Amazon: pronto un investimento miliardario nel cloud in Italia - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Amazon: pronto un investimento miliardario nel cloud in Italia

Nell'immagine l'interno di un data center

Amazon potrebbe investire miliardi di euro nei data center in Italia. Secondo alcune indiscrezioni, l’unità di cloud Amazon Web Services (AWS) starebbe valutando la possibilità di espandere il suo business in Europa, allargando l’attuale sito a Milano e costruendone uno nuovo. In Italia il gigante di Seattle ha già messo piede nel 2020, quando ha avviato un piano di investimenti nel cloud da 2 miliardi di euro entro il 2029.

Secondo le indiscrezioni l’ultima iniziativa potrebbe andare oltre quella cifra, ma non arrivare ai 15,7 miliardi di euro che l’azienda investirà nei data center in Spagna. Le incursioni di Amazon nel Vecchio continente interessano anche la Germania, dove si prevede un nuovo investimento infrastrutturale in data center da 7,8 miliardi di euro entro il 2040 che darà lavoro a circa 2.800 persone. Inoltre, AWS sta costruendo un’infrastruttura per fornire i servizi cloud al settore delle telecomunicazioni e ha annunciato il primo cliente, Telefonica Deutschland, all’inizio del mese di maggio. .

 

Amazon si unisce ad altre big tech nel cloud in Italia

Il negoziato di Amazon con l’Italia si inserisce nell’ambito degli obiettivi del governo di includere un quarto operatore nel cloud di Stato. Per fare questo, Palazzo Chigi ha costituito il Polo strategico nazionale, partecipato da una serie di società italiane quali TIM, Leonardo, Sogei e Cassa Depositi e Prestiti Equity. Lo scopo è quello di ospitare informazioni e servizi strategici di tutte le amministrazioni centrali, le aziende sanitarie locali e le principali amministrazioni pubbliche locali. La lista degli operatori conta già altri tre colossi tecnologici americani, quali Microsoft, Alphabet e Oracle, ai quali cerca di aggiungersi Amazon.

Con l’avvento dell’intelligenza artificiale, molte aziende italiane stanno spendendo nel cloud, in un mercato stimato in 270 miliardi di dollari. Nel 2020 Alphabet ha stipulato un accordo da 1 miliardo di euro con Intesa Sanpaolo per la fornitura di servizi cloud su cui poggerà l’istituto di credito digitale Isybank lanciato lo scorso anno. Microsoft nel 2020 ha avviato un piano di investimenti da 1,5 miliardi di dollari, a cui è seguito l’annuncio lo scorso anno del lancio della sua prima regione cloud in Italia.

Operare in Europa per le big tech americane ha anche come traguardo quello di superare le divisioni regolamentari del settore del cloud tra le due sponde dell’Atlantico. In un quadro normativo che ancora langue, la costruzione dei data center nel suolo europeo permette di entrare a pieno titolo nelle informazioni riservate dei clienti anche pubblici, sollevando però questioni di privacy. Questo è un aspetto dibattuto ma nel frattempo le grandi aziende trovano terreno fertile per fare affari miliardari.

AUTORE

Picture of Johnny Zotti

Johnny Zotti

Laureato in economia, con specializzazione in finanza. Appassionato di mercati finanziari, svolge la professione di trader dal 2009 investendo su tutti gli strumenti finanziari. Scrive quotidianamente articoli di economia, politica e finanza.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *