Amazon: per Mizuho è a un punto di svolta nell'intelligenza artificiale - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Amazon: per Mizuho è a un punto di svolta nell’intelligenza artificiale

Amazon: per Mizuho è a un punto di svolta nell'intelligenza artificiale

Amazon potrebbe essere a un punto di svolta nei suoi sforzi sull’intelligenza artificiale. Ad affermarlo sono gli analisti di Mizuho Financial Group basandosi su un sondaggio condotto tra i clienti. La banca di investimento giapponese ha messo in luce come la divisione cloud computing del gigante di Seattle sia in rapida crescita grazie alla nuova tecnologia, con l’aumento del numero di aziende che stipulano contratti per i data center. Nel rapporto di Mizuho si legge che le società sono disposte a pagare in anticipo e completare gli accordi, il che implica per Amazon Web Services un’accelerazione del processo di vendita.

Sul cloud i servizi sono sempre più sofisticati e comprendono “il monitoraggio delle prestazioni delle applicazioni, il software automatizzato per l’assistenza clienti e ampi progetti per il trasferimento dei sistemi” sottolineano gli esperti. L’avanzamento dei progetti di intelligenza artificiale generativa rappresenta lo sviluppo più significativo, secondo Mizuho: “L’indagine indica che i modelli progettati per l’uso da parte dei clienti (che rappresentano il 20% del totale) sono a circa 6 mesi dall’introduzione sul mercato”. Questo si traduce in un aumento dell’uso di tali modelli per una base di clienti ampia via via che diventano disponibili .

 

Amazon: per Mizuho le azioni valgono 240 dollari

Alla luce delle considerazioni di cui sopra, Mizuho ritiene che i ricavi di Amazon Web Services aumenteranno del 20% su base annua, rispetto al 17,5% previsto dal consensus. Di conseguenza “continuiamo a raccomandare Amazon come una scelta di investimento di prim’ordine, con un prezzo obiettivo per le azioni di 240 dollari“. Il titolo in Borsa ha chiuso l’ultima seduta in rialzo del 2,04% a 197,20 dollari. Dall’inizio dell’anno le azioni hanno aumentato del 29,79% la loro valutazione al NASDAQ, portando la società a una capitalizzazione 2.050 miliardi di dollari.

La scorsa settimana anche Wells Fargo ha espresso ottimismo circa le prospettive di Amazon, alzando il target price sulle azioni da 234 a 239 dollari. Ciò sulla base di ricavi per il 2024 sostanzialmente stabili e di un leggero aumento delle aspettative sul reddito operativo grazie ai migliori margini di Amazon Web Services. Nel frattempo, il vicepresidente della società David Zapolsky ha venduto 4.710 azioni a un prezzo di 195 dollari ciascuna per un totale di 918 mila dollari circa, secondo quanto risulta da un deposito normativo presso la Securities and Exchange Commission. L’operazione faceva parte di un piano prestabilito con la società.

 

L’accordo con Nexi

In Italia Amazon ha siglato oggi una partnership con la società di pagamenti Nexi,in base alla quale, attraverso il Bancomat Pay, i clienti del colosso statunitense potranno pagare i loro acquisti. La PayTech italiana metterà a disposizione la sua piattaforma tecnologica diventando technical provider di Amazon Italia. In questo modo gli utenti di Amazon avranno una possibilità di scelta in più al momento di regolare le transazioni online.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *