsi di economia fin dal 2002, concentrandosi dapprima sul mercato immobiliare, sul fisco e i mutui, per poi allargare i suoi interessi ai mercati emergenti ed ai rapporti Usa-Russia. Scrive di attualità, tasse, diritto, economia e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *