Le 5 maglie di calcio più costose vendute all'asta - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Le 5 maglie di calcio più costose vendute all’asta

La maglia di Diego Armando Maradona indossata nei quarti di finale del Mondiale 1986 in Messico

Dimenticate gli attuali kit ufficiali che nella Serie A oscillano tra gli 80 e i 150 euro: le maglie di calcio più costose sono quelle delle cosiddette sport memorabilia, i cimeli che collezionisti e investitori sono pronti a pagare con robuste carte di credito perché le emozioni che sa regalare il football non hanno prezzo. In Italia è Bolaffi la casa d’aste specializzata nel pallone e negli anni ha piazzato autentici colpi come la divisa del Brasile indossata da Pelè nell’amichevole del 1971 contro la Jugoslavia (volata a 30.000 euro), la maglia di Gigi Riva dello storico scudetto del 1970 (acquistata dal Cagliari per 16.250 euro) e quella della Juventus indossata da Luciano Spinosi nella finale di Coppa delle Fiere 1971, aggiudicata a 7.500 euro.

 

Le maglie di calcio più costose: la Top 5

Nell’asta Sport Memorabilia del 13 dicembre 2023, Bolaffi ha fatto segnare numeri di tutto rispetto come i 14.000 euro per la rarissima maglia del Napoli portata da Diego Armando Maradona nel 1984-1985, il suo primo anno in Italia, indossata nella partita di campionato contro la Cremonese finita 1-1 e scambiata a fine gara con l’attaccante brasiliano Juary; i 9.000 euro per un’altra maglia del Brasile indossata da Pelé nella stagione 1970-1971 con firma autografa dell’epoca; i 7.500 euro per la maglia della Juventus indossata da Michel Platini nella stagione 1983-1984, donata da Beniamino Vignola a Paolo Orlandoni e con parte dei proventi della vendita donati a sostegno delle persone con sindrome di Down tramite le associazioni CoorDown ODV e AGPD Onlus. Ma ci sono cinque maglie di calcio vendute all’incanto a cifre che fanno davvero impallidire.

 

Geoff Hurst e l’Inghilterra

È un pezzo eccezionale la maglia dell’Inghilterra indossata da Sir Geoff Hurst, entrato nella storia del calcio con la tripletta (incluso il famoso gol fantasma) messa a segno nella finale contro la Germania Ovest del Mondiale casalingo del 1966, l’unico vinto dai Tre Leoni. Da Christie’s nel maggio 2000 passa sotto il martelletto per 91.750 sterline: poche, se si pensa che tre gol in una finale mondiale nessuno, a parte la leggenda del West Ham, è riuscito a farli.

 

Pelè e il Brasile

Ancora lui, Edson Arantes do Nascimento, la Perla nera. Nel marzo 2002 finisce all’asta da Christie’s a Londra la maglia del Brasile indossata dall’attaccante nella finale del Mondiale 1970 in Messico, vinta dai verdeoro per 4-1 (con gol d’apertura proprio di O Rei) contro l’Italia, reduce dalla “partita del secolo”, il massacrante e glorioso 4-3 in semifinale alla Germania. Le palette si alzano fino a 157.750 sterline.

 

Leo Messi al Barcellona

672 gol e 266 assist in 778 presenze ufficiali, 4 Champions League, 10 Liga e 6 Palloni d’Oro. Sono i numeri favolosi di Lionel Messi con il Barcellona, un’avventura iniziata il 1° maggio 2005 (la data della prima rete al Camp Nou contro l’Albacete) e finita 21 anni dopo, con il passaggio al PSG. La camiseta del Barça con cui il fenomeno di Rosario ha segnato il suo gol numero 500 in blaugrana, al 92′ del Clásico del 2017 vinto 3-2 contro i Blancos al Bernabeu, è battuta all’asta da Sotheby’s nel maggio 2022 per 450.000 euro.

 

Messi campione del mondo con l’Argentina

Sempre da Sotheby’s nel dicembre 2023 sono messe in vendita sei maglie indossate dal fuoriclasse durante la Coppa del Mondo del 2022 in Qatar, vinta dall’Albiceleste in finale ai rigori per 4-2 contro la Francia. Tutte le maglie sono autenticate e tra questi sei cimeli c’è anche la shirt portata per il primo tempo della finale. L’unica mancante è quella di Argentina-Australia perché Cammy Devlin, il centrocampista dei Socceroos che l’ha scambiata con Messi al termine dei primi 45′ della partita, ha rifiutato di metterla a disposizione. Stimate oltre 10 milioni di dollari, sono acquistate in blocco da un collezionista rimasto anonimo per 7,8 milioni di dollari, pari a 7,1 milioni di euro.

 

Diego Armando Maradona, il Pibe de Oro

Al primo posto di questa speciale classifica non può che esserci lui, D10S, il più grande calciatore di tutti i tempi. La maglia più costosa di sempre è quella dell’Argentina indossata dal barrilete cósmico durante la partita dei quarti di finale del Mondiale 1986 in Messico contro l’Inghilterra, il match della mitica Mano de Dios e sopratutto del “gol del secolo”, l’inarrestabile serpentina con cui fece ammattire la difesa britannica e insaccò il portiere Shilton. Nel maggio 2022 da Sotheby’s è venduta per 7 milioni di sterline, pari a 8,6 milioni di euro. In molti lo notano subito, evitando di fare paragoni: una sola maglia mondiale del Pibe de Oro vale più delle sei della Pulce.

https://www.youtube.com/watch?v=S7if41rfOUw&ab_channel=Sotheby%27s

AUTORE

Picture of Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *