USDD: è arrivata la nuova stablecoin che farà dimenticare TerraUSD? - Borsa e Finanza

USDD: è arrivata la nuova stablecoin che farà dimenticare TerraUSD?

USDD: è arrivata la nuova stablecoin che farà dimenticare TerraUSD?

Una nuova stablecoin algoritmica sta attirando l’attenzione degli investitori nel mercato delle criptovalute: USDD. Dal suo lancio avvenuto all’inizio del mese di maggio, la valuta digitale ha accumulato oltre 600 milioni di dollari ed è in rapida crescita. Secondo qualcuno potrebbe far dimenticare la tragedia finanziaria di TerraUSD, che si è ridotta a valere pochi centesimi dopo aver perso l’ancoraggio con il dollaro USA.

Le similitudini con la stablecoin legata al token LUNA sono molte. Anche USDD è una algoritmica, il che significa che la difesa del peg non deriva dalla detenzione di contanti o titoli di Stato come avviene per le principali stablecoin come Tether o USD Coin, bensì da un processo matematico che mira a bruciare token in cambio di un’altra criptovaluta chiamata Tron.

Il fondatore della moneta Justin Sun si è impegnato a costruire grandi riserve per difendere il floor, esattamente come aveva fatto Terra creando una quantità notevole di Bitcoin da utilizzare in caso di emergenza. E come Terra, USDD promette un tasso di interesse free risk alto, ossia del 30% (mentre quello di Terra era del 19%).

 

USDD: perché non farà la stessa fine di TerraUSD

Funzionerà l’esperimento USDD? Gli investitori sono ancora scottati per quello che è capitato il mese scorso, quando il crollo di TerraUSD ha generato un autentico terremoto nel mercato crittografico. La stablecoin era cresciuta molto fino al crash, con i trader che avevano ottenuto ottime performance quando il prezzo scendeva sotto al peg di 1 dollaro e si avvicendavano token di UST con quelli di LUNA. Il giocattolo però si è rotto allorché si è creata una tale ondata di vendite che non vi è stato possibile porre riparo. Anche il tentativo del fondatore di Terraform Labs, Do Kwan, di ricorrere alle riserve di Bitcoin per difendere l’ancoraggio è risultato vano. Così TerraUSD è precitata e LUNA si è dissolta.

Justin Sun assicura che la stessa cosa non succederà con USDD, perché nel frattempo si è imparata la lezione del fallimento di UST e LUNA. A suo avviso TerraUSD era cresciuta troppo velocemente, disponendo di scarsa liquidità e riserve troppo esigue per sostenere il peg. Egli afferma che il suo progetto garantirà una circolazione di monete che non cresca così rapidamente proprio per evitare di finire nella spirale di morte di TerraUSD e LUNA. A questo proposito, Sun spegne le polemiche sulle stablecoin algoritmiche, asserendo che sono necessarie affinché si realizzi una vera decentralizzazione delle criptovalute.

 

AUTORE

ARTICOLI CORRELATI

NAVIGAZIONE ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

VIDEO

Nell’ultima puntata della settimana per Investv, format realizzato da Vontobel Certificati che vede sfidarsi ogni giorno due squadre di trader capitanate da Riccardo Designori e