Piazza Affari sotto la parità, borse Ue deboli. Tonfo di Saipem
Cerca
Close this search box.

PIAZZA AFFARI DEBOLE, BORSE UE PRUDENTI. TONFO DI SAIPEM

piazza affari

Massima cautela a Piazza Affari e sui mercati dopo il primo caso di coronavirus negli States che ha preoccupato Wall Street. Rimbalza Atlantia. Di Maio lascia la leadership del M5S: risale lo spread

 

Avvio di seduta in frazionale rialzo per Piazza Affari, sopra la parità come il resto del vecchio continente con Francoforte a fare da traino, unica piazza nella prima mezz’ora a guadagnare oltre il mezzo punto percentuale e ad aggiornare i massimi dell’anno. Milano poi gira negativa dopo meno di un’ora dall’inizio delle contrattazioni, assieme all’indice spagnolo. I mercati europei scambiano con prudenza, i mercati stanno valutando l’impatto del virus che si sta diffondendo in Cina e nel resto dei paesi asiatici con il primo caso anche negli Stati Uniti: a Ginevra l’Oms deciderà se classificare il “coronavirus” un’emergenza sanitaria internazionale.


Grafico Nuovi Ordinativi Industriali a novembre su base mensile in Italia by TradingEconomics

In Italia preoccupanti i dati sull’industria: su base mensile i nuovi ordinativi industriali a novembre sono peggiori delle attese: contrazione dello 0,3% a fronte dello 0% atteso e dello 0,6% di ottobre. Il valore crolla su base annuale: il -4,3% di novembre peggiora il -1,5% di ottobre ed è più basso del -2,4% stimato dagli analisti. Meglio le vendite industriali: 0% a novembre, migliore del -0,8% del consensus (ma peggio del +0,6% del mese precedente). Esce dal territorio negativo il dato su base annuale, in crescita dello 0,1% (attese: -0,4%, ottobre: -0,2%).

Il focus principale resta però quello politico, con le dimissioni di Luigi Di Maio come leader del M5S, per il momento sostituito da Vito Crimi. La decisione appare irreversibile, Giuseppe Conte nega ogni ripercussione sul governo ma lo spread aggiorna i massimi dal 26 dicembre a 169 punti base nella settimana chiave che porta alle elezioni regionali in Emilia e Calabria.

 

TITOLI MIGLIORI

Atlantia +2,2%
Tentativo di rimbalzo dopo il -1,9% della vigilia. Sulle concessioni autostradali ha parlato ieri il premier Giuseppe Conte: “Atlantia? E’ una società quotata in Borsa, non possiamo fare illazioni prima che si chiuda un procedimento costruito su un lavoro tecnico-giuridico solido, sarei irresponsabile ad anticipare. Quando avremo completato questo binario tecnico giuridico, voglio che tutti i ministri condividano la grande responsabilita”. Ha aggiunto il presidente del Consiglio: “‘E’ anche un fatto notorio che sono emerse gravi inadempienze nella manutenzione. Questi sono fatti’ ma ‘la decisione finale e’ ancora di la’ da venire”. Il titolo è in congestione di barre dal 15 gennaio scorso, seduta chiusa con una perdita del 2,62%.


Grafico Atlantia by TradingView

 

Ferrari +1,2%
Resta incollata ai massimi storici, 158,25, il titolo del Cavallino Rampante, innescando un nuovo impulso rialzista dopo il tonfo di ieri (-1,3%). Il titolo è in lateralità dal 10 gennaio scorso con supporti a 153.

 

TITOLI PEGGIORI

Saipem -3,09%
Pesante tonfo del titolo petrolifero, ai minimi dell’ultimo mese a 4,27 dopo otto sedute in congestione di barre a partire dal 10 gennaio. Pesano i ribassi del petrolio, scivolato sotto i 58 dollari al barile. L’andamento è incerto sia nel breve che nel lungo periodo. In buona sostanza si tratta di un titolo in lateralità dalla seconda metà del 2019, con resistenze a 4,7 e supporti a 3,95.

Bpm -1,5%
Come da attese c’è la novità Massimo Tononi per la presidenza del nuovo cda di Banco Bpm. Confermato invece l’ad Giuseppe Castagna. Congestione di barre anche per il titolo bancario dal 9 gennaio scorso. Resistenze a 2,09, supporti a 1,99.

 

ANALISI FTSE MIB

Con Madrid è la prima piazza che gira negativa dopo un avvio in frazionale rialzo. Dopo un’ora di contrattazioni Milano è a 23.750, indietro dello 0,4%. I 24.000 punti rimangono un duro test per Piazza Affari, che va comunque a generare un impulso rialzista dopo la seduta negativa della vigilia. A 23.500 i primi supporti. Positivi a Piazza Affari  i settori automotive, costruzioni e tecnologia. I maggiori ribassi nei comparti bancario e materie prime.


Grafico Ftse Mib by TradingView

 

SPREAD

Risale lo spread, avvicinandosi ai 170 punti e aggiornando i massimi dal 27 dicembre scorso prima di riposizionarsi in area 165 punti base. Soffre di conseguenza il comparto bancario ma è il fronte politico ad avere i riflettori addosso. Si attende l’ufficialità di Luigi Di Maio che lascia la leadership del M5S, partito di maggioranza con il Pd e al governo. Un governo che però rischia nella settimana delle elezioni regionali in Emilia e Calabria. Vito Crimi sarà il reggente ma ora è lotta per la successione, con Patuanelli in pole position. Luigi Di Maio dovrebbe presentarsi ai prossimi Stati Generali di marzo con una sua squadra ma sempre all’interno del partito, dove sarebbe gelo con Beppe Grillo. 


Grafico Spread by TradingView

AUTORE

Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *