Amedeo Modigliani, le 5 opere più costose vendute all'asta - Borsa&Finanza
Cerca
Close this search box.

Amedeo Modigliani, le 5 opere più costose vendute all’asta

Un quadro di Modigliani

Il record assoluto per Amedeo Modigliani nella speciale classifica delle sue opere più costose vendute all’asta sfonda i 170 milioni di dollari, quasi quanto Le femmes d’Alger di Pablo Picasso. Ma qual è la Top 5 quando si parla di Modì, uno degli artisti più influenti, inquieti e maledetti di sempre? I lavori del classico contemporaneo per eccellenza, morto tragicamente ad appena 35 anni ed amato e imitato in tutto il mondo, sono concentrati in un breve ed esplosivo periodo di tempo.

 

Amedeo Modigliani: le opere più costose vendute all’asta

Dipinti, sculture, disegni, persino schizzi trovati sotto le tele e scovati da curatori e galleristi: Modigliani è protagonista di una carriera fulminante fatta di sperimentazione, scoperta e ricerca continua. Sono soprattutto i nudi sdraiati, considerati la sua produzione migliore, a far finire Dedo insieme a Leonardo e Picasso nella Top 3 globale degli unici artisti al mondo le cui opere sono state vendute a oltre 150 milioni di dollari. Ecco le 5 opere dell’artista livornese che hanno raggiunto cifre altissime all’incanto, senza considerare le vendite private.

 

Ritratto di Paulette Jourdain

Nato nel 1884, Modigliani muore a Parigi il 24 gennaio 1920 per una meningite tubercolare: poco prima della sua scomparsa, nel 1919, dedica questo olio su tela alla donna di servizio della famiglia di Léopold Zborowski, il poeta e mercante d’arte polacco, amico, protettore e promotore che aiuta il pittore cercando di vendere i suoi lavori ai ricchi turisti. Uno degli ultimi quadri di Modigliani, con il caratteristico collo allungato autentico marchio d’identità dell’autore, finisce all’asta da Sotheby’s a New York nel novembre 2015 e fa alzare le palette fino a 42,8 milioni di dollari.

Ritratto di Paulette Jourdain di Amedeo Modigliani
Ritratto di Paulette Jourdain (foto: Sotheby’s)

 

Nudo seduto su un divano

È del 1917 questo dipinto che suscita enorme scandalo all’epoca. La modella è Jeanne Hébuterne, l’amante e musa del pittore, morta suicida all’età di 21 anni due giorni dopo la scomparsa di Modì. Le forme e le linee, lo sguardo sensuale e il drappo bianco a coprire il corpo voluttuoso ne fanno uno dei suoi quadri più famosi ed intensi. Tanto che nel novembre 2010 da Sotheby’s a New York è battuto a 68,9 milioni di dollari, venduto dall’industriale Halit Cıngıllıoğlu ad un acquirente rimasto sconosciuto.

Nudo seduto su un divano di Amedeo Modigliani
Nudo seduto su un divano (foto: Sotheby’s)

 

Tête

La scultura è uno degli aspetti meno conosciuti e documentati e più suggestivi ed intricati nell’opera di Modigliani. Quasi tutte le sue sculture sono realizzate fino al 1914 e profondamente influenzate dall’incontro con Constantin Brâncuși, il padre della scultura contemporanea. Una prima tête scolpita tra il 1911 e il 1912 passa da Christie’s a New York nel giugno 2010 per 43,1 milioni di dollari. Ancora meglio fa un’altra testa monumentale che nel novembre 2014 arriva da Sotheby’s sempre a New York: il martello si ferma a 70,7 milioni di dollari.

Tête di Amedeo Modigliani
Tête (foto: Sotheby’s)

 

Nudo disteso

Modigliani comincia a dedicarsi ai nudi femminili negli anni della formazione accademica a Firenze e a Venezia. Diversi anni dopo, nel 1917, dedica questa tela ad una giovane donna dalle spiccate rotondità, adagiata su un fianco e su uno sfondo dalle tonalità calde. Peccato che la mostra alla galleria Berthe Weill di Parigi dov’è esposto in vetrina per la prima volta sia un fiasco: il pittore è accusato di oltraggio al pudore e l’esposizione è costretta a chiudere in anticipo. Nel maggio 2018 il quadro è venduto all’asta da Sotheby’s a New York dai fratelli Ezra e David Nahmad (tra i mercanti d’arte più influenti del mondo) a un compratore anonimo: prezzo 157,2 milioni di dollari.

Nudo disteso di Amedeo Modigliani
Nudo disteso (foto: Sotheby’s)

 

Nudo sdraiato

Nu couché è una delle opere più celebri di Modigliani: realizzato tra il 1917 ed il 1918 nell’appartamento parigino di rue Joseph Bara, il quadro ritrae una donna sdraiata su un sofà a mani giunte, manifesto organico e naturale di un erotismo innocente e del genio infinito del pittore. Nel novembre 2015 la storica dell’arte e collezionista Laura Mattioli (che ha acquistato la tela nel 2003 per 26,9 milioni) la mette all’asta da Christie’s a New York: il miliardario cinese Liu Yiqian, fondatore con Wang Wei del Long Museum di Shanghai, la compra per 170,4 milioni di dollari. Ad oggi è in assoluto l’opera più costosa di Modigliani e il secondo quadro più costoso al mondo.

Nudo sdraiato di Amedeo Modigliani
Nudo sdraiato (foto: Christie’s)

 

Uno dei più importanti artisti del Novecento non poteva che realizzare vendite stellari anche nel comparto dei private sales. In questo caso, il record spetta a Nudo disteso con cuscino blu del 1916: nel 2012 in una vendita privata che ha per tramite il controverso mercante svizzero Yves Bouvier dall’imprenditore americano Steven A. Cohen, il fondatore di Point72 Asset Management, al miliardario russo Dmitry Rybolovlev, passa di mano per la cifra di 118 milioni di dollari.

AUTORE

Alessandro Zoppo

Alessandro Zoppo

Ascolta musica e guarda cinema da quando aveva 6 anni. Orgogliosamente sannita ma romano d'adozione, Alessandro scrive per siti web e riviste occupandosi di cultura, economia, finanza, politica e sport. Impegnato anche in festival e rassegne di cinema, Alessandro è tra gli autori di Borsa&Finanza da aprile 2022 dove si occupa prevalentemente di temi legati alla finanza personale, al Fintech e alla tecnologia.

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *