Università di Padova: quanto costa la retta e come entrare - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Università di Padova: quanto costa la retta e come entrare

Palazzo del Bo, sede storica dell'Università di Padova

Nell’edizione 2023/2024 della classifica delle migliori università italiane stilata dal Censis, l’Università di Padova si piazza al secondo posto tra i mega atenei statali (quelli con oltre 40.000 iscritti) con 87,5 punti, dietro soltanto all’Alma Mater Studiorum di Bologna. Fondata nel 1222 e tra le più antiche al mondo, l’UniPd strappa punteggi sopra il 90 per l’occupabilità, le borse di studio, la comunicazione e i servizi digitali. Ma quali sono i corsi di laurea offerti dall’ateneo veneto, come funziona l’accesso e quanto costa la retta?

 

Le modalità di selezione all’Università di Padova

La maggior parte dei corsi di laurea triennali dell’Università di Padova richiedono il superamento di un test TOLC come requisito di ammissione. La prova serve all’ateneo per valutare le conoscenze minime richieste per l’accesso allo specifico corso. Il TOLC è un esame individuale che si sostiene al computer, sia online da remoto che in presenza in un’aula fisica dell’università. Ciascun TOLC è diverso dall’altro, ma tutti attingono allo stesso database di domande. Alcuni corsi come quello in Medicina prevedono una prova nazionale in data unica oppure un test distinto dell’UniPd come per il corso in Scienze motorie.

Ogni corso di laurea prevede una diversa tipologia di TOLC e sostenere soltanto il test spesso non è sufficiente per l’accesso: è fondamentale leggere gli avvisi di ammissione dove sono indicati il numero di posti disponibili, le modalità e le scadenze di presentazione delle domande di preimmatricolazione e immatricolazione, le date e gli argomenti delle prove. I corsi hanno modalità e scadenze differenti per tutte le fasi obbligatorie previste. Naturalmente per tutti i corsi è necessario essere in possesso del titolo di accesso: l’esame di maturità.

Il TOLC è composto di solito da 30/40 quesiti caratteristici del corso (ad esempio logica, comprensione verbale e matematica per economia) e da 30 domande di inglese da svolgere in un totale di 105 minuti. I TOLC principali sono nove negli ambiti agrario-veterinario (AV), economico (E), chimico-farmaceutico (F), tecnico-scientifico (I), medico e chirurgico, odontoiatrico e di protesi dentaria (MED), psicologico (PSI), umanistico (SU) e veterinario (VET). Per sostenere il test è necessario registrarsi su CISIA, la piattaforma del consorzio interuniversitario di cui fanno parte gli atenei statali e che realizza i test di accesso e di verifica delle conoscenze in ingresso ai corsi. L’iscrizione prevede il versamento di un contributo di 30 euro.

Bisogna ricordare che chi non supera il TOLC ha comunque la possibilità di immatricolarsi al corso di studio scelto ma con gli OFA, gli obblighi formativi aggiuntivi: una serie di attività di recupero destinate a coloro che non hanno raggiunto il punteggio minimo stabilito. In ogni caso la partecipazione al test è obbligatoria per poter sostenere gli esami del corso di studio.

Soltanto i corsi di laurea magistrale prevedono un iter diverso: dopo la preimmatricolazione su Uniweb, il sistema digitale dell’Università di Padova, i candidati accedono ad un secondo portale che richiede la valutazione dei requisiti curriculari. Per i corsi con un numero limitato di posti, una commissione di selezione forma delle graduatorie di merito e, per accedere al corso, bisogna risultare ammessi. Per i corsi ad accesso libero, invece, non è prevista una graduatoria: l’immatricolazione avviene se la valutazione dei requisiti è stata positiva.

 

Il periodo dei test e i tempi per prepararlo

Le istruzioni, le informazioni sui test di ingresso e soprattutto le scadenze da rispettare vengono riportate negli avvisi di ammissione, i documenti ufficiali a cui fare riferimento per l’iscrizione a un corso di laurea dell’UniPd. Di norma le lezioni all’Università di Padova cominciano ufficialmente tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, per cui è consigliabile sostenere il TOLC il prima possibile. Solitamente sono previste tre selezioni, ciascuna con scadenze e modalità di partecipazione differenti. Per esempio, il TOLC per la prima selezione per un corso che comincia a settembre andrà sostenuto nel periodo da luglio dell’anno precedente ad aprile di quello in corso.

Chi ha già le idee chiare e sa a quale corso di laurea vuole iscriversi, può preimmatricolarsi e partecipare alle selezioni anche in quinta superiore senza essersi ancora diplomato. In fase di iscrizione al TOLC, serve scegliere l’istituto, il tipo di titolo e spuntare la casella non ancora conseguito. In un secondo momento, per completare l’immatricolazione, è necessario aggiornare la data di conseguimento e il voto.

 

I corsi di laurea presenti

L’UniPd offre centinaia di corsi di laurea triennale, magistrale a ciclo unico e magistrale in svariate aree: da beni culturali, economia ed educazione e formazione a medicina, scienze politiche e relazioni internazionali, statistica e studi umanistici e linguistici. Tra gli ultimi corsi attivati spiccano Amministrazione, finanza e consulenza aziendale, Applied Economics, Computational Finance, Data Science, Materials Science e Management for Sustainable Firms. Le attività didattiche dell’ateneo sono articolate in 32 dipartimenti:

 

  • Agronomia, animali, alimenti, risorse naturali e ambiente – DAFNAE;
  • Beni culturali: archeologia, storia dell’arte, del cinema e della musica – DBC;
  • Biologia – DiBio;
  • Biomedicina comparata e alimentazione – BCA;
  • Diritto privato e critica del diritto – DPCD;
  • Diritto pubblico, internazionale e comunitario – DiPIC;
  • Filosofia, sociologia, pedagogia e psicologia applicata – FISPPA;
  • Fisica e astronomia “Galileo Galilei” – DFA;
  • Geoscienze;
  • Ingegneria civile, edile e ambientale – ICEA;
  • Ingegneria dell’informazione – DEI;
  • Ingegneria industriale – DII;
  • Matematica “Tullio Levi-Civita” – DM;
  • Medicina – DIMED;
  • Medicina animale, produzioni e salute – MAPS;
  • Medicina molecolare – DMM;
  • Neuroscienze – DNS;
  • Psicologia dello sviluppo e della socializzazione – DPSS;
  • Psicologia generale – DPG;
  • Salute della donna e del bambino – SDB;
  • Scienze biomediche – DSB;
  • Scienze cardio–toraco–vascolari e sanità pubblica;
  • Scienze chimiche – DiSC;
  • Scienze chirurgiche oncologiche e gastroenterologiche – DISCOG;
  • Scienze del farmaco – DSF;
  • Scienze economiche e aziendali “Marco Fanno” – DSEA;
  • Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali – SPGI;
  • Scienze statistiche;
  • Scienze storiche, geografiche e dell’antichità – DISSGeA;
  • Studi linguistici e letterari – DISLL;
  • Tecnica e gestione dei sistemi industriali – DTG;
  • Territorio e sistemi agro-forestali – TESAF.

 

Le funzioni di coordinamento, razionalizzazione e gestione dei servizi sono affidate alle otto scuole di Agraria e Medicina veterinaria, Economia e Scienze politiche, Giurisprudenza, Ingegneria, Medicina e chirurgia, Psicologia, Scienze e Scienze Umane, sociali e del patrimonio culturale. Completano l’offerta dell’ateneo gli insegnamenti in lingua straniera e i corsi di laurea in lingua inglese, i dottorati di ricerca, le scuole di specializzazione, i Master di I e II livello e i corsi di alta formazione.

 

Il costo annuo della retta

Quella di Padova è un’università statale: iscriversi ai corsi di studio costa da 0 a 3.000 euro l’anno. Una volta ottenuta l’ammissione per chi si iscrive al primo anno, l’immatricolazione avviene online sul portale Uniweb pagando la prima rata di 200 euro, di cui 184 euro di tassa regionale per il diritto allo studio universitario e 16 euro di imposta di bollo. L’importo di seconda e terza rata varia in base alle condizioni personali ed economiche (stabilite dal valore ISEE) e al corso di laurea di iscrizione.

La prima rata, uguale per tutti, va pagata all’atto dell’immatricolazione; seconda e terza rata hanno scadenze di solito a febbraio e maggio. Naturalmente l’UniPd prevede agevolazioni e borse di studio, esoneri ed incentivi per reddito e per merito. Mille e una lode concede 1.000 euro in servizi (studi all’estero, stage e tirocini, attività di tutorato); la doppia carriera studente-atleta è incentivata con un contributo annuale e l’assegnazione di un tutor; un bando include la possibilità di svolgere collaborazioni a tempo parziale con l’università per una durata massima di 200 ore.

 

Gli altri costi da sostenere

Palazzo del Bo è la sede storica dell’Università di Padova, ma ci sono anche sedi diverse in città e sedi decentrate a Legnaro, Rovigo, Vicenza, Treviso, Conegliano, Feltre, Venezia, Chioggia, Bolzano, Mestre, Monselice, Montecchio Precalcino, Portogruaro e Santorso. Si stima che vivere a Padova costa in media tra i 300 e i 700 euro al mese, con spese per l’alloggio che variano a seconda della zona dove si decide di andare ad abitare. Ai costi di pasti e casa vanno aggiunti quelli per il materiale didattico, i trasporti e la vita sociale.

Le studentesse e gli studenti dell’UniPd hanno la possibilità di trovare alloggio in molti tipi di residenze, collegi e appartamenti convenzionati con l’ateneo. Ogni anno è indetto un concorso (sempre per merito e per reddito) per l’assegnazione degli alloggi dell’ESU, l’azienda regionale per il diritto allo studio. Infine, c’è un bando che sostiene proprio il canone di locazione per i fuorisede parte di un nucleo familiare con ISEE non superiore a 20.000 euro e che non usufruiscono di altri contributi pubblici per l’alloggio.

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *