Trade War: ultime news sulle guerre commerciali - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Trade War

La “trade war” è una guerra commerciale e viene combattuta tra due nazioni o aree geografiche mediante dazi, tariffe, obblighi doganali, divieti alle importazioni/esportazioni. Le barriere commerciali che vengono innalzate durante una trade war non colpiscono solo le due parti in causa ma si riflettono sulle altre nazioni in virtù dell’interconnessione esistente tra tutte le economie del globo. L’esempio più vicino termporalmente è quello del conflitto tra Russia e Ucraina che coinvolge, in modo più o meno attivo, anche Cina, Stati Uniti, Europa e Gran Bretagna per citare gli attori più importanti economicamente. Oltre al conflitto vero e proprio, combattuto con l’uso della armi, la Russia ha chiuso le esportazioni di gas verso l’Europa e l’Europa ha imposto sanzioni sulla Russia, così come hanno fatto gli Usa. Da qualche anno è in corso inoltre una guerra commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina che ha per oggetto in particolar modo le tecnologie.

Le conseguenze delle guerre commerciali sono visibili in primo luogo nell’aumento dei prezzi (inflazione) e nel blocco o nel rallentamento di alcune forniture di materiali e manufatti che possono mettere a rischio le catene produttive di determinati beni. Per ovviare a questi problemi il paese che applica dei blocchi o delle sanzioni deve trovare dei fornitori alternativi o produrre internamente le risorse che prima venivano importante dal paese estero su cui si è imposto il blocco. In entrambi i casi, tuttavia, si incorrerà in un aumento dei prezzi di produzione. Un altro esempio storico di sanzioni e trade war risale al novembre 1935 quando la Società delle Nazioni deliberò contro l’Italia per l’aggressione all’Etiopia. Il regime fascista, convinto della propria politica di colonizzazione, reagì adottando l’autarchia, ossia la produzione locale di merci e materiali. Sono rimasti proverbiali l’orbace che sostituì le importazioni di lana e la cicoria che sostituì il caffè.

country risk conference
News

TRADE WAR, I MERCATI NON DIMENTICANO

La trade war lascerà strascichi anche nel 2020, condizionando gli scambi internazionali. Migliora la situazione dei Paesi emergenti, ma aumenta il debito pubblico Se la parola d’ordine nel 2019 è

M&A, sorpresa nel 2019: l'attività resiste a un anno cauto
Asset Class

M&A, sorpresa nel 2019: l’attività resiste a un anno cauto

Per l’M&A il 2019 si è rivelato sorprendentemente resiliente nonostante la volatilità dell’attività economica, che ha portato molte aziende ad adottare una posizione recessiva. Questo è quanto emerge dai dati

forchielli
News

FORCHIELLI: CORONAVIRUS È UN PULCINO NERO

Il virus potrebbe avere alla lunga impatti ben più seri, ma per ora l’emergenza è sotto controllo. Accordo di fase 1 Stati Uniti-Cina? Un tarocco, non serve a nulla I

usa e cina
Asset Class

STATI UNITI E CINA, STORIE DI “GUERRA E PACE”

Il commento settimanale di Giordano Beani, Head of Multi-Asset Fund Solutions Italy di Amundi SGR dedicato alla guerra commerciale tra Usa e Cina   Il 15 gennaio 2020 sarà ricordato come il

mercati
News

LA GIORNATA SUI MERCATI IN 5 PUNTI -17 GENNAIO 2020

Trade war e fase 2: gli investitori temono già incertezze e volatilità sui mercati. Occhio a Carige dopo l’azione legale dei Malacalza e al titolo Atlantia. In agenda l’inflazione italiana

trump
Asset Class

USA-CINA: SIAMO ARRIVATI DAVVERO A UN DUNQUE?

Il giorno dopo la firma tra Usa e Cina: quali gli scenari possibili e a cosa devono guardare gli investitori. L’analisi di Fidelity International   Sono tante le riflessioni che

PIAZZA AFFARI
Azioni

Piazza Affari ottimista guida l’Europa

Piazza Affari si mostra la più tonica in Europa dove regna la cautela. I mercati guardano agli effetti della firma della fase 1 della trade war. Bene il comparto bancario,