Webuild: azioni riprendono a salire in Borsa con contratto in Arabia
Cerca
Close this search box.

Webuild: azioni riprendono a salire in Borsa con contratto in Arabia

Webuild: azioni riprendono a salire in Borsa con contratto in Arabia

Nuovo contratto da 940 milioni di euro per Webuild in Arabia Saudita per la realizzazione a Riyad di un mega parcheggio multipiano da 10.500 posti, il Diriyah Square-Package 2 Super-Basement Works, sviluppato su tre livelli e tutto in sotterraneo, per un’area di intervento complessiva di circa 1 milione mq. Commissionati da Diriyah Gate Development Authority (Dgda), i lavori porteranno all’impiego di oltre 9.000 persone. Il parcheggio è parte del Diriyah Gate Development, l’ambizioso progetto di sviluppo urbano di Ad Diriyah, quartiere storico di Riyad e patrimonio Unesco, che punta a combinare opportunità di sviluppo socioeconomico con il rispetto dell’identità culturale del territorio. Il Diriyah Gate Development porterà alla nascita di un nuovo distretto lungo la Western Ring Road, nell’area nord-ovest di Riyad, su una superficie totale di 7 kmq.

Architettura e design del distretto saranno ispirati al tradizionale stile Najdi, prevedendo lo sviluppo di una vera e propria rete a misura d’uomo, con strade pedonali, piazze, cortili all’aperto, souk e bazar, per ricreare la sensazione autentica di un villaggio saudita. Il contratto aggiudicato al gruppo italiano, tramite la controllata Salini Saudi Arabia, sarà il cuore di questo intero progetto, prevedendo la realizzazione di opere civili e strutturali, tunnel e opere connesse, del vastissimo parcheggio di snodo del distretto. Il contratto rappresenta il 9% degli ordini di Webuild del 2021 (10,8 miliardi di euro inclusi 390 milioni di gare in cui il gruppo è stato identificato come miglior offerente).

Webuild è presente in Arabia Saudita dal 1966, anno di avvio di opere idrauliche nelle zone di Mecca e Jeddah. Successivamente, ha realizzato 50 strutture sanitarie, anche di rilevanti dimensioni, progetti di respiro internazionale realizzati a Riyad, come l’Al Faisaliah District Redevelopment Project e il Kingdom Centre, opera premiata con l’Emporis Skyscraper Award 2002 come miglior grattacielo al mondo per design, oltre che l’impianto di desalinizzazione Shuaibah III Expansion II IWP completato dalla controllata Fisia Italimpianti. Attualmente la società è impegnata nel regno saudita con la realizzazione della Linea 3 della Metropolitana di Riyad, la più lunga (42 km) del nuovo sistema della capitale saudita, il piano di housing e urbanizzazione SANG Villas sempre a Riyad, l’ampliamento della King Faisal Air Academy e la King Salman Air Base.

 

Azioni Webuild: da inizio febbraio massimi e minimi crescenti, segnale di forza rialzista

Il titolo Webuild sembra essere impostato al rialzo nel breve termine, nonostante la performance leggermente negativa registrata nella seduta di ieri (-0,22%). Dopo un’apertura in linea con la chiusura precedente, infatti, le quotazioni hanno dapprima intrapreso un andamento fortemente ribassista che le ha portate a realizzare un minimo sul livello 1,829, per poi invertire drasticamente la rotta fino a raggiungere un massimo a quota 1,864. Nel corso del pomeriggio, poi, complice la lateralità delle principali Borse azionarie, i corsi si sono mantenuti all’interno di uno stretto trading range andando a chiudere sul livello 1,846.

Sebbene l’impostazione grafica veda i prezzi stazionare ancora al di sotto sia dell’indicatore Supertrend che della media mobile a 25, l’indicatore Parabolic Sar è già diventato rialzisti da qualche giorno. Così come il trend che si sta delineando dall’inizio del mese grazie alla presenza di massimi e minimi crescenti (canale ascendente non particolarmente inclinato, quindi sostenibile) che hanno portato le quotazioni in prossimità della resistenza posta in area 1,870, rappresentata proprio dalla sopramenzionata media mobile. Qualora venisse superata ci sono buone probabilità che il rialzo possa estendersi per parecchie sedute ancora.

Anche l’indicatore Macd ha appena incrociato il proprio Signal. Inoltre, è da segnalare come l’indicatore RSI sia posizionato nell’area di “neutralità” vicino al livello 46. Dal punto di vista operativo, pertanto, l’ingresso in posizioni long è consigliabile solo al superamento del livello 1,864 con target nell’intorno di 1,930 euro, mentre le posizioni ribassiste potranno essere aperte solo alla violazione di quota 1,829 con obiettivo molto vicino al livello 1,779.

 


L’andamento di breve termine del titolo WEBUILD

AUTORE

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi

Alessandro Aldrovandi, trader specializzato nella negoziazione per conto proprio di futures, azioni ed ETF, italiani ed esteri, sia con strategie discrezionali che quantitative. È autore di alcune pubblicazioni sulle tecniche di trading, organizza periodicamente corsi di formazione ed è stato più volte relatore nei principali convegni dedicati alla finanza e agli investimenti sia in Italia che all’estero. Interviene spesso nelle trasmissioni televisive sul canale finanziario ClassCNBC e pubblica articoli per varie testate giornalistiche. Offre anche servizi di consulenza generica.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *