PIL: Archivio notizie - Borsa e Finanza

PIL

A quanto ammonta il PIL italiano? Di quanto cresce di anno in anno? E come viene calcolato, esattamente? Gli articoli in questa sezione di Borsa&Finanza rispondono a queste ed altre domande con news e approfondimenti dei nostri redattori.

In parole semplici, il Prodotto Interno Lordo di un Paese è la misura del valore di tutte le merci e i servizi prodotti in un certo arco temporale (in genere un anno solare o sul trimestre). Per queste ragioni viene considerato uno dei principali indicatori del benessere di un Paese, in particolare in relazione al suo livello di sviluppo o progresso. “Interno” vuol dire che il PIL tiene conto solo dei nuovi beni e servizi finali prodotti all’interno dei confini del Paese di riferimento, a prescindere dalla nazionalità dell’agente che li ha generati. In altre parole, sono esclusi dal suo calcolo beni e servizi prodotti dai lavoratori e dalle aziende nazionali all’estero, mentre vi rientrano quelli prodotti da lavoratori e aziende che operano all’interno dei confini nazionali. Il PIL non va confuso con il tasso di inflazione, che misura invece la variazione dei prezzi dei beni di consumo presenti sul mercato interno, indipendentemente dalla loro origine (locale o da importazione).

Le componenti del PIL sono quindi:

  • spese dei consumatori
  • spese e investimenti delle imprese
  • spesa delle pubbliche amministrazioni
  • saldo netto della Bilancia Commerciale (la differenza di valore tra esportazioni e importazioni di merci)

 

“Lordo” significa che l’indicatore viene espresso al lordo di ammortamenti di varia natura. Sottraendo questi ultimi si otterrebbe un altro indicatore, il PIN (Prodotto Interno Netto). Un’ulteriore distinzione può essere fatta tra il PIL nominale (espresso in moneta attuale) e quello reale (al netto delle variazioni dei prezzi di beni e prodotti), che può essere confrontato tra anni diversi.

Grazie al Prodotto Interno Lordo possono essere ricavati altri importanti valori:

  • il Deflatore del PIL è una percentuale ottenuta dividendo il PIL nominale per quello reale. Consente di esprimere la crescita del PIL al netto dell’inflazione
  • il reddito pro-capite si ottiene dividendo il PIL reale per la popolazione
  • il rapporto deficit / PIL, che esprime l’ammontare del deficit delle amministrazioni pubbliche
Eurozona: per il Pil il 2021 è fatto solo di stime al rialzo
Macro e Tassi

Eurozona: per il Pil il 2021 è fatto solo di stime al rialzo

Nei giorni scorsi la Spagna ha alzato le previsioni di crescita del Pil 2021-2022-2023, confermando nel concreto come le prospettive economiche dell’Eurozona siano più che rosse. Soprattutto danno seguito alla

forchielli
News

CORONAVIRUS, FORCHIELLI: DUE MESI DI FRENO PER L’ITALIA

Dobbiamo stringere i denti ancora per due mesi, questo l’appello di Alberto Forchielli agli italiani. Servono misure a sostegno dell’economia, anche perché le Banche centrali possono sostenere i mercati ma

Mercati: la giornata in 5 punti - 9 marzo 2020
Asset Class

Mercati: la giornata in 5 punti – 9 marzo 2020

Mercati aperti ma sotto scacco dell’emergenza coronavirus. Giovedì si esprimerà la BCE, mentre in Italia aumentano i timori per l’economia, immobilizzata da un decreto d’urto   “Blindata” la Lombardia e