Siria, Erdogan è pronto all'attacco. Si indebolisce la lira turca
Cerca
Close this search box.

Siria: Erdogan pronto ad attaccare, giù la Lira turca

Siria: Erdogan pronto ad attaccare, giù la Lira turca

Via libera di Ankara all’operazione militare nel nord-est della Siria. Lira turca debole

Sale la tensione nel nord-est della Siria, con l’operazione militare turca che potrebbe iniziare in qualsiasi momento. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in una conferenza stampa prima di partire per la Serbia, facendo riferimento alle milizie curde dell’Ypg. “C’è una frase che abbiamo sempre utilizzato: possiamo arrivare una notte all’improvviso – ha detto Erdogan -. È assolutamente impossibile per noi tollerare ulteriormente le minacce di questi gruppi terroristici”.

La telefonata Trump-Erdogan

Nel frattempo anche la Casa Bianca ieri ha reso noto che le truppe americane in Siria si allontaneranno dal confine turco perché Ankara “attuerà presto un’operazione militare pianificata da tempo” che porterà all’invasione del nord del Paese. La Casa Bianca ha citato un colloquio telefonico tra il presidente americano, Donald Trump, e il suo omologo turco, Recep Tayyip Erdogan. “È il momento per noi di sfilarci da ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali.

 

Trump: “Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i Curdi se la dovranno cavare da soli”

È il momento di riportare i nostri soldati a casa”, ha scritto questa mattina su Twitter il presidente Usa. “Combatteremo solo dove avremo benefici, e combatteremo solo per vincere. Turchia, Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i curdi dovranno risolvere la situazione e capire cosa voglio fare con i soldati dell’Isis catturati. Siamo stati lì per oltre tre anni, quando inizialmente saremmo dovuti restarci trenta giorni”, spiega Trump.

 

 

“Noi – prosegue – andiamo dove c’è bisogno e per vincere, ma siamo lontani 7000 miglia da loro, se l’Isis ci minacciasse ancora, se si avvicinasse, torneremo a combatterlo. Per ora Turchia, Europa, Siria, Iran, Iraq, Russia e i Curdi se la dovranno cavare da soli”. Le forze curdo-siriane hanno affermato di voler “difendere a ogni costo” il nord-est della Siria, in particolare la zona al confine con la Turchia, dichiarandosi “pronti alla guerra totale”, come ha sottolineato il portavoce delle forze curdo-siriane, Mustafa Bali, citato dai media locali e regionali.

La reazione della lira turca

Immediata la reazione di indebolimento della lira turca (TRY): venerdì il cambio dollaro americano/lira turca aveva chiuso poco sotto i 5,70 e oggi è balzata a 5,74 (+0,80) con uno slancio intorno alle ore 9 di questa mattina. L’indebolimento della moneta turca potrebbe sostenere il cambio fino ai massimi di metà settembre a 5,80.


Grafico Dollaro / Lira Turca by TradingView

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *