Vontobel: è tempo di maxi-cedola per i certificati - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Vontobel: è tempo di maxi-cedola per i certificati

La sede di Vontobel a Zurigo

Le prossime scadenze fiscali, con la dichiarazione dei redditi che va consegnata entro il 30 settembre 2024, impongono di riflettere anche sul proprio zainetto fiscale finziario. Al suo interno ci potrebbero essere delle minusvalenze in scadenza a fine anno, da compensare con eventuali plusvalenze ma che, in mancanza di queste ultime, andrebbero perse. È per questo che Vontobel propone una serie di 6 nuovi Memory Cash Collect Maxi Cedola, certificati studiati appositamente per dare la possibilità di ottenere una plusvalenza da compensare con l’eventuale minusvalenza, ottenendo praticamente un guadagno esentasse.

 

Le regole dello zainetto fiscale

Lo “zainetto fiscale” per le plusvalenze e minusvalenze finanziarie consente ai contribuenti di compensare le plusvalenze realizzate con le minusvalenze registrate su investimenti finanziari, offrendo la possibilità di ridurre l’imposta sulle plusvalenze utilizzando le perdite subite in altre operazioni finanziarie.

Le minusvalenze realizzate rimangono nello zainetto fiscale e possono essere utilizzate negli anni successivi a quello in cui sono realizzate fino al quarto anno. Le minusvalenze possono quindi scadere, facendo perdere un’opportunità di ottimizzazione fiscale all’investitore.
I certificati sono particolarmente adatti per effettuare questa compensazione in quanto tutti i redditi che generano sono considerati redditi diversi, sia le cedole che i guadagni derivanti dal trading. Per questa ragione i certificati con la maxi-cedola, permettendo di incassare una cedola di grandi dimensioni possono permettere di compensare eventuali minusvalenze in scadenza.

“Questa tipologia di certificati consente agli investitori di poter controllare al meglio la gestione fiscale di eventuali minusvalenze. Per questo motivo, riteniamo possa essere particolarmente interessante con l’avvicinarsi delle varie scadenze fiscali. Inoltre, essendo strumenti a capitale condizionatamente protetto e con cedole elevate successive al premio iniziale, risultano molto appetibili per chi vuole mantenere un posizionamento prudente senza rinunciare a ottenere rendimenti interessanti” ha commentato Jacopo Fiaschini, responsabile Flow Products Distribution Italia di Vontobel.

 

Le caratteristiche della nuova emissione di Vontobel

La nuova emissione di Vontobel è composta da 6 certificati quotati sul SeDeX di Borsa Italiana. Hanno una durata complessiva di 4 anni (scadenza finale al 17 aprile 2028) ma a partire da aprile 2025 offriranno la possibilità di essere rimborsati anticipatamente, se tutte le azioni che compongono il paniere sottostante quotano a un valore superiore o pari a quello iniziale.

In caso di scadenza anticipata viene rimborsato il valore nominale pari a 100 euro, il premio relativo al periodo e i premi eventualmente non pagati in occasioni precedenti grazie all’effetto memoria.

Per quanto concerne i coupon, il primo, quello “maxi” verrà pagato appena dopo un mese dalla quotazione, a giugno 2024 e andrà dal 12% dell’ISIN DE000VD39AZ0 su Verbund, Veolia, RWE ed Engie al 32% dell’ISIN DE000VD39AY3 con sottostanti Reddit, Coinbase e Robinhood. Il pagamento del maxi-coupon è legato alla condizione che tutti i sottostanti componenti il paniere quotino a un valore superiore o pari al 90% di quello iniziale.

I Maxi-Cedola continueranno a pagare premi interessanti anche dopo aver elargito il coupon iniziale. Infatti, con cadenza bimestrale, è previsto il pagamento di premi del 6% a condizione che tutti i sottostanti si trovino, alle date di osservazione intermedia, al di sopra della barriera, posta al 60% del valore iniziale dei sottostanti.

Alla scadenza finale si possono verificare due situazioni:

 

  1. Se tutti i sottostanti quotano sopra o alla pari con la barriera, l’investitore riceve il valore nominale del certificato, il premio di periodo e gli eventuali premi non incassati in precedenza;
  2. Se una delle azioni sottostanti quota al di sotto della Barriera l’investitore riceve un importo commisurato con la performance negativa del sottostante peggiore.

 

 

AUTORE

Picture of Redazione

Redazione

Composta da professionisti dell’informazione finanziaria di lungo corso, la redazione di Borsa&Finanza segue in modo trasversale i contenuti offerti dal portale. Oltre a seguire le news e le novità più importanti del panorama finanziario italiano e internazionale, il team dedica ampio spazio a realizzare guide e approfondimenti educational utili a migliorare le conoscenze degli investitori sia sul fronte della finanza personale che su quello degli investimenti, spiegando strutture, funzionamento, pregi e difetti dei diversi strumenti finanziari presenti sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *