TIM apre una nuova rotta digitale, cosa fare con le azioni? - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

TIM apre una nuova rotta digitale, cosa fare con le azioni?

Nell'immagine, dei cavi per telecomunicazioni

Sparkle, uno dei principali operatori di servizi internazionali in Italia e nel mondo, di proprietà di TIM, ha annunciato l’approdo del cavo sottomarino BlueMed a Chania, in Grecia, durante una conferenza stampa tenutasi presso la residenza dell’Ambasciatore d’Italia ad Atene. Il cavo BlueMed collega l’Italia alla Francia, alla Grecia e ad altri Paesi del Mediterraneo e fa parte di una rete più ampia costruita in collaborazione con Google e altri operatori che si estende fino a Mumbai, in India.

BlueMed offre una capacità iniziale di oltre 25 terabit al secondo per coppia, permettendo connessioni Internet ad alta velocità e soluzioni di alto livello per Internet Service Provider, carrier, operatori di telecomunicazioni, fornitori di contenuti, imprese e istituzioni. La posa del cavo è iniziata nel 2023 partendo dalla sezione tirrenica da Genova a Palermo, e con diramazioni verso varie destinazioni come Marsiglia, Bastia, Golfo Aranci, Pomezia e altre. Dopo aver attraversato lo Stretto di Messina, BlueMed raggiunge l’isola di Creta, da cui si estenderà ulteriormente nel Mediterraneo fino ad Aqaba, in Giordania. Le sezioni terrestri del cavo sono già attive e si prevede che l’intero percorso da Genova ad Aqaba sarà operativo entro quest’anno.

A Creta, BlueMed si collega al Data Center di Sparkle a Chania, che è interconnesso con le reti terrestri dell’isola e con la rete MedNautilus di Sparkle, che comprende collegamenti con la Grecia continentale, la Turchia e l’Italia. Sparkle sta sviluppando ulteriormente l’hub per accogliere progetti futuri come GreenMed, che collegherà l’Italia a diversi Paesi del Mediterraneo centrale e orientale attraverso il Mare Adriatico.

 

Azioni TIM: quotazioni alle prese con la resistenza sul livello 0,2500

Le azioni TIM sembrano essere impostate al rialzo nel breve termine, nonostante la performance negativa registrata nella seduta di ieri. Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno intrapreso fin da subito un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 0,2427.

Dopo il minimo toccato lo scorso 11 marzo sul livello 0,2298, l’azione ha invertito la propria rotta con un perdurante movimento rialzista posizionandosi al di sopra di una ben chiara trendline ascendente, neppure troppo inclinata, e per questo decisamente più credibile. Il tutto fino alla metà di maggio quando i corsi hanno trovato un ostacolo al rimbalzo con l’incontro della resistenza presente a quota 0,2500.

Da quel momento, infatti, Telecom Italia si sta muovendo all’interno di uno stretto trading range senza direzionalità, alternando giornate positive e negative con una indecifrabile volatilità nell’intraday. Per l’immediato futuro, comunque, complice anche il dipanarsi delle complicate vicende societarie che hanno accompagnato il titolo nell’ultimo anno e mezzo, è probabile attendersi la prosecuzione del trend rialzista in corso, che verrà confermato definitivamente dal breakout della già citata resistenza.

Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile al superamento del livello 0,2483 con target nell’intorno degli 0,2569 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 0,2427 con obiettivo molto vicino al livello 0,2335. L’impostazione algoritmica, infatti, vede i prezzi stazionare al di sopra dell’indicatore Supertrend mentre sia l’indicatore Parabolic Sar che la media mobile a 25 sono diventati rialzisti a fine maggio. Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’oscillatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 53.


L’andamento di breve termine del titolo TELECOM ITALIA

AUTORE

Picture of Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *